Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Crisi relazione, paura convivenza?

Inviata da monkeyHope il 9 ott 2019 Terapia di coppia

Salve, sono una ragazza di 32 anni e da qualche giorno sto vivendo una crisi che non so se collocare a livello personale o della relazione.
Sto ultimando gli studi che porto avanti da molti anni, il che mi crea abbastanza un senso di insoddisfazione, nell'ultimo anno non sono riuscita a dare nessun esame, anche se sono decisa a completare i pochi mancanti. Vivo nella città in cui studio insieme al mio ragazzo e un altro coinquilino, ma il finesettimana lo trascorro con la mia famiglia, esattamente come tutti gli studenti.
Il mese scorso io e il mio ragazzo abbiamo deciso di staccarci dal coinquilino, perchè un po' invadente in alcuni momenti e per vivere meglio la nostra realazione. Specifico che la proposta è partita proprio da me. Abbiamo già trovato l'appartamento ma sarà disponibile tra un paio di mesi.
Da qualche tempo , dopo un po' che metto piede nella casa in cui ancora viviamo con il coinquilino sento un senso di noia, misto a soffocamento e mi sono un po' chiusa nei confronti del mio ragazzo, sento un senso di insicurezza, ho pensato persino di lasciarlo. Lui è più piccolo di me, è un tipo abbastanza solitario, anche se non si tira mai indietro ogni volta che propongo di fare qualcosa insieme. Qualche tempo fa io ho parlato di un futuro con dei figli e lui si è mostrato un po' chiuso in questa direzione, forse anche a causa della mia insistenza. Questa per me è sempre stata una cosa a cui ho pensato spesso e sentirmene privata mi ha fatto sentire un po' male, non vorrei aver soffocato questo mio desiderio.
Ricordo che all'inizio della relazione si esprimeva poco e io mi sono sempre chiesta cosa provasse e ci stavo anche un po' male , poi però mi sono abituata al suo carattere e ho imparato a capire dai gesti quanto ci tenesse e ne ero più che felice.
Mesi fa , dopo aver fatto un viaggio con amici a cui lui aveva preferito non venire per motivi di studio e di energie, mi sono sentita nuovamente un po' dispiaciuta e gliene ho anche parlato. Anche al tempo avevo avuto una piccola crisi che sembrava poi essere risolta, anche se anche in quel momento avevo sentito come un sentimento di allontanamento.
Ora che si avvicina la convivenza nella nuova casa è come se mi sentissi poco bene nella vecchia e in sua presenza anche. La cosa è uscita fuori ed anche il discorso figli è tornato a galla, lui ha detto che aveva risposto in modo negativo solo a causa della mia insistenza. Ancora adesso però continuo a provare questa sensazione, ci sto male e mi sento un po' chiusa nei suoi confronti, mi chiedo se sia abbastanza maturo da affrontare il nostro futuro, allo stesso tempo ho slanci verso di lui e non desidero lasciarlo. Oltre a sentire la pressione della casa sento un po' anche quella di mia madre, che mi dice di non buttare tutto perchè lui è un ragazzo in gamba e maturo, nonostante l'età.
Ora mi sono presa qualche giorno per me, sento un senso di vuoto a volte e infelicità , ma allo stesso tempo sto preparando cose per la casa nuova e il che mi dà un po' di felicità. Un altro fattore che mi fa pensare è che a volte soffre un po' di depressione e quando parla poco con me e sta per conto suo io mi sento un po' giù, però non credo che questo possa darmi grossi problemi..
Al momento è come se sentissi poco i miei sentimenti nei suoi confronti e questo mi fa stare ancora peggio. Non capisco cosa dovrei fare per stare bene e non vorrei davvero buttare il fantastico rapporto che abbiamo avuto fino a questo momento. Ringrazio chi mi aiuterà

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile utente,
se capisco bene, sia lei (che è alquanto in ritardo sul percorso di studi) che il suo ragazzo più giovane di età, siete entrambi studenti e presumibilmente non autonomi economicamente.
Pertanto, quanto meno il discorso sui futuri figli è abbastanza prematuro ed è quindi fuori luogo insistere su di esso.
Sembra di capire che, per motivi diversi, lei stia attraversando un periodo di confusione se non proprio di ripensamento sulla relazione.
Questo dovrebbe essere, a mio avviso, un motivo in più per non fare passi affrettati tranne quelli nella direzione di completare gli studi e, contemporaneamente, intraprendere un percorso di psicoterapia per chiarirsi le idee con l'aiuto di un terapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6688 Risposte

