fine relazione dopo tre anni e solo due mesi di convivenza

Inviata da Marco Mantelli · 21 dic 2021 Terapia di coppia

Buonasera,
sto vivendo una situazione molto triste. Ho vissuto per tre anni una relazione a distanza. Nonostante questo, si erano concretizzati progetti matrimoniali e l'acquisto, da parte di lei, della casa confinante con la mia. A maggio del 2021 viene meno la distanza perché lei ottiene il trasferimento nella mia città. Si profila, quindi, l'inizio della convivenza. Che non inizia bene perché lei mi impone il cane che aveva deciso, senza mai chiedermi cosa ne pensassi, mentre vivevamo in città diverse. Ad ogni modo, il cane arriva assieme a lei nella mia città. Io cerco di adeguarmi e piano pjano anche ad occuparmene. Lei, dal canto suo, non collabora alla gestione domestica, se non in maniera minimale. Nascono, quindi, tensioni e conflitti che, oggi, sono sfociati dell'annullamento del matrimonio, nel suo trasferimento nella casa confinante con la mia e nel silenzio più totale da parte sua che solo con grande sforzo qualche rara volta, per cercare di recuperare le cose, sono riuscito a scalfire. Naturalmente, senza ottenere nulla. Continuamo a vi vere da vicini di casa che, solo qualche mese fa, avevano un progetto di vita a due. E che, ora, si ignorano. Lei lamenta mancanze di rispetto da parte mia nonostante mi fossi "ridotto" a farle da cuoco, uomo delle pulizie, dog sitter e quant'altro fosse necessario ad arredare/rendere funzionale l'appartamento nel quale, ora, vive sola col cane. Mi ha accusato del fatto che non facevo dormire il cane con lei e di "averla sbattuta fuori di casa" mentre è lei che, i primi di luglio, comunicò - di punto in bianco- la decisione di andare a comprare i mobili per andare a star sola. Ho fatto di tutto per recuperarla ma è inattaccabile. Più che una rottura sembra una punizione per aver fatto non si sa bene cosa abbia potuto far scattare in lei la corsa alla fuga. Dal canto mio, vivo un grosso senso di colpa e di impotenza, oltre che di calo di motivazione generale.
In attesa di ricevere una risposta, porgo un cordiale saluto.
Marco

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 DIC 2021

Gentile Marco,
percepisco nelle sue parole tutta la sofferenza e il dolore che la situazione le ha causato e che continua a darle. Un passaggio così netto e drastico dal progetto matrimoniale all'indifferenza completa, con anche la vicinanza abitativa, certamente non è di facile comprensione, ne di accettazione per poter poi superare la cosa.
Mi pare di capire che tutti i tentativi di recuperare la relazione siano naufragati e che quindi non ci siano spiragli di ripresa, e che l'unica strada percorribile sia quella dell'andare avanti e lasciarsi questa esperienza alle spalle: tuttavia, il senso di impotenza, il senso di colpa, e il dolore generale impediscono qualsiasi azione attiva e proattiva per riemergere.
La invito a rivolgersi ad un terapeuta che sia in grado di aiutarla e sostenerla nel raccogliere i pezzi di questa esperienza, di trovare le miglioro strategie per ricomporre la storia da inserire nei novero delle sue esperienze, senza che possa continuare a farla soffrire.
A disposizione sia online che in studio, qualora volesse dedicarsi un suo spazio di ascolto su questo o altre questioni
Un cordiale saluto

Dr.ssa Maria Beatrice Brancati

Dott.ssa Maria Beatrice Brancati Psicologo a Padova

381 Risposte

95 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2021

Gentile Marco,
Leggo con interesse il suo racconto.
Dalla sua descrizione sembra evidente che ci sia stata una mancanza di comprensione e/o comunicazione tra le priorità di ciascuno.
In merito a quanto è stato scritto e qualora lo ritenesse opportuno potrebbe essere utile intraprendere una terapia di coppia, se il desiderio può essere condiviso anche dalla sua ex compagna.
D'altronde, quanto era in suo potere fare l'ha già fatto ed è importante nel rapporto di coppia rispettare il volere di entrambi i partner, in quanto il nostro volere e la nostra libertà finiscono dove iniziano quelli dell'altro.
In tutti i casi, nella sua situazione potrebbe essere altrettanto utile intraprendere un percorso terapeutico individuale per trovare strategie utili per affrontare situazioni problematiche come questa ed elaborare i pensieri emotivi connessi alla separazione che sta vivendo e che impediscono il benessere desiderato.
Se le potrebbe interessare sono disponibile ad aiutarla, anche online.
Resto a disposizione.
Sinceramente,
Dott. Gramaglia Giancarlo.

