Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ho paura di sentirmi male: come posso superarla?

Ogniqualvolta si cerca di evitare una situazione o un'attività che scatenano questo panico, stiamo alimentando il circolo vizioso.

19 SET 2018 · Ultima modifica: 10 SET 2019 · Tempo di lettura: min.
Ho paura di sentirmi male: come posso superarla?

«La caratteristica del timor panico consiste nel fatto che esso non è chiaramente cosciente della sua ragion d'essere, e più che conoscerla la presuppone, facendo valere in mancanza di meglio come ragione del timore il timore stesso», Arthur Schopenhauer.

A volte, in seguito a situazioni stressanti o all'apparizione di un attacco di panico, si entra in un circolo vizioso che ci porta ad avere la paura costante di sentirci male. Ansia frequente, tachicardia o pensieri negativi ricorrenti sono solo alcuni dei sintomi che si presentano quando c'è qualcosa che non va a livello psicologico.

Il panico e l'ansia, se non affrontati in maniera efficace, possono causare l'apparizione di una paura costante che ci porta a evitare tutte le situazioni che possono aumentare questo stato d'animo. Si mettono in atto, dunque, le cosiddette strategie di evitamento, ossia utilizziamo giustificazioni e scuse per evitare di affrontare determinate circostanze che ci fanno paura. A lungo andare, questa situazione ci porta a peggiorare la nostra vita da tutti i punti di vista: affettivo, sociale e lavorativo.

Questa paura ha spesso degli effetti a livello fisico: può infatti portare a veri e propri attacchi di panico o, in altri casi, a sensazioni corporee sgradevoli. come ad esempio sudorazione, vertigini, difficoltà respiratorie, battito accellerato.

Questo meccanismo mentale non fa altro che peggiorare la situazione perché mette in atto una serie di reazioni a catena in quanto la respirazione diventa più rapida, la tachicardia aumenta e si ha la sensazione che ci manchi l'aria. Il timore è quello di essere sul punto di perdere il controllo del proprio corpo e della propria mente.

In alcuni casi, chi soffre di questo tipo di panico può ricorrere al pronto soccorso o al medico di famiglia per cercare un riscontro e per capire se soffre di alcun problema di salute. Eppure, molto spesso (o per meglio dire quasi sempre), la diagnosi esclude cause fisiche.

Ogni volta che cerchiamo di evitare una situazione o un'attività che scatenano la nostra paura e il timore di sentirci male di nuovo, stiamo alimentando il circolo vizioso. Per questo, è preferibile, poco a poco, affrontare queste paure, per poter ridurre il timore che causano. Cerca di capire da dove proviene il panico e cosa produce a livello fisico e psicologico. Le cause, ovviamente, possono essere diverse, dalle fobie sociali agli attacchi di panico all'ipocondria. Per questo è preferibile rivolgersi a un professionista per poter ricercare e superare l'origine della paura di star male.

Alcuni consigli per gestire la sensazione di panico e paura

Rallenta

Il panico ti porta ad andare rapidamente e a non fermarti a pensare. Prova a rallentare a livello mentale e fisico e a ricercare le cause delle tue paure.

Non evitare ciò che ti fa paura

Anche se è difficile, cerca di minimizzare le scuse e le giustificazioni per evitare ciò che scatena il panico. In questo modo, potrai spezzare il circolo vizioso.

Piccoli obiettivi

La paura non si sconfigge da un giorno all'altro. Per questo, dovresti porti ogni giorno un piccolo obiettivo che ti aiuti pian piano a superare il panico.

Premiati

Ogni volta che riesci a raggiungere un piccolo obiettivo, coccolati. Compra qualcosa, fai una passeggiata, prenditi una pausa…ciò ti aiuterà a migliorare la tua autostima e a rilassarti.

Medita

Allena la tua respirazione attraverso l'esercizio fisico, un corso di tecniche di rilassamento, di mindfulness o di yoga.

Accetta la paura

Per poter sconfiggere la paura devi accettarla. Si tratta semplicemente di un campanello d'allarme che ti aiuta a scoprire ciò che non va nella tua vita.

Articolo rivisto e corretto dal dottor Matteo Monego

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
5 Commenti
  • Giorgia Amici

    Mi chiamo Giorgia e sono solo un'adolescente e lo so che a questa età non è normale avere questi attacchi di pianto vi volevo chiedere cosa posso fare perché fino a un certo orario ho questi attacchi poi si calmano e vanno al giorno dopo. C'è li ho da questa estate e sinceramente non mi sento a mio agio ad avere questi attacchi. Grazie per avermi ascoltato

  • Vera nicosia

    Sono ansiosa credo, a volte mi sembra di impazzire, le tempie scoppiare, ho crisi di pianto, poco appetito, paura di stare male, cosa posso fare

  • Erica Rondinelli

    Che intendete per accettare la paura ? Ma se dite che la devi pian pian affrontare, accettarla è un po come farla rimanere e non sconfiggerla no?

  • Carmela Bertoletti

    É molto interessante l'articolo e mi ritrovo in quanto descritto. Non ho trovato però aiuto nel medico e nella psichiatra che prescrivono farmaci dai quali non riesco più a liberarmi anzi se chiedo una visita la psichiatra mi dice di aumentare la dose.

  • Francesca Monterisi

    Mi chiamo Francesca Monterisi io ho paura ad uscire di casa e restare sola ho una bellissima famiglia quattro figli un marito a volte lo faccio spazientire con le mie ansie e paure tipo se i miei figli debbano uscire io non voglio restare a casa sola lui ci sono a volte che resta e altre no pur di far uscire loro io so che sbaglio ma e piu forte di me se tutti escono io vado in ansia piango ci sto male

ultimi articoli su attacchi di panico