Gelosia malsana

Inviata da Sara · 11 set 2015 Terapia di coppia

Buongiorno a tutti.
Premetto che sono una ragazza di 25 anni, etero e che sto per diventare responsabile del mio negozio e potrebbero farmi trasferire da un momento all'altro. Cercherò di essere il più breve possibile, ma la sintesi non fa per me. Io ho un problema di gelosia che riguarda sempre la stessa categoria di persone. Lavorando in un negozio di abbigliamento 10 ore al giorno, volente o nolente, i tuoi colleghi diventano i tuoi amici. In un'azienda grande come la mia la caratteristica che la distingue è l'enorme presenza di omosessuali (sopratutto uomini) con cui io stringo i miei legami più solidi (ci vado molto più d'accordo che con qualunque altra collega femmina). Il mio problema è che, una volta individuato il soggetto con il quale ritengo di avere il miglior rapporto, scatta in me una gelosia che mi divora. Gelosia che non riguarda altri uomini o eventuali loro compagni, che anzi non mi fanno né caldo né freddo, ma eventuali altre amicizie femminili, soprattutto se concentrate sul posto di lavoro con me. L'ultimo episodio sta capitando proprio ora.
Sono arrivata in un negozio nuovo da circa sei mesi e sono in formazione come caporeparti. Subito ho legato con un ragazzo, omosessuale dichiarato, 24 anni, carino, giovanile, del segno della bilancia, molto aperto e molto socievole. Come tipologia a lui piace stare al centro dell'attenzione e ha tutte amiche femmine. Il nostro legame sembrava già un "fidanzamento" dopo neanche una settimana, della serie che abbiamo passato insieme quasi 24 ore su 24 perché sono molte le cose che ci accomunano: la stessa musica, le stesse serate, gli stessi programmi che veniva a casa mia a vedere e continui messaggi praticamente quotidiani. Dopo poco però lui si è aperto al resto del negozio, ha iniziato ad avere confidenza anche con altre ragazze ed io inizialmente mi infastidivo senza darlo a vedere molto, ma lui se n'è sempre accorto e mi ha sempre dimostrato la cosa con frecciatine e battutine. Finché evidentemente la cosa non gli ha causato talmente fastidio da staccarsi e non rendermi più partecipe della sua vita. Soprattutto quando è arrivata un'altra ragazza con la quale ha legato da subito come ha fatto con me e con la quale, esattamente come con me, ha rapporti anche al di fuori del negozio, solo che lui me li ha sempre tenuti nascosti. Mi diceva che non usciva quella sera, invece vedeva lei e lo so perché purtroppo complice della mia gelosia c'è anche una mia molto spiccata vena investigativa, rasento quasi lo stalking, riesco a scoprire ogni cosa. Dopo aver scoperto queste sue omissioni mi sono allontanata anche io (non immaginate la fatica nel tornare a lavoro, avevo l'ansia a sapere di avere un turno con lui).
Dopo poco c'è stato un confronto scritto tra di noi (perché lui odia i litigi, preferisce scrivere lettere!) dove mi diceva che lui c'era e ci teneva a me, ma che io dovevo cambiare perché lui era una persona molto aperta, a cui piace spaziare, fare cose sempre diverse e a cui piace avere molte persone intorno, ma che se io avessi portato dei cambiamenti e mi fossi aperta anche io al resto del mondo lui sarebbe tornato. Io ci ho provato (e anche qui non immaginate la fatica) ed è così che effettivamente lui è tornato, anche se adesso il nostro sembra un rapporto che non ha più bisogno di convenevoli. Se un tempo quando ci vedevamo facevamo scene quasi da fidanzamento, adesso non occorrono piú, tanto che lui, scherzando, definisce il nostro rapporto un "matrimonio consolidato". Io mi sono sforzata, ho provato a guardarmi intorno e vi garantisco che mi son accorta che, chiusa nel guscio del rapporto con lui, non mi ero accorta che in realtà in negozio ci sono molte altre persone con cui vado d'accordo e tutt'ora esco e questo è dovuto al fatto che lui, allontanandosi, mi ha quasi obbligata ad avere altri rapporti umani. Ora lui è tornato, anche se vi ripeto, in un rapporto che sembra ormai "consolidato", tant'è che lo scorso week end lo ha dedicato completamente a me. Sta anche cominciando a coinvolgermi nelle sue cose, soprattutto quando si tratta della nuova collega con cui esce. Se prima ometteva e mi teneva nascosto tutto, ora mi dice tranquillamente dove vanno e cosa fanno. Io sono migliorata molto e credetemi non so nemmeno io come e mi trattengo tutte le volte, ma non avete idea di quanto mi rode il fegato ogni volta. Ieri sera mi è capitato tra le mani il suo profilo dove ha pubblicato la foto della loro serata insieme martedì, volevo morire! È come se mi fossi improvvisamente dimenticata che con me ci ha passato un'intero week end, con tanto di dormita insieme fuori, che il giorno dopo, io mercoledì, ha passato il pomeriggio con me, etc.
Mi sono improvvisamente dimenticata di tutto ciò e la mia mente ha solo vagato sul fatto che martedì lui ha passato il pomeriggio con lei, sono andati a correre e poi a cena. Non è solo gelosia, è anche proprio un malessere fisico, mi passa l'appetito e scoppio a piangere. Ovviamente ora è tutto trattenuto in me, perché se uscisse fuori nuovamente lui scapperebbe.
Io ci provo a dirmi che io e questa ragazza siamo due persone molto diverse. Quelle che fa con lei non lo fa con me. Con lei va a correre perché piace ad entrambi, con me và alla serata chic di Milano. Con lei va a bere l'aperitivo, con me và al concerto di Ferro. Io ci provi a dirmi che a lui piace spaziare e che non è una sostituzione, ma io tutte le volte la vivo come tale. E la vivo così male che le mie giornate si concentrano su quante volte loro due sono online ma non sta scrivendo a me. Io mi faccio proprio divorare dall'interno da questa cosa. E mi succede ogni volta che ho un rapporto molto stretto con qualcuno e questo qualcuno è sempre un ragazzo o un uomo omossessuale. Scusate se mi sono dilungata ma ci tenevo a spiegare bene la situazione. Ci sono dei rimedi che non siano "muori dentro ma tienitelo se no scappa"? Come faccio a capire che non è una sostituzione, ma che io e lei siamo due persone diverse? Vorrei tanto che riusciste a darmi una lettura diversa che mi aiuti a darmi un attimo di pace.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 SET 2015

