Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Sono innamorata del mio ragazzo ma non sono felice

Inviata da Noemi il 9 ott 2017 Terapia di coppia

Scusate, avevo gia scritto nella "comunità", mi è stato consigliato di riscrivere le mie perplessità in questa sezione.

Sto con il mio ragazzo da quasi due anni e lo amo ma quando sto con lui mi sento triste, frustrata e anche un po' arrabbiata.
Durante il primo anno di relazione ci sono stati molti litigi e dopo un mese di distacco (voluto da lui), mi ha lasciata per un altra per poi tornare dopo qualche giorno, io ero così stanca dei drammi e così felice che fosse tornato che ho deciso di passarci sopra, volevo andare avanti senza guardarmi indietro.A distanza di mesi mi rendo conto però di non aver perdonato. Non sono gelosa, non faccio scenate, non lo controllo, anzi, mi sono totalmente allontanata, lo amo ma non riesco ad essere quella di prima, se mi succede qualcosa di bello a lui non lo dico, non mi va di uscire insieme a lui, anche cose piccole come farsi una foto insieme mi rattristano, penso sempre che prima o poi dovrò mettere tutto in una scatola e dimenticarmene, così evito di costruire qualsiasi cosa. Eppure sono tutte cose che voglio, fare progetti, vivere insieme, uscire, andare al cinema, fare un viaggio... mi sento strana, voglio ma non voglio. Non che lui proponga mai qualcosa, vive perennemente fra lavoro e videogiochi, a volte mi sembra di essere sua madre, gli faccio la spesa, le lavatrici, lavo i piatti e non viviamo neanche insieme, oltretutto è molto possessivo, così quando esco (spesso sola), non gli dico niente perchè so che troverà il modo di farmi sentire in colpa e sarà motivo di litigio. Sono stanca ma non me la sento di chiudere anche se probabilmente dovrei.
Chiedo consiglio perchè non so proprio cosa devo fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Mi sembra da ciò che dici che sei piuttosto confusa e anche che tu sia innamorata più che del ragazzo dell'idea che tu stia con lui ... una sorta di idealizzazione di lui o della situazione di coppia. Questo perché non riesci a rispondere a domande tanto semplici come 'perché' sei triste se esci con lui o perché non sei sincera nel dirgli che vuoi uscire da sola .... e così Via! Senza farla tanto lunga ti porto la mia ipotesi.... è possibile che tu ti senta criticata da lui, giudicata, sminuita e svalutata e non sappia mai come comportarti perché tanto ... Non va mai bene niente. Ripeto che questa è una mia sensazione ma spero che ti faccia riflettere sull'importanza di dare risposte tue ai quesiti che porgi e quindi di pensare ad un percorso di autoconoscenza e di crescita.
Te lo auguro con tutto il cuore.
D.ssa Maria Rita Borrello

Punto Salute Borrello - dott.ssa Rita Borrello Psicologo a Roma

30 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

" mi sento strana, voglio ma non voglio" descrive bene l'altalena sulla quale volteggia. Sembrerebbe alternare innamoramento - amore che in effetti sono posizioni differenti. Il passaggio da uno stato all'altro è rappresentato da un lavoro che ciascuno dei soggetti coinvolti nella relazione intraprende per rendere onore al rapporto. A volte una consulenza esterna può essere d'aiuto per individuare il proprio percorso favorevole.
Studio dr. Gramaglia
Torino

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

356 Risposte

130 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Noemi,
Non mi sembra lei abbia perdonato il proprio ragazzo, si sente rabbia e sofferenza.
Inoltre la relazione appare complessa con alcune dinamiche di dipendenza da approfondire.
Per aumentare l'autostima e comprendere come procedere le consiglierei di intraprendere un percorso psicologico mirato.
Resto a disposizione
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2488 Risposte

2084 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Noemi, sei proprio sicura di amarlo? Il suo tradimento ha spezzato la fiducia che c'era tra voi. Tu ti ritrai perchè hai paura di essere di nuovo ferita, questo ti porta a non vivere più la vostra relazione, stai sopravvivendo. la domanda che ti devi fare è "sono felice?", la risposta che ti darai sarà la soluzione.
In ogni caso parla con un professionista per sviscerare a fondo i tuoi dubbi.

