Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

È possibile dissentire senza discutere?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Se vogliamo che le nostre idee non siano percepite come una minaccia da parte dell'altra persona, noi per primi dobbiamo evitare di avere un atteggiamento aggressivo.

5 FEB 2018 · Tempo di lettura: min.
È possibile dissentire senza discutere?

Esprimere la propria opinione senza causare discussioni è possibile, imparando a farlo con eleganza e assertività.

Per molti è difficile saper dire di "no". Per altri, invece, è complicato esprimere il proprio disaccordo durante una conversazione, per paura che poi questa sfoci in una lite. Se, di per sé, discutere non è negativo è anche vero che non sempre è necessario causare un conflitto. Per questo, è importate saper dissentire senza però offendere il nostro interlocutore. Le idee diverse, infatti, non devono supporre un conflitto. Al contrario, opinioni diverse arricchiscono la conversazione e permettono di conoscere nuovi punti di vista. In più, ciò ci permette di esprimere la nostra individualità senza timore. Le conversazioni non sono una battaglia: due idee possono essere entrambe rispettabili e valide.

Quali sono i vantaggi e i metodi per dissentire senza che la conversazione si trasformi in una guerra?

Di seguito vi illustriamo alcuni consigli.

Accettare le idee altrui

Prima di tutto, se vogliamo che le nostre idee non siano percepite come una minaccia da parte dell'altra persona, noi per primi dobbiamo evitare di avere un atteggiamento aggressivo. Ricorda che l'opinione altrui, se è diversa dalla nostra, non è un'offesa né tantomeno una sfida a livello personale. Ascolta l'altra persona in maniera attiva e accetta le idee diverse.

I vantaggi di esprimere la propria opinione

A volte, soprattutto sul posto di lavoro, si pensa che dissentire voglia dire mettersi nei guai. Per questo, un po' per paura e un po' per pigrizia, non diciamo niente e lasciamo credere all'altra persona di essere d'accordo. In realtà non stiamo facendo un favore né a noi stessi né agli altri. Esprimere la propria opinione, anche se discordante, vuol dire accettare la propria personalità e, di conseguenza, migliorare la propria autostima e permettere agli altri di conoscerci. Apportare nuove idee, inoltre, può essere molto utile per migliorare la conversazione e offrire nuovi spunti.

Impara a dissentire

Per evitare che gli altri si sentano offesi dalle nostre opinioni è indispensabile imparare a utilizzare le parole giuste, così come è importante imparare a gestire il nostro linguaggio gestuale. Evitare di disprezzare l'idea altrui, utilizzare un tono di voce calmo e mostrarsi tranquilli dimostrerà al nostro interlocutore che non siamo in guerra con lui, bensì stiamo solamente esprimendo la nostra opinione.

Quando dissentire?

Non tutte le occasioni sono buone per dissentire, soprattutto se la nostra unica intenzione è quella di attaccare l'altra persona, senza aggiungere niente di realmente utile alla conversazione.

Il saggista e informatico Paul Graham ha creato una piramide che mostra la cosiddetta "gerarchia del dissenso", ossia i momenti in cui dare un'opinione divergente ha un senso oppure no (facciamo riferimento al suo lavoro intitolato "How to Disagree"). I primi quattro livelli (confutare il punto centrale, confutazione, controargomentazione e contraddittorio) sono le argomentazioni che apportano benefici alla conversazione. Gli ultimi tre, invece, sono quelli in cui dissentire ha effetti negativi: rispondere a tono, attaccare l'altra persona e insulto.

E tu? Riesci a esprimere la tua opinione liberamente e con eleganza?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in relazioni sociali.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
1 Commenti
  • Pina Facciorusso

    Vorrei approfondire questo argomento.

ultimi articoli su relazioni sociali