La Terapia Cognitivo-comportamentale (TCC)

La TCC è molto efficace nella cura dei disturbi mentali. Consiste nel ridurre i sintomi con tecniche scientifiche volte a modificare pensieri e comportamenti dolorosi.

7 SET 2020 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La Terapia Cognitivo-comportamentale (TCC)

La terapia cognitivo-comportamentale è un trattamento orientato alla risoluzione dei problemi ed è efficace nel tempo.

È rivolta a chi soffre di:

  • attacchi di panico
  • disturbo ossessivo-compulsivo
  • depressione
  • anoressia e bulimia
  • insonnia
  • disturbo post traumatico da stress
  • disturbi di personalità

La terapia cognitivo-comportamentale è breve perché mira alla risoluzione dei problemi e al raggiungimento di obiettivi. È una terapia attiva, perché il professionista e il paziente devono far squadra per accelerare il processo di consapevolezza e cambiamento. È anche supportiva, perché si fonda su una relazione di cura calorosa e accogliente.

La terapia cognitivo-comportamentale è suddivisa in due fasi: la valutazione psicologica e il trattamento.

La valutazione psicologica è quella che consente di identificare i sintomi e cercare di conoscere il paziente. E' possibile utilizzare alcuni test che indagano la personalità con lo scopo di individuare gli obiettivi del trattamento, capire cosa fare e in che modo.

Durante il trattamento verranno applicate alcune tecniche che contribuiscono a modificare i pensieri e i comportamenti disturbanti. Indagheremo insieme i legami sentimentali e il modo di relazionarti con gli altri: amici, parenti, colleghi di lavoro. Questo ci permetterà di costruire strategie più efficaci per ridurre lo stress personale e i conflitti con gli altri.

Le tecniche più efficaci sono la desensibilizzazione sistematica per la cura degli attacchi di panico, l'esposizione con prevenzione della risposta (ERP) per la gestione dei sintomi ossessivo-compulsivi, le tecniche di respirazione e rilassamento per i disturbi d'ansia, le esposizioni comportamentali nei casi di disturbo da stress post-traumatico e fobie specifiche. Inoltre per i disturbi del sonno risultano efficaci la tecnica di restrizione del sonno e la tecnica del controllo dello stimolo. La terapia cognitivo-comportamentale si serve anche di tecniche più cognitive e di modifica dei pensieri come la ristrutturazione cognitiva, il disputing.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dr. Leonardo Scirpoli

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su psicoterapia