Dottoressa Maria Teresa Privitera Psicologo a Acireale

4 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Noemi,mi sembra che tu sia incastrata in una relazione,Dove non vedi via d'uscita. Sento molta demotivazione in te, sfiducia nel futuro e nel cambiamento. Invece c'è :inizia una psicoterapia, lavora sulla tua autostima così bassa al momento e pensa che sarai tu a determinare la tua vita,non più lui o gli altri. A disposizione dottoressa Giulia Piana Milano

Dott.ssa Giulia Piana Psicologo a Milano

79 Risposte

95 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Noemi,
a volte passare sopra alle cose non è la soluzione migliore, perchè è come se le riponessimo in un cassetto mal chiuso e da lì esse cominciano a riaffiorare e a fare rumore. Non ha superato il fatto di essere stata lasciata e poi ripresa., forse non lo ha affrontato nè da sola, nè con il suo ragazzo. Sente che prima opoi dovrà inscatolare anche questo rapporto, mettere via o lasciarlo andare. In ogni caso non mi sembra che sia vivendo il suo tempo e il suo desiderio. Se sente che la vostra storia non è più in evoluzione, non dà più nutrimento si prenda del tempo per riflettere su ciò che desidera per sè da un rapporto di coppia, e su ciò che la fa stare bene e poi affronti la situazione.
Resto a disposizione,
D.ssa Maura Lanfri

Dott.ssa Maura Lanfri Psicologo a Forlì

133 Risposte

41 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Noemi,
La situazione che descrivi è molto complessa. Ci possono essere tantissime ragioni alla base di quello che provi e delle dinamiche che si sono create con questo ragazzo. Ti consiglio di prendere in considerazione l'idea di una psicoterapia che ti possa aiutare a capire prima e risolvere poi questo ciclo interpersonale che si è consolidato.
Saluti
Virginia valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

73 Risposte

21 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Noemi, per un attimo provi a pensare a cosa è per lei l'amore. Provi a darne una definizione. Cosa consiglierebbe a una amica nella sua stessa situazione? Probabilmente troverà delle incongruenze tra ciò che pensa e consiglia sull'amore e ciò che invece vive e questo dovrebbe farla riflettere. Sentimenti come rabbia, tristezza non possono essere nascosti o messi da parte per il quieto vivere, le porterebbero, e lo stanno facendo, solo sofferenza. La invito ad una comunicazione aperta e sincera con il suo fidanzato su ciò che prova, ma anche a una riflessione più onesta con se stessa. La invito soprattutto ad aver chiaro come vorrebbe che fosse la sua vita e impegnarsi, con un po' più di coraggio, ad agire in modo efficace per tornare ad essere una persona felice.
Dott.ssa Vangelio

Dott.ssa Vangelio Sarah Psicologo a Roma

40 Risposte

38 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Noemi.
Credo che molto di ciò che lei sente e vive sia da ricollegarsi a questa sua frase: " ero così felice che fosse tornato che ho deciso di passarci sopra". Accantonare, non affrontare o non essere congrui con ciò che si sta provando arriva prima o poi a creare un conflitto interiore. Questo vale per ognuno di noi.
Ecco perché prova rabbia. E contemporaneamente ha paura di lasciarsi andare perché teme prima o poi di dover mettere tutto in una scatola, evitando pertanto di costruire e di vivere il rapporto. Credo sia giunto il momento di affrontare ciò che sente.
Non si può scappare per sempre da se stessi.
Capisco la sua sofferenza e la sua difficoltà., ma credo che lei sappia già che questo non è ciò che desidera.
Spero di esserle stata d'aiuto.
La saluto cordialmente,
Dott.ssa Giorgia Maestri

Dott.ssa Giorgia Maestri Psicologo a Reggio Emilia

5 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno Noemi,
nella sua lettera Lei espone il problema ma contiene anche la soluzione. Infatti afferma "sono innamorata" ma poi non ha voglia di condividere nulla con lui, non solo si sente come sua madre ...Forse questo non è amore, e quando afferma "forse dovrei chiudere " credo che la soluzione Lei ce l ha già. Se non riesce si faccia aiutare, qualche colloquio con uno psicologo possono aiutarla a distinguere amore e dipendenza e magari lavorare per aumentare un pò la sua autostima.
Dr. Mariachiara Olianas

Dott.ssa Mariachiara Olianas Psicologo a Gallarate

6 Risposte

1 voto positivo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Noemi.
Mi sembra, che dopo la vostra breve separazione, qualcosa si sia "rotto" in lei e l'abbia portata a vivere il vostro rapporto in maniera diversa rispetto a prima.
Desidero porle alcune domande. Ne ha parlato con il suo compagno di questo suo disagio? Lui si è accorto che il vostro rapporto e' diverso da prima? Lei è disponibile a proseguire ancora a lungo in un rapporto di questo genere?
La invito a parlare con lui di questo suo disagio che prova nello stare con lui per vedere cosa le dice e come reagisce.
A disposizione.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

34 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15650

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 79100

Risposte