Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come funziona la terapia di gruppo?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

L’individuo apporta agli altri la sua esperienza e ciò che si ottiene non è una semplice somma delle conoscenze ma una struttura fatta di condivisione.

27 MAR 2014 · Tempo di lettura: min.
Come funziona la terapia di gruppo?

La terapia può essere non solo individuale ma anche di gruppo. Attraverso le esperienze degli altri, infatti, ciascun individuo può arricchirsi e imparare a superare i propri problemi mediante il gruppo.

Cos'è la terapia di gruppo?

La terapia di gruppo si sviluppò durante il '900 e viene utilizzata ancora oggi in modi e forme differenti a seconda dell'obiettivo che si vuole raggiungere. In questo tipo di trattamento i problemi individuali di ciascuno vengono studiati e affrontati in gruppo. Per la precisione è il gruppo lo strumento terapeutico. Tutto si basa sulle relazioni e sulla comunicazione fra singoli, per portare alla luce i problemi di ciascuno e poter cambiare insieme, ognuno a sua modo.

L'individuo apporta agli altri la sua esperienza e ciò che si ottiene non è una semplice somma delle conoscenze ma una struttura fatta di condivisione. Si tratta di una sorta di contenitore che aiuta a superare le difficoltà sociali che solitamente contraddistinguono gli individui che scelgono di affidarsi a uno psicoterapeuta.

Non sempre la terapia di gruppo è la cura migliore per il paziente, ma in altri casi può esserlo rispetto al rapporto con il solo terapeuta. Si tratterà dunque di studiare il caso di ogni singolo paziente e decidere il trattamento adeguato.

I tipi di gruppo e le regole

Le relazioni che si creano nel gruppo servono al singolo per poter conoscere le altre esperienze e riconoscersi in quelle degli altri. Non esiste un solo tipo di terapia, ma diverse che si distinguono a seconda del tipo di gruppo che prevede la cura. Il terapeuta può decidere di formare gruppi con persone con lo stesso tipo di disagio o con diversi problemi, aperti o chiusi, verbali o no.

In generale, qualunque sia il tipo di terapia scelta, è necessario che siano chiare le regole del gruppo. La condivisione è alla base della struttura non solo di disagi ed esperienze ma anche di aiuto e di conoscenza reciproca. Allo stesso tempo, però è necessario avere riservatezza rispetto alle confidenze fatte durante le sedute e assicurare il rispetto reciproco verso gli altri componenti. Garantire la propria presenza, rispetto degli orari, condivisione sono tutte regole che permettono di costruire un gruppo solido e solidale per poter lavorare al meglio insieme.

Se senti di aver bisogno di aiuto e credi che questa sia il tipo di terapia più adatta a te puoi consultare il nostro elenco di psicologi specializzati in terapia di gruppo.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
1 Commenti
  • Carmen Bocsak

    Mi interesserebbe di inserirmi in un gruppo... Almeno per non sentire la solitudine in questo stato..un abbraccio e forza per tutti!!

Ultimi articoli su Psicoterapie