Cara Sara,
come uscirne? ha ragione, non è affatto facile. Le vorrei far notare che un'amicizia intima con un ragazzo omosessuale può essere vista come una relazione speciale, unica. Ci scrive di non essere gelosa degi uomini che frequentano i suoi amici omosessuali, con i quali non potrebbe competere perchè si tratterebbe di relazioni amorose, ma delle donne. Potrebbe essere una forma di insicurezza che le fa cercare l'amicizia assoluta e il prestigio di essere l'unica donna che il suo amico riesce a frequentare?

Penso sia stata molto brava a resistere in quest'ultimo periodo anche se, a lungo termine, questo le potrebbe causare notevoli disagi e malesseri. Per questo motivo le suggerisco di contattare uno psicologo per conoscere bene i meccanismi che la portano a essere gelosa e a indagare e le strategie per non farli divenire così radicati da limitarla nelle sue relazioni.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2135 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2015

Io non sono psicologa ma posso darti un consiglio? Io sono stata nella tua stessa situazione: etero amica di un gay. Lui è pure fidanzato ma a me del suo uomo non fregava nulla ero solamente gelosa delle sue innumerevoli amiche. Alla fine lui non ha più sopportato questa situazione e ha deciso di tagliare definitivamente i ponti con me, non ci siamo parlati per ben quattro mesi. Questo lasso di tempo per me è stato una tortura, soprattutto all'inizio, però invece mi è servito a capire quanto fosse importante il nostro rapporto e di quanto fossi stata stupida nel comportarmi così, alla fine mi stavo perdendo tante cose.
Il mio consiglio è quello di cercare di allentare un po" la presa, lo so che è difficile ma devi imparare a stare bene con te stessa, soffocare i sentimenti non serve a niente, serve solo a farti dal male. Prenditi un po' di tempo per imparare a vivere al meglio questo rapporto perché se c'è un forte legame tra voi non sarà il tempo e la distanza a distruggerlo.
Io ho fatto così, quando mi son sentita pronta son tornata, lui ha apprezzato i miei sforzi e mi ha accolto a braccia aperte, come se ci fossimo separati il giorno prima.
Anche io ho cercato conforto in questo forum e devo dire che i consigli mi sono stati veramente utili. Vedrai che il tempo ti aiuterà solamente a scoprire i tuoi punti deboli e di forza.
In bocca al lupo.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 SET 2015

Salve

La prima domanda che mi porrei e la seguente : è per caso innamorata ?
Il suo comportamento e i suoi bisogni sembrano suggerire una specie di infatuazione verso uomini che in quanto omosessuali non possono garantirle una preferenza esclusiva . Approfondisca l aspetto sentimentale ...

Dott. Matteo Manfredini Psicologo a Formigine

2 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2015

Gentile Sara
innanzitutto complimenti per gli sforzi direi dolorosi sostenuti per controllare la gelosia. Questo legame un po' le fa bene perché l'ha spinta a migliorarsi ma mi viene da dire che un po' le fa anche male, perché la espone a una sofferenza inumana in quanto la costringe a mistificare il suo reale stato d'animo.
Più che amicizia questo legame ha i toni dell'ossessione, nel senso che lei è ossessionata dall'idea di diventare l'unica amica nella vita di quest'uomo, l'amica speciale.
Sembra quindi una sorta di sfida impossibile con se stessa e contro questa donna, una gara per conquistare l'amicizia del terzo che si trova in mezzo.
Le chiedo: le ricorda qualcosa questo schemino?
Ha mai vissuto altri triangoli in vita sua in cui ha provato un logorio simile a questo?
Provi a ricostruire la storia della sua gelosia, provi a capire quand'è che l'ha provata la prima volta, nei confronti di chi, chi era la rivale....
Torni indietro nel tempo più che può....
Forse riuscirà, spostando l'indagine dai "movimenti" del suo amico ai suoi vissuti, a scoprire il lato oscuro di tutta questa faccenda.
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania D'Antuono

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

495 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2015

Gentile Sara,
dal momento che sei etero, la soluzione che ti suggerisco per risolvere questo tuo "grave" problema è quella di cercarti un fidanzato vero cosicchè gran parte della tua attenzione e dei tuoi pensieri sarà spostata su quest'ultimo.
A parte questo suggerimento che ti potrebbe sembrare provocatorio ma non lo è, ti dico che non puoi mentire a te stessa e fingere di non essere morbosamente gelosa quando invece lo sei.
Questo tuo amico omosessuale ha cercato con buoni modi e con pazienza di farti vedere quello che di te non va bene ma evidentemente ciò non è sufficiente per cambiare.
Pertanto ti consiglio una buona psicoterapia anche perchè le tue manie di controllo e di possesso potrebbero essere trasferite sul tuo futuro fidanzato vero e forse i problemi sarebbero maggiori.
Cordiali saluti.
Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8049 Risposte

22088 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20300

psicologi

domande 34000

domande

Risposte 116050

Risposte