Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

pornografia virtuale e vita sessuale rara

Inviata da Francesca il 22 apr 2014 Problemi sessuali

ho scoperto che mio marito guarda quotidianamente dei film pornografici sul pc. Fin qui niente di male se non fosse che da qualche anno ha problemi di DE e quindi i nostri rapporti sono ormai molto rari. Abbiamo consultato un medico andrologo che ha prescritto esami ed ecografie e tutto è ok. ovviamente a lui non ha detto dei film hard anche perché in teoria io non dovrei saperlo. Gli ha confermato di non avere calo di desiderio. Poi un giorno ho scoperto un suo autoscatto ai genitali.... Non so come affrontare l'argomento... anche perché è una situazione che temo di non saper gestire. Per il momento provo solo tanta rabbia perchè nonostante io cerchi di rassicurarlo e di non farlo pesare, questo problema sta diventando una parete di gomma tra noi. Dimenticavo abbiamo entrambi 52 anni e fino ad ora l'accordo sessuale era buonissimo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile signora Francesca,
ha provato a chiedere un consulto ad un sessuologo clinico? Mi sembra la persona più adatta per capire e trovare soluzioni per quanto qui riferisce.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale in frriuli venezia giulia

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1560 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

In effetti vorrei prima essere in grado di gestire la mia rabbia perché dopo 30 anni di matrimonio scoprire determinate cose del proprio partner spiazza e rende il rapporto poco sincero, anzi direi quasi che ne mina le fondamenta! La prima reazione è il mio senso di colpa (dove avrò sbagliato?) ma quando ho sollecitato un dialogo parlando solo della scarsa frequenza dei nostri rapporti (1 ogni due mesi usando il Levitrax) senza dirgli che ho scoperto l'uso e l'abuso della pornografia da parte sua (sono vigliacca?) , lui si è chiuso in un mutismo da cane bastonato facendo aumentare il mio inutile senso di colpa. Con questo atteggiamento ovviamente mi tiene in scacco perché non conosco le conseguenza nel caso insistessi nel pretendere la verità. Il mio amore per lui è rimasto immutato, io sono sempre stata a favore del dialogo, anche quello scomodo, e per la risoluzione dei problemi condividendoli (credo senza presunzione di essere molto aperta a tutte le possibili risposte fosse anche quella di sapere che non mi ama o non mi desidera più cosa che lui nega in maniera decisa) .
Pretendere di conoscere la verità credo sia un mio diritto visto il mio malessere e disagio al procrastinarsi di questa situazione dalla quale dubito se ne venga fuori senza chiarimenti, anche se dolorosi .
Quello che mi preoccupa, a parte il peggioramento della qualità del nostro rapporto non solo fisico, è che dopo aver fatto diverse ricerche in internet, ho scoperto che le conseguenze dell'assidua frequentazione dei siti pornografici crea delle disfunzioni anche a livello cerebrale... quindi sono anche preoccupata per il suo stato di salute.
Sapete indicarmi un bravo o brava collega a Torino?

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesca,
Suo marito è caduto in uma forma di "dipendenza", simile per capirci alla tossicodipendenza, alcoldipendenza: pornodipendenza da Internet. Si tratta di una patologia in forte incremento in questi ultimi anni, in grado di mettere in difficoltà più di una coppia. Fortunatamente esistono anche ormai specifiche terapie: ogni sessuologo clinico e psicoterapeuta è in grado di effettuarle. I nominativi li trova sul sito della FISS (FEDERAZIONE ITALIANA SESSUOLOGIA SCIENTIFICA) cliccando sulla regione di appartenenza.
Abbia fiducia.
Dott. Brunialti.

