Come gestire una relazione a distanza con un ragazzo che soffre di depressione?

Inviata da Tess · 1 mar 2017 Terapia di coppia

Circa un anno e mezzo fa ho conosciuto un ragazzo americano su un'app di scambio linguistico. Tra di noi c'è da subito stata una grossa intesa, e poco tempo dopo abbiamo cominciato a stare insieme. Le cose andavano benissimo, nonostante la grossa distanza, ma è dall'inizio di quest'anno che lui ha cominciato a comportarsi in modo strano. C'è da dire che lui mi ha confessato di soffrire di depressione fin dall'inizio.
Due mesi fa circa ha cominciato ad essere aggressivo e distante e dopo poco mi ha anche chiesto una breve pausa per riflettere. Io ero sicura che questa situazione fosse dovuta ad una "ricaduta" e infatti una settimana più tardi, decisi di scrivergli e ne ebbi la conferma. Mi disse che non ce la faceva più, che si sentiva vuoto, senza speranza e in poche parole depresso. Inoltre, nonostante dicesse di amarmi, non sopportava l'idea di stare in una relazione. Voglio passarmi la mano per la coscienza: so che forse stare con me può essere asfissiante. Ma voglio dire, abitiamo in due parti del mondo opposte, ed è normale da parte mia sentire il bisogno di parlare costantemente, per quanto il fuso orario permetta. Nonostante ciò, ho cercato di capire come si sentisse e ho realizzato che nonostante lui non abbia il bisogno di parlare costantemente come me, ciò non significa che lui mi ami di meno. Dopo pochi giorni siamo infatti tornati insieme e io gli ho promesso di dargli più spazio e così è stato. Da pochi giorni ha però cominciato ad essere di nuovo aggressivo. Lui dice che è colpa mia, che gli dò ai nervi, quando in realtà io faccio di tutto per poter essere il meno asfissiante possibile e farlo felice. Lui non vuole andare da uno psicologo, dice che non vuole prendere delle pillole che non hanno alcun effetto su di lui di nuovo. Ma io cosa posso fare? Sono circa due mesi che lascio che lui mi tratti anche malissimo e di comprendere la sua depressione e nonostante questo lui è sempre aggressivo con me e non sembra capire che mi sta ferendo. Addirittura ieri abbiamo avuto una discussione in cui gli ho detto che la nostra relazione non mi sta rendendo felice e lui ha detto che il motivo per cui mi tratta male è perché io non lo rendo felice e mi ha definita la causa della sua infelicità. Queste parole mi hanno fatto davvero male, perché davvero, sto facendo di tutto pur di evitare di litigare e pur di dimenticare la rabbia che mi fa provare a volte, soltanto perché ci tengo e comprendo che lui soffre di depressione. Non capisco cosa sto sbagliando. Vorrei restare al suo fianco, seppur da lontano, ma non posso continuare così. Questa situazione mi sta ferendo davvero tanto e la parte più brutta è che lui non sia capace neanche di chiedere scusa. Anzi, dopo ogni litigio si comporta come prima e fa finta di non avermi mai detto parole pesanti. Cosa posso fare? Mi scuso per il poema, in realtà ci sarebbe molto più da dire di questo. Grazie in anticipo!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 MAR 2017

Cara Tess, la situazione sarebbe di difficile risoluzione se lui fosse vicino, con la lontananza direi impossibile. Tronca e guardati intorno e vicino. Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

793 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23000

domande

Risposte 84400

Risposte