Gli attacchi di panico: cosa sono e perché vengono?

L'attacco di panico è un messaggio che la tua mente invia perché vuole che ti fermi ad ascoltarla. Non è la situazione eterna che scatena l'attacco: è il mio mondo interno a crearlo.

28 OTT 2020 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Gli attacchi di panico: cosa sono e perché vengono?

Innanzi tutto è importante fare una distinzione tra attacco di panico e ansia per evitare confusione.

L'attacco di panico può essere descritto come una comparsa inaspettata di paura intensa che raggiunge il culmine nel giro di pochi minuti. I sintomi prevalenti sono: palpitazioni, sensazione di soffocamento, sensazione di essere fuori dalla realtà, dolori al petto, eccessiva sudorazione, paura di morire. Soprattutto vi è la preoccupazione persistente che l'attacco possa ripresentarsi in qualsiasi momento, senza preavviso, e per questo motivo si evitano situazioni in cui si è verificato l'attacco o in cui sia difficile trovare istantaneamente una via d'uscita.

È l'improvvisa paura e la forte sensazione di pericolo che distinguono l'attacco di panico dall'ansia. Quest'ultima può essere generalizzata, quando ci si trova in uno stato di disagio e tensione che persistono nel tempo, oppure riferita a una specifica situazione o evento.

Ma perché sopraggiunge l'attacco di panico? Cos'è? A cosa è dovuto?

Per rispondere a queste domande bisogna prima fare un passo indietro. Sin da molto piccoli il nostro cervello registra eventi e situazioni incamerandole in specifici ''cassetti'', li chiameremo così.

Questi cassetti possono contenere eventi che ricordiamo facilmente oppure situazioni o episodi che vengono messi sottochiave e confinate in un angolo buio e polveroso della nostra mente. Perché? Prevalentemente per difesa. Inoltre ad ogni situazione o evento vissuto è associata un'emozione. Per cui se, ad esempio, alle elementari il mio compagno di banco mi prendeva in giro perché portavo l'apparecchio sarà anche l'emozione legata a quel ricordo che verrà registrata e messa da parte.

Alcune delle informazioni, e di conseguenza le emozioni a esse associate, vengono per l'appunto depositate in cassetti della mente a cui risulta difficile accedere. Come mai accade questo? Perché le emozioni a esse associate sono troppo dolorose o inaccettabili per cui la mente semplicemente le rimuove, come direi nel mio gergo. Ma, attenzione, anche se rimosse non significa che siano sparite. L'energia legata a quell'emozione troppo dolorosa o difficile da accetare resterà in circolo, spingendo per andare allo scoperto. E allo scoperto ci andrà, si, ma come? Sotto forma di sintomo -ansia, attacco di panico, disturbo alimentare ecc.-

Ora, ogni evento vissuto nel nostro presente si lega e specifici eventi vissuti nel passato. Questo significa che se nella mia situazione attuale al lavoro, ad esempio, vivo molto male la pressione che tutti i giorni sento di subire e, dunque, ho iniziato ad avere attacchi di panico la causa non è di per sè legata alla situazione che sto vivendo oggi al lavoro ma alle informazioni che ho già registrato in passato e che guidano le emozioni che provo oggi.

In definitiva non è un evento esterno che determina il modo in cui io mi sento - il mio capo mi assilla per cui io ho gli attacchi di panico- ma il mio mondo interiore (fatto di emozioni, eventi passati, visione della vita in generale) che determina le emozioni che provo a seguito della situazione che sto vivendo adesso. E questo vale per qualsiasi evento io stia vivendo. L'attacco di panico è una voce che spinge per essere ascoltata. È la tua mente che sta inviando messaggi affinché tu possa fermarti e restare in ascolto. Solo ascoltando quella voce, e prendendoti del tempo per portare luce negli spazi dimenticati della tua mente, sarà possibile addolcire quelle emozioni grezze e renderle innocue.

Come posso fare tutto questo se non ho gli strumenti adatti allo scopo? È a questo che serve la psicoterapia: a fornirti di quegli strumenti che ti permetteranno di mettere ordine nella tua mente e, soprattutto, di entrare in contatto con l'Io più autentico di te stesso.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Giusi Maugeri

Bibliografia

  • Carotenuto A. (1991) Trattato della personalità e delle differenze individuali, Raffaello Cortina Editore, Milano
  • Bergeret J. (1984) La personalità normale e patologica, Raffaello Cortina, Milano
  • Freud A. (1967) L'Io e i meccanismi di difesa, Martinelli, Firenze
  • Freud S. (1975) Opere, Boringhieri, Torino

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

1 Commenti
  • Beatrice Lustri

    Dopo la perdita di due parenti la notte non dormo sto sempre piena di dolori ho paura di morire e mi fa male spesso al petto

ultimi articoli su attacchi di panico