Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Schizofrenia: conviverci è possibile?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

È indispensabile che la famiglia partecipi al percorso del paziente contro la schizofrenia.

2 NOV 2016 · Tempo di lettura: min.
Schizofrenia: conviverci è possibile?

Allucinazioni, deliri e mancanza di emozioni sono solo alcuni dei sintomi della schizofrenia.

La domanda alla quale cercheremo di trovare una risposta è: possibile conviverci?

Cosa s'intende per schizofrenia?

Si inizia ad utilizzare il termine "schizofrenia" (dal greco "mente divisa"), introdotto da Eugen Bleuler, psichiatra svizzero, all'inizio del '900 per indicare una psicosi cronica che colpisce più elementi del comportamento: dalle emozioni al pensiero, dal linguaggio alla creatività. La persona che ne soffre si isola in un mondo tutto suo, distante dalla realtà, e riceve gli stimoli esterni in maniera totalmente diversa dagli altri.

Generalmente la schizofrenia colpisce i soggetti durante l'adolescenza e, solitamente, insorge prima nei ragazzi che nelle ragazze. Non sempre è facile, per il soggetto e per i suoi familiari, affrontare giorno dopo giorno questo disturbo che rende difficile condurre una vita normale.

Non sono stati ancora rilevate con certezza le cause della schizofrenia anche se, secondo alcuni studi (facciamo riferimento, ad esempio, a due studi pubblicati su "Nature" firmati rispettivamente da Shaun Purcell del Broad Institute del MIT e da Menachem Fromer del Mount Sinai Hospital di New York), potrebbe esserci una componente genetica.

Attualmente si pensa che, al sopraggiungere della malattia, intervengano cause sociali, genetiche e psicologiche.

Tra i sintomi più comuni della schizofrenia troviamo le allucinazioni uditive, i deliri, i disturbi del pensiero, l'autismo e la mancanza di emozioni. Grazie alla presenza di due o più sintomi è possibile diagnosticare questo disturbo anche se non sempre è facile riconoscerlo. Spesso, infatti, inizialmente viene confuso con altre patologie.

Come conviverci?

Secondo i dati dell'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) sono 24 milioni le persone che soffrono di schizofrenia nel mondo. In Italia sono circa 245.000. Sempre secondo l'Oms, inoltre, un terzo delle persone colpite dalla schizofrenia può guarire completamente. I restanti due terzi non riescono a ritornare ad avere una vita completamente normale e alcuni soggetti diventano pazienti cronici. Nonostante ciò, è necessario ricordare che si può guarire o convivere con questa patologia.

Riuscire a eseguire una diagnosi precoce è indispensabile in quanto il trattamento della schizofrenia è molto più efficace nelle fasi iniziali. La cura può suddividersi in diverse fasi che possono comprendere, in alcuni casi, sia l'ospedalizzazione che una terapia ambulatoriale. La cura avviene sia attraverso la via farmacologica (antipsicotici) che tramite la terapia psicologica.

Entrambe sono fondamentali per cercare di ristabilire un equilibrio nelle sensazioni e nella vita del soggetto. Da una parte, infatti, il trattamento farmacologico riduce alcuni sintomi come i deliri o le allucinazioni. Dall'altra la terapia psicologica, specialmente quella cognitivo-comportamentale, aiuta ad attenuare altri sintomi quali l'aggressività o l'iperattività e a evitare eventuali ricadute.

È consigliabile che durante la terapia vengano coinvolti anche i familiari del soggetto colpito da schizofrenia. Non sempre, infatti, è facile convivere ogni giorno con una persona affetta da questa patologia. Allo stesso tempo non dimentichiamo che la famiglia svolge un ruolo fondamentale nella cura del malato. I familiari possono aiutare nella diagnosi di un'eventuale ricaduta, nella continuità del trattamento farmacologico e nella creazione di migliori strategie di trattamento.

L'appoggio familiare è indispensabile per convivere con questo disturbo. Attraverso una terapia di gruppo si può imparare a gestire meglio e con più efficienza i sintomi e ad accompagnare il paziente nel suo percorso contro la schizofrenia.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in schizofrenia.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento