Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

CALO DI DESIDERIO VERSO IL MIO COMPAGNO

Inviata da Crystal574 · 14 ott 2019 Problemi sessuali

Da un po di tempo a questa parte non riesco più ad avere rapporti col mio ragazzo, o meno ho i momenti in cui proprio lo desidero, ma oramai è parecchio di rado.
Ieri lui voleva far l'amore, ma io per l'ennessima volta non ho voluto e lui con non poca delusione mi ha confidato di sentirsi a disagio perchè è innamorato di me e vuole fare l'amore ma io lo rifiuto, ha detto che si sente a disagio anche con i conoscenti che raccontano le loro vicissitudini amorose e lui glissa sull'argomento perchè si sente imbarazzato della nostra vita sessuale e mi ha detto che lui è convinto che io non sono più innamorata ma non lo voglio ammettere a me stessa, tanto meno con lui.
Ci sono rimasta malissimo, e credetemi sto male quando lo rifiuto, ma non voglio obbligarmi ad accontentarlo perchè so benissimo che durante il rapporto non sarei "partecipe" e lui starebbe male il triplo. il fatto è che non è vero che non sono innamorata, io lo amo e solo il pensiero che stia così mi fa stare male ma il fatto è che quando lui vuole farlo io non mi sento coinvolta. cioè provo a spiegarmi meglio; se lui ha desiderio di farlo comincia a diventare insistente, se magari sono fuori di casa mi manda messaggi esplici per dirmelo, o se siamo assieme ha il comportamento esplicito, ma il fatto è che non ci sono carezze, non ci sono baci non c'è proprio quell'approccio che mi coinvolge e mi stimola ad averne voglia. non abbiamo praticamente intimità e facciamo sempre le stesse cose, ci vediamo solo la sera a cena (a parte i weekend) dove ceniamo, guardiamo un oretta di tv sul divano e poi lui se ne va nell'altra stanza a giocare alla console e io sono sola a guardare la tv. il fine settimana poi usciamo sempre negli stessi luoghi e sempre in compagnia di suo fratello, e a me questa cosa mi pesa e l'ho detto e ripetuto più volte ma lui fa orecchie da mercante. Mi sento come se per avere il mio fidanzato dovessi prende il numero e mettermi in coda perchè prima ci sono gli altri, e sono stufa di dover chiedere delle attenzioni vere e non solo sesso. Non andiamo mai da nessuna parte, non abbiamo mai fatto le ferie solo noi due ma sempre e solo con la sua famiglia, non organizza mai un uscita domenicale stimolante e mi accusa che se lui non ha iniziativa dovrei per lo meno proporre qualcosa io. Stiamo insieme da 10 anni e conviviamo da 3, ma io mi sento come fossi semplicemente una coinquilina che si occupa della casa e mi pesa tantissimo, i primi tempi non era così, quando abitavamo separati lui avrebbe smontato il mondo per vedermi, mi faceva sorprese come presentarsi all'improvviso e portarmi da qualche parte ( e non intendo chissà quali gite, ma la classica coperta in un prato dove stare accoccolati e trascorrere del tempo). tutto questo adesso non c'è più e qualsiasi cosa sembra solo fine al sesso. Non so cosa fare, non so come parlargli perchè si offende e sta male, e sto malissimo anche io. il rapporto è incrinato e non so come fare per riuscire a uscire da questa situazione e tornare ad avere la libido di una volta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve
Da quello che descrive il problema prima di essere sessuale è relazionale è evidente che lei ha una forte insoddisfazione e malessere nel rapporto con il suo compagno, se non c’è vicinanza intimità condivisione e piacere di stare insieme è abbastanza comprensibile che il desiderio cala, non solo ma si crea una distanza sempre maggiore, il silenzio ed il timore di parlare nel tempo aggraverà ulteriormente la crisi.
Le consiglio di parlarne e di affrontare il problema se necessario farsi aiutare da un terapeuta di coppia.
Cordiali saluti

Dott. Luigi Esposito Psicologo a Vomero

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, descritta la situazione il calo del desiderio si spiega benissimo. Sarebbe importante parlare con il suo ragazzo chiaramente come ha scritto qui. Parlare delle aspettative deluse, del sentirsi poco vista e per niente ascoltata. Il bisogno si essere corteggiata e sentirsi amata. Se ha difficoltà a parlare con lui scelga una spazio protetto per farlo, cioè qualche incontro di terapia di coppia dove ripristinare una comunicazione efficace tra voi.
Un saluto.
Dott.ssa Antonella Minutella!!

