Attacchi di Panico e pensieri intrusivi continui che non riconosco.

Inviata da Alessia · 23 gen 2018 Attacchi di panico

Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni e da quando ho circa 14 anni soffro di attacchi di panico, ansia e pensieri intrusivi che non riconosco miei, che non riesco a scacciare e mi generano un forte disagio. Non ne soffro continuamente ma ormai mi ritrovo almeno una volta all'anno e per almeno un mese/ un mese e mezzo, in questo limbo che mi affatica.
Questi pensieri solitamente mi scatenano le crisi di panico e sono di natura che non comprendo proprio perchè non li sento miei. Passano dalla strana sensazione di voler morire e quindi suicidarmi a quella di poter fare del male ai miei cari e questo mi genera paura. E dalla paura, comincio a stare male.
Ho seguito una cura psicologica quando avevo 19 anni e circa fino ai 24 non ho più avuto nulla, poi con la chiusura di 5 anni di fidanzamento e l'inizio della carriera lavorativa sono tornati con maggiore intensità e durata ( da una settimana ad un mese appunto ). Sono stata in cura da un neurologo che per un paio d'anni mi ha fatto prendere citalopram 20mg aumentati a 30mg dopo tot mesi. Poi la cura è finita circa otto mesi fa ed ora che ho perso il lavoro è risalito tutto a galla. Non mi hanno mai fatto una vera diagnosi riconducendo tutto a stress ed attacchi di panico. Vorrei però ricevere un consiglio e capire come muovermi. Provo nuovamente un ciclo con lo psicologo o forse devo direttamente cercare uno psichiatra? Grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 GEN 2018

Gentile Alessia,
sembra evidente che il suo disturbo, i cui sintomi principali sono gli attacchi d'ansia e i pensieri intrusivi/ossessivi, si riacutizza sistematicamente a seguito di difficoltà e/o eventi stressanti.
Poichè gli psicofarmaci non educano e non possono sostituirsi a colloqui clinici interattivi per arrivare a risolvere le cause prime del suo disturbo, il consiglio è quello di intraprendere un secondo percorso di psicoterapia (preferibilmente cognitivo-comportamentale) che sia però di durata adeguata per ottenere miglioramenti stabili nel tempo e soltanto in un secondo momento si valuterà se è opportuno associare un supporto farmacologico.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20217 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GEN 2018

La chiusura di un lungo fidanzamento e poi la perdita del lavoro sono certamente eventi stressanti che riattivano le nostre paure e le nostre insicurezze se non si sono affrontate in maniera profonda. Considerato che la prima esperienza ha, a quanto ci dice, sortito l’effetto desiderato perché non ha avuto più ne’ attacchi di panico ne’ pensieri intrusivi fino a 24 anni, le consiglio di iniziare un nuovo percorso di terapia con uno psicoterapeuta il che, una volta compreso il quadro generale della situazione attuale, non esclude che il professionista le fornisca il nominativo di uno psichiatra di sua fiducia per un sostegno anche farmacologico.

Dott.ssa Maria Pichi Psicologo a Roma

13 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GEN 2018

Gent.ma Alessia,
penso che sia giunto il momento di fare una diagnosi certa e porre fine ai circoli viziosi da lei descritti.
L’ossessività con cui si presentano i pensieri disturbanti, il dubbio che inducono in lei di poter causare danno agli altri, il conseguente senso di responsabilità e colpa che ne deriva, sono causa di una forte risposta emotiva. Il risultato della percezione di perdere il controllo culmina nella forte paura.
L'ansia e il Panico si associano a diverse patologie psichiatriche, pertanto, si rende necessario un approfondimento dei sintomi che accusa e un'analisi differenziale al fine di circoscrivere il disturbo.
Consulti uno/a psicoterapeuta della sua zona e si faccia aiutare.
Resto disponibile per eventuali chiarimenti
Molti Saluti
Dott.ssa Silvana Zito (Milano

Dott.ssa Silvana Zito Psicologo a Milano

58 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GEN 2018

Cara Alessia,
È giusto che intraprenda un percorso che sia risolutivo e che non faccia sentire meglio solo a tratti. Per questo le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta in prima istanza valutando solo successivamente il trattamento psichiatrico...
La sintomatologia che descrive è certamente molto invalidante: è giusto che provi a stare meglio.
Saluti
Virginia Valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GEN 2018

Buongiorno. Le consiglio di fare una psicoterapia con l ausilio dell emdr per elaborare eventuali ricordi traumatici che causano gli attacchi di panico. Buonagiornata

Dott. Davide Perrone Psicologo a Torino

86 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GEN 2018

Cara Alessia chiedo scusa se assumo una posizione così netta ma perché tentare di nuovo con i farmaci che come ha notato non risolvono ? Il suo non è affatto un disturbo grave anche se potrebbe sembrarlo per il contenuto di certi pensieri. È una cosa su cui ho aiutato con successo tante persone in modo definitivo e sopratutto veloce. Basta disporre degli strumenti tecnici adeguati per affrontarlo

Dott.Carlo Paradisi Miconi Psicologo a Roma

79 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GEN 2018

Gentile Alessia,
dal suo scritto è possibile evidenziare come la sintomatologia a cui fa riferimento si acutizzi in particolar modo in periodi in cui si ritrova ad affrontare situazioni stressanti. In questa sede non è possibile aiutarla, le complessità della sua storia meritano di essere affrontate in una sede idonea. A tal proposito, per rispondere alla sua domanda, le consiglierei di rivolgersi quanto prima ad uno psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale con cui poter meglio analizzare la sua storia ed intervenire efficacemente sugli attacchi di panico e sui vissuti d’ansia a cui fa riferimento, ed iniziare un percorso che possa esserle di sostegno e che la aiuti a ristrutturarsi nel modo per lei più efficace.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Attacchi di panico

Vedere più psicologi specializzati in Attacchi di panico

Altre domande su Attacchi di panico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86850

Risposte