Ossessioni, rituali, manie e compulsioni

Cosa si intende per ossessione? Quando si può parlare di disturbo ossessivo-compulsivo?

2 SET 2019 · Ultima modifica: 3 OTT 2019 · Tempo di lettura: min.
Ossessioni, rituali, manie e compulsioni

Il termine ossessione è definito come "un disturbo emotivo prodotto da un'idea fissa" o come "un'idea che, con tenace persistenza, assale la mente".

Fai il nostro test e scopri se hai la tendenza a ossessionarti!

Colloquialmente, di solito, si parla più di "manie" che di "ossessioni", perché pensiamo che le manie siano in una certa misura normali, e che tutti le abbiano.

Per esempio diciamo: "ho la mania di contare i passi che faccio quando cammino"; "ho l'abitudine di sommare i numeri di targa delle auto"; "ho l'abitudine di controllare più volte se ho chiuso la porta del garage"; "ho l'abitudine di lavarmi le mani molte volte durante il giorno"; "ho l'abitudine di leggere due volte quello che sto leggendo", etc. Questi sarebbero alcuni sintomi ossessivi a cui ci riferiamo con la parola "manie".

La verità è che non tutti i sintomi sono gravi allo stesso modo, ma rispondono, infatti, a un continuum e bisognerebbe prendere in considerazione la loro intensità e la loro frequenza, specialmente se stanno causando un deterioramento della vita personale, sociale , famigliare o lavorativa.

Quando si parla della costanza di questi sintomi, si intende che ci sono livelli diversi che vanno dal meno grave, che corrisponde alla presenza di tratti ossessivi, a quelli più gravi in cui siamo di fronte a un disturbo ossessivo della personalità o un disturbo ossessivo-compulsivo.

I tratti ossessivi

Quando parliamo di tratti ossessivi, ci riferiamo a puntualità, ordine, responsabilità, auto-esigenza e meticolosità, caratteristiche che sono molto apprezzate socialmente e ancor più nel mondo del lavoro . Questo modello di comportamento è sinonimo di buon lavoratore, che si preoccupa degli interessi dell'azienda e che magari mette in secondo piano quelli della famiglia. Questo di solito significa che la persona è molto apprezzata dai suoi capi e si mostra molto accondiscendente, responsabile ed esigente nel suo lavoro, ma è molto diverso nella sua vita familiare in cui probabilmente è  molto rigido e intransigente.

Il disturbo ossessivo della personalità

Potremmo parlare di disturbo ossessivo della personalità quando le caratteristiche di cui sopra sono esagerate e producono un significativo deterioramento dell'ambiente familiare, sociale e lavorativo. Le persone con questo disturbo sono generalmente caratterizzate da un'eccessiva preoccupazione per l'ordine, per l'organizzazione e per gli orari; da un'eccessiva dedizione al lavoro lasciando da parte gli obblighi familiari, sociali o il proprio tempo libero; inflessibilità e perfezionismo, incapacità di delegare agli altri o difficoltà a vedere altri punti di vista diversi dal proprio sono altre caratteristiche.

Il disturbo ossessivo - compulsivo

Il disturbo ossessivo-compulsivo è il livello più grave, in cui ossessioni e compulsioni (rituali) sarebbero gli esempi che abbiamo esposto all'inizio, e sarebbero in grado di causare l’incapacità di portare avanti una vita quotidiana normale, nonostante la persona in molti casi si renda conto dell'assurdità dei suoi pensieri e dei suoi comportamenti.

Riassumendo, è importante sottolineare che le "manie" non riflettono sempre un disturbo di fondo, ma se alcuni pensieri, rituali o "manie" occupano una parte importante della giornata, e se presentano varie delle caratteristiche sopra descritte compromettendo la quotidianità della persona e intralciando una o più aree della sua vita, allora è necessario un intervento professionale.

Bisogna dunque prestare attenzione, senza ossessionarci, a quei comportamenti che, lungi dall'essere scelti da noi, ci rendono meno liberi.

Articolo di Instituto de Psicología PSICOMED pubblicato su MundoPsicologos.com

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

ultimi articoli su disturbo ossessivo compulsivo