7 frasi che le persone manipolatrici usano per vittimizzarsi

Quali frasi usano le persone manipolatrici per atteggiarsi da vittime? Continua a leggere e scoprilo.

27 GEN 2021 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

7 frasi che le persone manipolatrici usano per vittimizzarsi

I manipolatori sono le persone che succhiano e prosciugano le tue energie, minacciando la tua sanità mentale.

Le persone manipolatrici pensano a un’unica cosa: come trarre vantaggio dalle situazioni. Pensano poco o nulla a come e quanto il loro comportamento possa influire sugli altri. Il loro obiettivo è stabilire e rafforzare il controllo sulle loro vittime. Il tipo più comune di manipolazione utilizzato da queste persone è la manipolazione psicologica ed emotiva.

Secondo la psicologia, la manipolazione psicologica comporta:

"l'esercizio di un'influenza indebita attraverso la distorsione mentale e lo sfruttamento emotivo, con l'intenzione di prendere potere, controllo, trarre vantaggi e/o benefici".

Tutti i privilegi sono, ovviamente, a spese della vittima. A partire da questa definizione, parleremo delle caratteristiche tipiche del manipolatore, incluso il suo modo di comunicare. Alcune di queste comunicazioni includono frasi che i manipolatori usano per vittimizzarsi.

Lo psicologo George K. Simon, autore di numerosi libri di psicologia, cita quanto segue come quadro di base dei manipolatori.

  • Nasconde le sue intenzioni essendo simpatico e affascinante.
  • Comprende le suscettibilità psicologiche di una potenziale vittima per decidere quali metodi di inganno utilizzare.
  • Ha un certo grado di crudeltà senza remore a ferire la persona se necessario.
  • Una volta che il manipolatore ha conquistato la sua vittima, utilizzerà una varietà di comportamenti e tecniche per mantenere e rafforzare il controllo.

I primi 5 metodi (ovvero i più importanti e comuni) di controllo manipolativo sono i seguenti.

  1. Rinforzo positivo: un'espressione superficiale di approvazione, lode o simpatia; attenzioni, regali o denaro, tra gli altri. Il rinforzo positivo si basa, infatti, sull’esibizione di un incentivo piacevole subito dopo l’esecuzione di un comportamento desiderabile.
  2. Rinforzo negativo: in questo caso l’elemento rinforzante è, invece, un elemento negativo. Il rinforzo negativo consiste, infatti, nell’eliminare uno stimolo spiacevole per ampliare la manifestazione di un comportamento desiderabile (esempi: critiche negative, punizioni, rimproveri…).
  3. Rinforzo intermittente: rinforzo positivo occasionale. È spesso usato per creare confusione e dubbio nella mente della vittima.
  4. Apprendimento traumatico: utilizzo dell bullismo attraverso rabbia esplosiva o abuso verbale inteso a stabilire il dominio. La vittima può soccombere alle richieste del manipolatore per paura di rivivere questo evento.
  5. Punizione: comportamenti progettati per ferire la vittima, inclusi scoppi emotivi e diffamazione verbale. Esempi di punizione includono giudicare la vittima che piange o farla sentire in colpa; intimidazioni, minacce, giuramenti e silenzio.

Dopo la descrizione delle caratteristiche, riteniamo opportuno lasciarvi di seguito le 7 frasi più usate dai manipolatori.

7 frasi che i manipolatori usano per vittimizzarsi

1. "Non capisci"

Il gioco del manipolatore è fatto di confusione ed evasione. Piantare il seme dell'incertezza e alimentarlo comporta una comunicazione fuorviante. I tentativi della vittima di razionalizzare con il manipolatore sul suo comportamento tossico vengono quasi sempre ignorati con una frase evasiva come: "non capisci".

2. "Sei drammatico"

Questo è il più comune! Sì, un manipolatore ti definirà così. Tieni presente che il dramma è il pane quotidiano del manipolatore, proprio perché è la fonte del suo potere. I manipolatori mettono in scena discussioni, mentono, rivendicano le falsità (sì, lo fanno!), e parlano di se stessi come fossero vittime. Non lasciarti confondere: probabilmente non sei tu il dramma. Se è così, probabilmente c'è una buona ragione.

3. "Sei paranoico/a"

Che potrebbe anche essere qualcosa come: "è tutto nella tua testa, te lo stai inventando...". Queste frasi si ripetono spesso. Con queste affermazioni il manipolatore non fa altro che eludere le sue responsabilità.