Dott.ssa Antonella Minutella Psicologo a Monteriggioni

10 Risposte

25 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Crystal,
quello che lei descrive è una problematica relazionale che emerge maggiormente dal punto di vista sessuale e specialmente in un problema di desiderio. Se la sua necessità è di essere stimolata, sia a livello di coccole, attenzioni, e sia preliminari e attività insieme, ne parli non come problema suo o del suo compagno; ma come una evoluzione di coppia, non potrete di certo essere "quelli di prima" perché ognuno di noi evolve e di conseguenza cambia, cercate di esprimervi senza timori con la voglia di risolvere la cosa e di crescere come coppia in tutti i sensi, cercando di non emettere giudizio su l'altro. Provate a venirvi incontro e ad assecondare i desideri che l'altro richiede, senza forzature, scegliendo "insieme", attuando qualcosa che faccia "piacere" ad entrambi. Se ne sentite la necessità consultate un professionista per un percorso di coppia.
Cordiali saluti.
Dott.ssa Valeria Alescio - Psicologa Clinica

Dott.ssa Valeria Alescio Psicologo a Vittoria

19 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao, premesso che ogni parere psicologico assume pieno senso all'interno di una relazione terapeutica vis a vis, nella quale è possibile prendere in considerazione svariate variabili relazionali, dal linguaggio non verbale, a gesti ed azioni spontanee che qualificano le modalità relazionali che la persona innesca, al modo in cui la persona reagisce alle domande e stimoli dello psicologo, ad ogni modo proverò comunque a fare qualche osservazione basandomi esclusivamente su quanto scritto che, ripeto, può essere parziale se non del tutto fuorviante rispetto la problematica specifica.
Fatta questa precisazione doverosa.
Lei scrive: "ho i momenti in cui proprio lo desidero, ma oramai è parecchio di rado" mi fa pensare al fatto che il desiderio ci sia, mi verrebbe da chiederle come glielo manifesta al suo partner, se lei si prende la libertà di esprimere la sua iniziativa sessuale, se sperimenta l'esperienza di decidere lei ogni tanto quando e come intraprendere il rapporto sessuale assecondando il proprio desiderio e nelle modalità suggerite dal proprio desiderio, oppure se, diversamente, si sente incastrata in una dinamica nella quale deve solo adeguarsi al desideri del partner; una dinamica nella quale sente di non poter fare niente per fare andare le cose per come lo desidera lei.
Mi faccio la fantasia che così come si sente di doversi adeguare ai momenti dell'iniziativa sessuale del suo partner e alle modalità di conduzione del rapporto sessuale proposto dal suo partner ( scrive " il fatto è che non ci sono carezze, non ci sono baci non c'è proprio quell'approccio che mi coinvolge e mi stimola ad averne voglia")., allo stesso modo sente di doversi adeguare ad altri aspetti della vita di coppia (scrive "facciamo sempre le stesse cose, ci vediamo solo la sera a cena" ... "il fine settimana poi usciamo sempre negli stessi luoghi e sempre in compagnia di suo fratello, e a me questa cosa mi pesa").
Preciso che la mia fantasia non è che il suo partner le impone certe modalità ma che lei forse si sta sentendo incastrata in quelle modalità senza riuscire a trovare un modo per cambiarle riuscendo ad assecondare il proprio desiderio (erotico e non), ad assecondare quanto vuole e come desidera fare e condurre il rapporto di coppia.
Scrive "sono stufa di dover chiedere delle attenzioni vere"; mi verrebbe da chiederle in che modo gliele chiede, o se piuttosto che chiedere nutre delle aspettative senza chiederle esplicitamente; aspettative che vengono puntualmente deluse in quanto non esplicitate mai palesemente.
Anche il suo partner sembra suggerirle (magari in modalità accusatoria) di prendere delle iniziative. Mi faccio la fantasia che sperimentare l'iniziativa tanto sessuale quanto in altri aspetti della vita di coppia, per lei potrebbe essere una cosa buona. Sperimentare quel senso di potere, di prendersi quello che desidera senza sentirsi assoggettata dai ritmi dell'altro; proponendolo, non imponendolo, prendendo, appunto, maggiore iniziativa.
Tutto ciò è solo una mia fantasia rispetto a quanto ha scritto, quindi ci tengo a precisare nuovamente che la consulenza ha senso solo in un quadro di relazione terapeutica, ma magari quanto le ho scritto potrebbe farle scattare qualche riflessione e intuizione.
Le auguro il meglio.

