Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il mio ragazzo è depresso per l'università

Inviata da Anonimo il 26 ago 2018 Depressione

Salve.
Sono una ragazza di 20 anni e sono fidanzata da quasi 4 anni con un ragazzo di 20 anni. Quest'anno abbiamo frequentato entrambi il primo anno di università, io giurisprudenza e lui medicina in due città differenti e abbastanza distanti (5/6 ore di treno).
Premetto che andavamo al liceo insieme e avevamo entrambi buoni voti, anche se lui era molto più bravo (è uscito con 100 e lode) e ci ha sempre tenuto tantissimo ad andare bene a scuola.
Quest'anno, nonostante io abbia cominciato con un po' di fatica, ho ottenuto buoni risultati e nel complesso sono soddisfatta dell'Università, sia per i voti, sia per le materie che per l'ambiente.
Per quanto riguarda il mio fidanzato, le cose non vanno nello stesso modo. Il primo semestre è andato benino, anche se non ha avuto i voti a cui era abituato. Il peggio è cominciato il secondo semestre: ha cominciato a lamentarsi tutti i giorni perché non riusciva a studiare bene come voleva lui ed era sicuro che gli esami sarebbero andati malissimo. Ha fatto 2 esami nella sessione estiva con risultati mediocri, di cui non era soddisfatto, anche perché durante gli esami andava in confusione. Ad agosto ha cominciato a studiare per l'ultimo esame della sessione che aveva deciso di fare a settembre e le cose sono peggiorate. Sta sempre a casa sua, non vuole uscire con i suoi amici, mi viene a trovare raramente e quando stiamo insieme è sempre di pessimo umore. Dice di non riuscire a vedere un senso nelle cose che fa, non gli va più di studiare, non è curioso di imparare e non sa se la sua facoltà gli piace o meno. L'altro giorno mi ha confessato che secondo lui è depresso.
Io non so più come comportarmi: inizialmente ho sminuito i suoi sentimenti e ho provato a spronarlo a fare di più, ma evidentemente non ha funzionato, anzi molte volte ci portava solo a litigare senza motivo. Poi gli ho suggerito di andare da uno specialista per parlare dei suoi problemi, perché per quanto io lo ami e voglia aiutarlo, non riesco a capire il suo punto di vista e mi innervosisco molto quando parlo con lui. Inoltre una cosa che mi infastidisce molto è il fatto che compara sempre i suoi risultati attuali con i miei, come se io li avessi comprati al supermercato, invece ci ho messo tanto impegno, cosa che a lui ora manca totalmente.
Non è contrario ad andare da uno psicologo, ma si vergogna a spiegare la situazione ai suoi genitori, ho provato a spiegargli che non c'è niente di male a chiedere aiuto quando si è in difficoltà, ma non so se ascolterà mai i miei consigli.
Ultimamente ho provato ad assecondarlo e a evitare di far trapelare il mio dolore per tutta questa situazione, ma sono veramente stanca e non so quanto potrò andare avanti.
Alcune volte ho pensato di lasciarlo, ma non ho mai trovato il coraggio perché ho paura della sua possibile reazione, è fragile e ho paura di ferirlo troppo.
So di poter apparire come una pessima fidanzata, ed effettivamente mi ci sento, però sono fatta così, sono poco paziente e mi innervosisco facilmente.
Vorrei solo sapere cosa posso comportarmi per gestire al meglio questa situazione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buonasera Monica,
sarebbe opportuno che il suo ragazzo possa vedere uno specialista per valutare l'eventuale presenza di una sindrome depressiva. Provi a supportarlo ulteriormente in questa direzione, lei non può da solo cambiare le cose e prendersi delle responsabilità che non le riguardano.

Cordialmente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

397 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Monica,
effettivamente, da quello che racconta, sembrerebbe che il suo ragazzo stia attraversando un momento depressivo che va contestualizzato e capito un pò meglio.

Mi sembra che lei abbia già lavorato molto sostenendo il suo compagno e spronandolo a chiedere aiuto. La sua parte l'ha fatta, ora spetta a lui decidersi a farsi aiutare.
Come le suggerisce il collega, lei non può sobbarcarsi le difficoltà del suo compagno.

In bocca al lupo!
Dott. Alberto Mordeglia

Dott. Alberto Mordeglia Psicologo a Busca

81 Risposte

118 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20300

domande

Risposte 80000

Risposte