4. "Non voglio discutere"

Ti può suonare familiare questa frase: "smettila di cercare guai", eppure sono loro a farlo, cercano costantemente guai. Fai un passo indietro e pensaci un attimo, ok? È presente una persona che crea divisioni e prepara il terreno per una discussione. Che motivo ha poi per non voler discutere? Eccolo: alla persona manipolatrice non importa discutere. Nella sua mente, può ancora manipolarti con successo.

5. "Sei troppo sensibile"

No, non sei eccessivamente sensibile. Potresti essere eccessivamente sensibile agli occhi di un manipolatore poiché non prova empatia, almeno non per le sue vittime.

6. "Pensi troppo"

Probabilmente stai pensando troppo, ma verosimilmente hai tutte le ragione per farlo. Il pensiero eccessivo è generalmente malsano. Tuttavia, quando si tratta di decifrare i messaggi criptici di qualcuno, il pensiero logico può essere costruttivo. Questo punto è simile al numero 3, "Sei paranoico/a", ovvero quando questa persona dice che pensi troppo, probabilmente significa che ciò che stai dicendo è corretto e che si sente minacciata dalle tue conclusioni.

7. "Non ho detto questo ..."

Nel caso in cui non lo sapessi, i manipolatori mentono molto spesso, motivo per cui sentirai spesso: "non l'ho mai detto". In effetti, la maggior parte delle parole che escono dalla sua bocca sono probabilmente bugie. Quindi non c'è da meravigliarsi del fatto che quando li sorprendi a mentire, mentono sulla menzogna. Ad un certo punto, devi renderti conto che questo personaggio velenoso è un'ancora da cui devi liberarti.

Naturalmente, ci sono altre frasi che i manipolatori usano per farti arrabbiare, per confonderti e per vittimizzarsi. E sebbene a volte sia difficile sapere di essere vittima di questo tipo di manipolazione, una volta che te ne accorgi, è importante ragionare con te stesso/a, andare oltre e partire da lì.

Se non puoi andartene e questa relazione ti sta avvelenando, i nostri professionisti sono a tua disposizione per supportarti online e di persona.

PUBBLICITÀ

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • Ni, Preston. A Practical Guide for Manipulators to Change Towards the Higher Self. PNCC. (2017)
  • Ni, Preston. How to Successfully Handle Narcissists. PNCC. (2014)
  • Aglietta, M.; Reberioux, A.; Babiak, P. "Psychopathic Manipulation at Work", in Gacono, C.B. (Ed), The Clinical and Forensic Assessment of Psychopathy: A Practitioner's Guide, Erlbaum, Mahwah, NJ. (2000)
  • Bursten, Ben. "The Manipulative Personality". Archives of General Psychiatry, Vol 26 No 4. (1972)
  • Goldsmith, R.E.; Freyd, J. (2005). "Effects of Emotional Abuse in Family and Work Environments". Journal of Emotional Abuse 5 (2005)
  • Moore, Thomas Geoffrey; Marie-France Hirigoyen; Helen Marx. “Stalking the Soul: Emotional Abuse and the Erosion of Identity”. New York: Turtle Point Press. (2004)
  • “The Universal Declaration of Human Rights” (UDHR). United Nations General Assembly (1948)

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

Commenti 2
  • Maria Maffioli

    Ho 45 anni, single; ho una sorella della stessa età, che vive molto distante; io vivo nella stessa città di nostra madre anziana; mia madre e mia sorella mi stanno distruggendo fisicamente /psicologicamente perché sono abili manipolatrici. Ricevo da moltissimi anni, una vita, i loro ricatti emotivi, fatti di tranelli e bugie. Ho sempre più attacchi di panico per causa loro. Oggi ho ricevuto altri ricatti e tranelli, mi hanno ingannata ancora...

  • Pasquali Ada

    È incredibile, è proprio così. Quello che è quasi impossibile è provare tutto ciò. Per quelli che non possono fuggire, non vi rimane che fortificarsi come si puo', difendersi come si puo'! Non dialogare con loro mai! Solo in generale senza mai far capire i propri sentimenti o altri. Restare nel vago..! Io sono in questa situazione! Ho capito fino in fondo chi è veramente questo essere orribile. Questo in un certo senso mi da un piccolo vantaggio, anche se purtroppo si vede di quanta cattiveria siano capaci questi personaggi!

ultimi articoli su relazioni sociali