18728 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
lei pone, mi sembra diversi quesiti:
1. terminare gli studi
2. senso di soffocamento nell'attuale situazione abitativa
3. realizzazione di nuova soluzione abitativa
4. dubbi e insicurezze sul rapporto con il partner
5. desiderio di maternità
Credo sia temi molti importanti e rilevanti da affrontare in uno specifico setting per diminuire la confusione e la poca chiarezza che mi pare di percepire.
Se preferisce miscriva pure in privato,
cordialmente,
dr.ssa Donatella Costa (Brescia)

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2488 Risposte

2085 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
mi pare di capire che si stia muovendo già verso un suo desiderio, ossia di andare a vivere con il suo compagno. Può darsi che questo progetto vi aiuti a migliorare il rapporto, in quanto ci sarà uno scambio e un lavoro per arrivare a meta insieme.
Per quanto riguarda il suo desiderio di avere dei figli, le consiglierei di lasciare al suo fidanzato del tempo per elaborare la questione e magari provare a riparlarne con calma una volta sistemati nella nuova casa. Troppe questioni tutte insieme potrebbero confondervi e creare troppa pressione.
La cosa più importante è che lei non rinunci al suo benessere e faccia quello che desidera fare. In ciascun rapporto è importante che si crei complicità e che ci sia scambio, rispettando i desideri e i tempi di entrambi. Per stare bene si deve lavorare nel rapporto e avere dei progetti comuni. Se questo non avviene è bene che ciascuno segua la propria strada cercando una persona che voglia condividere gli stessi progetti o che ci possa dare degli stimoli nuovi.
Si prenda il suo tempo per capire e per vedere come si smuoveranno le cose in questo momento di novità.
Rimango a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

373 Risposte

135 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
non è facile provare emozioni tra loro contrastanti, il piacere del rapporto, le paure, il desiderio di intraprendere e realizzare il proprio progetto di vita ed il sentirsi frenata, per qualche motivo; l'amore verso il proprio ragazzo e il pensiero di porre fine al rapporto.
Le emozioni sono molte, diverse e possono confondere, influenzando il proseguimento dei suoi studi, il suo sentirsi realizzata.
Potrebbe essere d'aiuto pensare di poterne parlare con una figura terza, uno psicologo, che potrebbe aiutarla a fare chiarezza dentro di sé, a leggere in modo più chiaro ciò che prova, al fine di poter riprendere il suo percorso di vita con serenità e tranquillità.
Cordiali Saluti,
dott.ssa Zucchinali Manuela

dott.ssa Zucchinali Manuela Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Sorisole

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ritengo come lei ha sottolineato che forse lui non è ancora pronto per avere figli. Meglio andare a vivere insieme e poi si capirà. I rapporti sono fatti di alti e bassi.
con affetto,
Lucia Mezzalana

Dott.ssa Lucia Mezzalana, psicologa - psicoterapeuta Psicologo a Piove di Sacco

18 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno MonkeyHope,
mi sembra ponga questioni e un sentito personale nei riguardi del suo fidanzato e che stia provando con il trasferimento in un nuovo luogo per avere un tempo e spazio più intimo, ma in latenza c’è sua madre che le dice cosa fare, come mai.
Credo che i segnali del suo compagno che ha descritto non vadano sottovalutati, oltre la pausa potrebbe esserle di aiuto un consulto psicoterapeutico per avere uno spazio suo di riflessione e aiuto di considerazione per far luce su quello che le appartiene e quello che appartiene alle dinamiche relazionali e al partner.
Disponibile per approfondimenti.
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

281 Risposte

72 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve, la invito a valutare la possibilità di un percorso personale così da avere uno spazio completamente dedicato a lei con un professionista competente che la aiuterà a comprendere i suoi bisogni e il suo vissuto emotivo in merito all'importante passaggio verso la convivenza e alla relazione col suo compagno. Questo la aiuterà a dare senso al suo vissuto e a decidere in modo responsabile.
Saluti

Dott.ssa Viviana Cosseddu Psicologo a Benetutti

14 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, il momento che sta affrontando è un passo importante della vita che può portare a dubbi e ansie.
Quello che dobbiamo chiederci è: cosa desideriamo? Perché lo desideriamo? Ciò che stiamo perseguendo porta al soddisfacimento dell'obiettivo? Se non lo fa cosa possiamo cambiare?
Sicuramente il parlare apertamente e in modo assertivo con il suo fidanzato potrà aiutarla sia ad allentare le tensioni emotive sia ad esprimere i suoi bisogni e a comprendere quelli dell'altro e le sue motivazioni.
Penso che anche un percorso personale possa essere di giovamento sia per gli aspetti di conoscenza di sé e dei proprio desideri e bisogni sia relativamente al come poterli al meglio esprimerli all'interno della coppia.
Saluti Dottoressa Ciacci

Dott.ssa Maria Noemi Ciacci Psicologo a Grosseto

40 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte