Durante le festività, di quale emozione ci vestiamo?

Durante le festività ti senti più ansioso e triste che mai? Hai mai provato a pensare alle motivazioni sottostanti al tuo malessere? Prova a dare una lettura a quest'articolo.

18 DIC 2017 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Durante le festività, di quale emozione ci vestiamo?

Ed eccoci che già da qualche giorno siamo entrati nell'ultimo mese dell'anno. Eh, sì, siamo proprio a dicembre. Durante l'anno sembra così lontano che poi quando arriva non ci sembra vero che un altro anno se ne va.

A dicembre, come sappiamo benissimo, è un periodo festivo. Si, è un periodo festivo, ma purtroppo non per tutti.

Molte persone, quando si avvicina il mese di dicembre, iniziano a sentire più di qualsiasi periodo dell'anno una crescente sensazione di ansia e molto spesso di tristezza o addirittura di depressione. Forse vi sarà capitato di vedere degli sguardi tristi o di occhi che si abbassano alla tipica frase di questo periodo "Buone Feste" o "Buon Natale".

Credo che questo sia capitato a tutti noi, almeno una volta nella vita. A me personalmente sì.

Perché quando si avvicinano le festività ci sentiamo in questo modo? Perché alcune persone "spruzzano" felicità e gioia durante le feste, altre invece sono più ansiosi e più tristi che mai?

In seguito, vi elenco alcuni dei motivi che potrebbero influenzare la nostra visione delle festività.

  • Attraversamento di un periodo difficile; un lutto, una separazione, un amore non corrisposto, un licenziamento (oppure la ricerca di un lavoro che non si trova), l'assenza fisica di persone a noi care, la solitudine, un desiderio che non si realizza. Quando viviamo una o più delle condizioni sopra elencate, in periodo di festività natalizie, i sentimenti che proviamo diventano più presenti e intensi che mai.
  • Bilancio di fine anno; molte persone, quando arriva fine anno, hanno l'abitudine di trarne le conclusioni. Spesso però, può capitare di rendersi conto proprio in questo bilancio, che le cose non sono andate proprio come volevamo o ci aspettavamo. Ed ecco qui che spuntano i sensi di colpa e la tristezza per non essere riusciti a realizzare i propositi prefissati all'inizio dell'anno.
  • Ricordi d'infanzia che riaffiorano; quando si è piccoli, le festività sono dei momenti gioiosi e felici. Nella testa di un bambino Natale è uguale a regali, dolci, addobbi scintillanti per tutta la casa, parenti e tutti insieme intorno ad una tavola a gustarsi le prelibatezze cucinate per l'occasione. Purtroppo, però, non sempre e non per tutti i bambini è stato cosi. Alcuni, proprio in quel periodo, hanno dovuto fare i conti con una realtà diversa. Ad esempio, per i bambini con genitori separati, le festività sono un momento di grande stress e sofferenza. Doversi dividere tra un genitore e l'altro, sentire conflitti intra familiari, rendersi conto che la propria famiglia non è unita come quella dei propri amichetti, può portare il bambino a vivere questo periodo come il peggiore di tutto l'anno. Il come abbiamo vissuto le festività Natalizie da piccoli, può influenzare il come viviamo queste festività da grandi. I ricordi che sembrano rimossi e ai quali in altri periodi dell'anno non pensiamo, con l'avvicinarsi del Natale diventano sempre più vivi e presenti. Ed ecco che la malinconia e la tristezza diventano presenza ingombrante dei giorni festivi.
  • La corsa per i regali; con l'avvicinarsi delle feste sentiamo anche una sorta di pressione dovuta alla corsa quasi obbligata ai regali. Infatti, per molte persone, dover pensare ai regalini da fare a parenti ed amici può scatenare un'eccessiva ansia e stress. Altri invece, pur desiderando lo shopping natalizio, si trovano a dover fare i conti con il proprio portafoglio. Inoltre, dover organizzare e partecipare ad uscite e a interminabili pranzi e cene in famiglia, assieme a parenti che durante l'anno non vedi mai, può diventare faticoso e impegnativo.
  • Il freddo stagionale; forse sembrerà strano ma anche la stagione influenza il nostro stato d'umore. Il freddo, le malattie stagionali, le giornate brevi possono essere fattori che in qualche modo ci impediscono di vivere le festività con lo spirito giusto. Infatti, molte persone, durante la stagione fredda preferiscono ridurre le uscite e la vita sociale sostituendo quest'ultima al desiderio di passare le serate sul divano con la coperta e un bel film. A lungo andare, questa sorta di isolamento dal mondo, ci può portare a pensare di essere soli e abbandonati da parenti e amici.