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

830 Risposte

396 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2021

Gentile Marco,
In questo momento mi sembra di capire che lei si sente vittima di un comportamento ambiguo da parte della sua ex compagna. Questo comportamento nasce da alcuni conflitti che si sono venuti a creare a seguito di un tentativo di convivenza in cui si era creata una situazione di squilibrio tra il ruolo che lei aveva assunto e il comportamento di pretesa che la sua ex compagna continuava a mettere in atto, prendendo decisioni senza tenere in considerazione il suo parere. Questo ha portato a una rottura la cui iniziatrice è stata proprio la sua ex, comprando i mobili per andare a vivere da sola, ma la cui colpa è stata scaricata interamente su di lei ("mi hai cacciata di casa"). E da allora, la sua ex, utilizza il silenzio e l'indifferenza per farla sprofondare in un profondo sentimento di ansia e angoscia, pur sapendo lei razionalmente di non aver fatto nulla che potesse scatenare un comportamento così.
La sua situazione appare particolarmente complicata e sebbene mi sia fatta un'idea generale, le informazioni sulla relazione non mi sono sufficienti né la la sua domanda risulta chiara.
Credo possa esserle utile richiedere un sostegno psicologico per fare fronte alla situazione personale di ambiguità in cui si ritrova e che sta creando una forte ambiguità anche emotiva da parte sua (mi sento in colpa pur sapendo di non avere colpe).
In questo frangente resto a sua disposizione anche per consulenze online. Non esiti a scrivere qualora necessiti o voglia delineare una ulteriore richiesta.
Un cordiale saluto,
Dott.ssa Simona Delli Santi

Dott.ssa. Delli Santi e Dott. Cinieri Psicologo a Oria

186 Risposte

114 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2021

Caro Marco,
Mi dispiace per la sofferenza che sta provando, mi arriva tra le sue parole un mix di emozioni contrastanti.
Immagino che non sia facile comprendere le motivazioni profonde della sua ex compagna, ma sarebbe necessario invece approfondire i suoi personali vissuti, così da agire in maniera concreta per elaborare la situazione e trovare delle strategie funzionali per fronteggiare la situazione. Mi colpiscono inoltre le sue parole sulla punizione e sui sensi di colpa che vive, nonostante non sappia bene e con precisione di quale eventuale sgarbo percepito da questa donna si tratti, lei comunque si sente così. E c’è del vero nelle sue parole, spesso il silenzio può essere usato o risultare appunto come una punizione, dunque caricare di colpe le spalle di chi lo riceve. Ma poi è davvero di questo che si tratta?
Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico per gestire al meglio quanto sente e tutta la situazione, in modo da ritrovare la spinta alla vita e quella motivazione che sembra aver perso.
Salutandola resto a sua disposizione.
Dr.ssa ASignorelli esperta in vita Relazionale e di coppia (sedute anche online)

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

753 Risposte

1113 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2021

Buongiorno Marco,
mi dispiace per la sofferenza che sta vivendo. La conoscenza di tre anni probabilmente non era sufficiente (forse perchè a distanza) e i nodi al pettine sono emersi all'inizio di una convivenza.
E' interessante notare come questa vicenda, così come la descrive e cioè piena di torti subiti, le procuri un senso di colpa.
Probabilmente le occorre un aiuto per lavorare un po' su di sé, ricostruire una sana autostima e vivere con maggiore serenità le sue relazioni.
Le auguro il meglio e resto a disposizione
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

1413 Risposte

785 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2021

Salve Marco, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè posso comprendere il dispiacere connesso. Ritengo importante che lei possa ritagliarsi uno spazio per elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi alla situazione e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente. Credo che un consulto psicologico possa esserle utile anche per identificare quei pensieri rigidi, maladattivi e disfunzionali che impediscono il benessere desiderato e mantengono la sofferenza in atto.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Anonimo-181068 Psicologo a Roma

1811 Risposte

530 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124250

Risposte