Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Psicologia online: impatto e importanza al giorno d'oggi

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Osservando i nostri dati, negli anni risulta chiara una crescita esponenziale delle richieste di supporto psicologico online. Come si può spiegare questo fenomeno?

22 GIU 2016 · Tempo di lettura: min.
Psicologia online: impatto e importanza al giorno d'oggi

La Psicologia, un tempo vista come un'esigenza di persone con problemi, è entrata nella vita quotidiana ed è diventata accessibile a tutti, sia perché è cambiato il modo di considerarla (non più a beneficio dei "matti") sia perché la stessa si è avvicinata alle persone con il suo ingresso nel mondo online.

GuidaPsicologi.it, portale di riferimento attivo dal 2008, ha saputo assecondare questa tendenza e ha registrato negli anni un aumento progressivo delle richieste di sostegno psicologico sul web.

Come spiegarsi questo fenomeno? Sicuramente è cambiato il modo di approcciarsi all'informazione e alle interazioni, per cui Internet è diventata una piattaforma universale, gratuita e democratica per accedere a qualsiasi tipo di informazione o servizio o iniziare una relazione.

Anche la Psicologia ha deciso di fare questo passo, offrendo risultati positivi a vantaggio tanto della professione quanto dell'utenza. Poter scrivere sui propri dubbi, sulle proprie insicurezze, sulle proprie ansie dietro uno schermo sicuramente facilita la possibilità di esprimersi e condividere i propri pensieri liberamente, andando incontro anche alle esigenze di chi ha problemi a muoversi da casa. Per i professionisti comporta invece una migliore gestione del proprio tempo e dei propri spazi.

GuidaPsicologi ha creato una piattaforma capace di unire queste due richieste e farle trovare in un contesto neutrale e funzionale. Dalla domanda rivolta a tutti i professionisti, agli articoli, alle richieste di informazioni, il portale ha visto crescere il numero di relazioni tra utenti e psicologi e i dati lo dimostrano.

Dati Guidasicologi.it

visite.jpgrichieste.jpg

La crescita del portale è stata parallela all'aumento di interesse degli utenti e dei professionisti verso la Psicologia Online. Questi numeri, infatti, sono sostenuti anche dall'incremento di iscrizioni sul portale da parte di professionisti: dal 2011 al 2015 sono cresciute del 417%.

Anche la sezione delle domande si è sviluppata negli anni, e in maniera piuttosto netta. Dalle 867 domande poste dagli utenti nel 2013, siamo passati a 1310 domande nel 2014 per arrivare a 2215 nel 2015. Nei primi cinque mesi del 2016, sono state invece ben 1431. La tendenza è decisamente in aumento, e probabilmente destinata a crescere.

I nostri esperti non sono stati da meno: hanno partecipato attivamente rispondendo ai dubbi degli utenti. Le loro risposte nel 2013 sono state 6882, nel 2014 8227 e nel 2015 ben 14086. Nei primi cinque mesi del 2016 sono state, invece, 6434. Questi dati indicano una buona predisposizione da parte degli psicologi, i quali si stanno adattando alle evoluzioni della psicologia.

Chiediamo ad uno dei nostri professionisti il perché di questo fenomeno. Il Dott. Francesco Attorre, psicologo, psicosessuologo, coach e formatore, esercita la professione in provincia di Barletta. Dall'anno scorso si è unito al nostro portale per offrire più supporto ai pazienti. Dalla sua esperienza online è nata l'idea di pubblicare un libro con le domande più significative degli utenti di GuidaPsicologi.it, che sará nelle librerie già da luglio.

1. Di cosa parla il suo libro?

"Ai confini della coscienza. Domande e risposte con lo psicoterapeuta", Aldenia Edizioni, parla di Psicologia, di Psicoterapia, ma anche di storie comuni, di bisogni insoddisfatti, di desideri forse mai sognati, di momenti difficili, di ansie e di paure, in una parola parla di dolore. Il dolore di ogni essere umano che racchiude la sua storia. Nel portale GuidaPsicologi.it gli utenti diventano protagonisti della propria vita e del proprio dolore, ma anche della voglia di riscattarsi. Per questo ho deciso di raccogliere alcune domande, per dare ancora più voce alle loro richieste di aiuto. Rispondendo alle domande, come terapeuta entro nel vivo delle loro storie e cerco di guidarli. Diciamo che ho cercato di essere lo "psicoterapeuta della porta accanto". L'intento finale è comunque quello di invitare i pazienti a riflettere sull'importanza della psicologia come strumento del proprio benessere personale e in questo il vostro portale è di grande aiuto, perché siete un insieme importante di persone, un filtro sulla realtà, un contatto con il mondo del dolore, il dolore della vita.

2. Perché pensa che le persone si rivolgono a GuidaPsicologi.it?

Perché hanno bisogno di raccontarsi a qualcuno che sappia ascoltarle veramente, e rassicurarle profondamente. Leggo storie struggenti, richieste disperate di aiuto, con l'obiettivo di comprendere appieno le situazioni che la vita regala ogni giorno così da non farle diventare esperienze di dolore. Però dietro quel dolore si racchiude anche la spinta verso il miglioramento e la crescita personale.

3. Ha avuto modo di verificare le condizioni di alcuni pazienti dopo essersi rivolti al portale?

Direttamente no, tuttavia valutando i commenti emerge una più che discreta soddisfazione da parte dei partecipanti in relazione al portale e all'essersi in qualche modo confidati in pubblico.

4. Quali possono essere i pro e i contro della Psicologia online?

Sono uno dei pionieri della Psicologia online e faccio spesso anche seminari online e sessioni per telefono. Diciamo che utilizzo diversi strumenti per l'approccio online e quindi ne riconosco vantaggi e svantaggi. Tra i primi sicuramente quello di avere un senso di libertà totale, non solo nella gestione degli orari e degli spazi, ma anche e soprattutto nella comunicazione. Il paziente, dietro uno schermo, si sente molto più libero di raccontare i suoi eventi e non si creano quelle barriere legate all'imbarazzo. Inoltre la sessione online è registrabile, per cui il terapeuta può rivedere la seduta e notare nuovi dettagli, prendendo appunti e strutturando la terapia con molti più dati a disposizione. Svantaggio principale è la mancanza di contatto diretto, il paziente e il terapeuta non possono sentire le vibrazioni dell'altro e anche il linguaggio del corpo rimane più limitato.

5. Quali sono le nuove frontiere della Psicologia?

Credo si espanderà in modo esponenziale affinandosi con tecniche sempre nuove e diverse, e si servirà di strumenti tecnologici di altissimo valore. Presto le App telefoniche ed il virtuale reclameranno uno spazio sempre maggiore nelle vite quotidiane che si rifletterà in ogni settore. Tuttavia è e resterà sempre il rapporto umano l'unica vera cura in grado di guarire e generare benessere. Per questo vedo lo psicologo come riferimento assoluto di intere generazioni. Mentre insegna a "stare in relazione".

Conclusioni

La richiesta di un supporto psicologico si sta adeguando alle tendenze tecnologiche e per questo molte persone preferiscono avere il loro primo approccio con la Psicologia attraverso il web. Noi di GuidaPsicologi.it siamo lieti di facilitare questo processo di avvicinamento tra la psicologia e il paziente, e il successivo raggiungimento della salute e benessere mentale. Ci auguriamo di permetterlo anche in futuro, per avere cittadini più felici e sereni e utenti web più consapevoli.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

ultimi articoli su orientamento professionale