Il Timone - Dott Mancino Davide Psicologo a Lecce

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno il fatto che non ci sono preliminari potrebbe inibire il desiderio. Credo sia importante parlare con il partner e cercare di avere una certa intimità verbale oltre che sessuale. Le consiglio di parlarne con una collega della sua zona psicologa psicoterapeuta che possa aiutarla nel suo percorso. Saluti dott.ssa Bonaria Peri psicologa psicoterapeuta Massa (Ms)

Studio di Psicologia dott.ssa Peri Bonaria Psicologo a Marina di Massa

70 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Crystal574,
dalle Sue parole sembra evidente come il calo del desiderio sessuale nei confronti del Suo compagno sia la conseguenza di un momento nella Vostra relazione nel quale, causa gli atteggiamenti che descrive, Lei non si sente più al centro delle sue attenzioni e dei suoi pensieri e il Vostro tempo di coppia è ad oggi finalizzato solo al rapporto sessuale. Questo evidentemente non Le permette di raggiungere quello status di benessere e tranquillità necessario a provare un desiderio nei suoi confronti; inoltre, sembra che per Lei il rapporto non sia esclusivamente finalizzato al benessere sessuale ma piuttosto espressione di una serie di emozioni e di sfumature che al momento nel rapporto latitano - e conseguentemente non Le fanno venire alcuna voglia di ingaggiarsi in tali comportamenti. Per rispondere alla Sua domanda, il modo per uscirne è condividere le diverse finalità di cui sopra con il Suo fidanzato, per evidenziare le differenti modalità con le quali vi approcciate ad oggi al Vostro rapporto e solo conseguentemente alla sessualità, al fine di rendere espliciti questi vissuti di insoddisfazione che sono a monte rispetto alla mancanza di desiderio e giocano un ruolo cruciale nel determinarla. Con l'aiuto di un terapeuta di coppia questo può essere fatto nel massimo del rispetto reciproco e con tecniche semplici ma validate che consentono a entrambi la massima espressione di sè. Qualora il Suo fidanzato non voglia essere ingaggiato in un percorso, Le consiglio di rivolgersi a uno psicoterapeuta con il quale esplorare e mettere a tema questi suoi vissuti al fine di comprendere al meglio come comportarsi da ora in avanti. In bocca al lupo! cordialità, DMP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

134 Risposte

69 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Crystal,
da ciò che lei descrive il rapporto appare un po' spento e sottotono, è una relazione di lungo periodo in cui i cali di desiderio possono essere fisiologici. Occorre sicuramente ritagliarsi spazi come coppia e ravvivare la coppia. Inoltre sono presenti mi pare diversi aspetti da affrontare, è necessario ripristinare un confronto aperto e sincero per affrontare le criticità che lei ha descritto.
Di conseguenza il dialogo e la comunicazione vanno recuperati quanto prima, mettendosi in discussione entrambi anche tramite un minipercorso di coppia. Le parole non dette così come le emozioni inespresse possono mettere a rischio l'equilibrio di coppia...
Resto a disposizione per informazioni
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2528 Risposte

2109 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16050

psicologi

domande 20800

domande

Risposte 80500

Risposte