Dr.Brunialti, psicoterapeuta, sessuologa, psicologa europea Psicologo a Rovereto

212 Risposte

676 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno dalla sua descrizione dei fatti emerge un compagno che ha progressivamente investito in una sessualità individuale accompagnata da utilizzo di materiale porno grafico a discapito di una sessualità di coppia. L'abitudine ad utilizzare materiale di questo tipo rende la sessualità di coppia sempre meno interessante ed appetibile, poiché la persona si abitua ad una varietà di stimoli sessuali che trova nel mondo virtuale che non saranno mai riscontrabili nel mondo reale; è come se la persona si abitua per anni a mangiare speziato, poi quando torna alla dieta standard trova tutto insipido e gli passa la voglia di mangiare quel tipo di cucina. Chiaramente questo è un problema psicologico individuale e relazionale a tutti gli effetti e richiede un intervento specialistico di uno psicoterapeuta che sia anche sessuologo. Per esperienza la parte piú difficile in queste situazioni è il portare la persona alla consapevolezza di avere un problema, dopodiché si passa all'intervento sul problema.
Saluti Marco Forti

Dott. Marco Forti - Psicologo & Sessuologo Psicologo a Civitanova Marche

2 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Francesca, in questi casi non si può assolutamente intervenire sulla persona per cambiarla, quindi, più che indurre tuo marito ad intraprendere una psicoterapia di qualsiasi genere, dovresti farti aiutare in prima persona per accogliere le cose così come stanno e se vuoi bene e stimi il tuo compagno, trovare il modo di coinvolgerlo maggiormente dal punto di vista sessuale, con te. Da qui sono disponibile ad approfondire la questione, se lo ritieni necessario. Buona giornata.

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

623 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ringrazio i dottori Zucconi e Mostacci per il consiglio. In effetti vorrei prima essere in grado di gestire la mia rabbia perché dopo 30 anni di matrimonio scoprire determinate cose del proprio partner spiazza e rende il rapporto poco sincero, anzi direi quasi che ne mina le fondamenta! La prima reazione è il mio senso di colpa (dove avrò sbagliato?) ma quando ho sollecitato un dialogo parlando solo della scarsa frequenza dei nostri rapporti (1 ogni due mesi usando il Levitrax) senza dirgli che ho scoperto l'uso e l'abuso della pornografia da parte sua, lui si è chiuso in un mutismo da cane bastonato facendo aumentare il mio inutile senso di colpa. Con questo atteggiamento ovviamente mi tiene in scacco perché non conosco la conseguenza nel caso insistessi. Il mio amore per lui è rimasto invariato, io sono per il dialogo e per la risoluzione dei problemi condividendoli (credo senza presunzione di essere molto aperta a tutte le possibili risposte fosse anche quella che non mi ama più cosa che lui nega in maniera decisa) . Quello che mi preoccupa, a parte il peggioramento della qualità del nostro rapporto non solo fisico, è che dopo aver fatto diverse ricerche in internet, ho scoperto che le conseguenze dell'assidua frequentazione dei siti pornografici crea delle disfunzioni anche a livello cerebrale... Sapete indicarmi un bravo o brava collega a Torino?
Grazie ancora per la Vostra competenza.
Francesca
e

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent,ma Francesca

Il problema che ha esposto è un particolare disturbo che si chiama disturbo ossessivo compulsivo. Questo tipo di disturbo come la chat dipendenza, il gioco d'azzardo, la dipendenza pornografica si basano su una sensazione piacevole che assorbe completamente il soggetto e lo isola dal mondo. Il suo trattamento non è dei più complessi ed è di non difficile risoluzione. Uno dei modi per risolvere è proprio giocare sul fatto che suo marito la tiene all'oscuro di tutto. Se vuole ulteriori informazioni sono a disposizione.

Cordialmente

Dott. Ioimo

Dott. Giorgio Ioimo Psicologo a Torino

33 Risposte

52 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Francesca,
può proporre al suo compagno di intraprendere insieme una psicoterapia di coppia anche se da quello che scrive non è chiaro il livello di consapevolezza del problema da parte di lui. Può anche iniziare Lei stessa un sostegno psicologico che l'aiuti ad elaborare il cambiamento del vostro ritmo di coppia e la rabbia che ora, dopo la scoperta, lei prova.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1715 Risposte

2803 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79300

Risposte