Come possiamo vedere, le motivazioni che ci portano a sentirci non al settimo cielo durante le festività possono essere molte e di diversa natura.

Ma quali possono essere gli comportamenti o gli atteggiamenti che possiamo mettere in atto per riuscire ad affrontare e gestire al meglio il temuto periodo natalizio? Ecco che in seguito trovate alcuni suggerimenti che ci possono aiutare in questo, e nello stesso modo, ci permettono di essere autentici nel nostro vissuto.

  • Se stiamo attraversando un periodo difficile della nostra vita, come si suo dire "non aggiungere altra legna al fuoco". I problemi vanno affrontati uno alla volta. Diamoci delle priorità. Concentriamoci sulle cose davvero importanti. Le festività lo sono, ma non a tal punto da complicarci ulteriormente la vita. Per cui, se i tuoi pensieri in questo periodo vanno altrove, lasciali andare. Sforzarsi e festeggiare ad ogni costo solo perché "cosi si fa" può essere controproducente e può portare la nostra ansia ai massimi livelli.
  • Se a fine anno ci rendiamo conto di avere "combinato" poco e che le cose non sono andate come volevamo, niente tristezza. Non rimuginare. Bisogna accettare il fatto che, nonostante il tanto impegno che ci abbiamo messo, i risultati non sono quelli tanto desiderati. Non confrontare mai te stesso e ciò che hai raggiunto o non hai raggiunto con gli altri. Misurati solo con te stesso. Piuttosto, rimboccati le mani e impegnati per realizzare i tuoi obbiettivi. Se lo fai con la consapevolezza che a volte possiamo anche fallire nei nostri intenti, vivrai il tutto con molta più serenità.
  • Lascia andare i ricordi. Ti hanno già reso triste nel passato, non permettere che lo facciano nel presente. Che sia chiaro, i ricordi sono molto importanti per noi. Fanno parte della nostra storia, del nostro vissuto, di ciò che siamo oggi. Senza i ricordi saremo come una tela bianca incorniciata da una splendida cornice, che però, non è abbastanza per farla guardare e ammirare. Perciò, considera il passato come un qualcosa che ti ha arricchito e ti ha permesso di essere ciò che sei oggi. Vivi oggi con la gioia che tanto avresti voluto vivere nel passato, goditi ogni momento che la vita ti offre.
  • Non cadere nella trappola. Se ti piace fare regali, falli. Se non ti piace, non farli. Se non puoi, non preoccupartene. Le persone davvero importanti apprezzano di più se dedichi del tempo a loro, apprezzano la tua presenza e la qualità del rapporto, apprezzano la sostanza e non la forma. Se sotto le festività non vuoi partecipare a riunioni di famiglia, dillo. Non essere e non fare nulla che non ti rappresenti.Potresti complicare ulteriormente il tuo vissuto durante le festività, ma non solo, anche quello delle persone che ti circondano
  • L'inverno e il suo freddo. La pioggia, il cielo grigio e le giornate brevi ti rendono apatico e asociale più del solito? Niente paura, ogni stagione porta con sé sorprese che normalmente non penseresti. Cosi come durante l'estate, anche durante l'inverno, con un po' di impegno, potresti avere una vita sociale attiva e piacevole. Prova a riscoprire nuovi interessi. Fai delle belle e lunghe passeggiate. Cogli le sfumature dei colori che i paesaggi ti offrono. Scopri le montagne. Ama la purezza della neve, la sua delicatezza e il suo silenzio. Prova a sciare, respira l'aria pura e fresca delle montagne. Prova a cambiare prospettiva, potresti rimanere piacevolmente sorpreso.

Questi possono essere solo alcuni dei motivi per cui sotto le festività non ci sentiamo completamente felici e sereni. Ognuno di noi, si porta nel bagaglio della sua vita vissuti ed esperienze che ci plasmano e condizionano il nostro modo di fare e di vedere le cose.

Per stare meglio, o almeno provare di stare meglio, ma non solo durante le festività, dobbiamo dedicare del tempo a noi stessi. Tempo per ascoltarci, tempo per ascoltare le nostre emozioni, permettere a loro di emergere, darle voce e significato. Riflettere sui propri vissuti, sui possibili motivi che si nascondono dietro al nostro comportamento e al come ci sentiamo, può essere la chiave per la svolta.

Quella svolta che ci rende consapevoli, sereni e in pace con il mondo, ma soprattutto sereni e in pace con noi stessi.

Pensi che sia il momento di fare quella svolta ma senti di avere bisogno di un aiuto? Se desideri, puoi contattarmi utilizzando il modulo sottostante oppure gli altri canali comunicativi che trovi nella sezione contatti.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Gavelli Fluada - Psicologa

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su ansia