La Con-divisione fa bene in una coppia?

Cosa permette ad una coppia di crescere e nonostante le difficoltà non dividersi? La condivisione non basta, la ricerca scientiffica mostra che uno degli aspetti più importanti ai fini della

17 APR 2014 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La Con-divisione fa bene in una coppia?
Che cosa permette ad una coppia di durare qualitativamente bene nel tempo? Che cosa, invece, sta alla base della volontà di dividersi?Per molto tempo si è ritenuto che la condivisione di momenti emotivamente pregnanti stesse alla base di un legame duraturo. Ci si è poi chiesti quale tipo di condivisione fosse più efficace per il bene della coppia.

Come a dire, non basta condividere momenti emotivamente pregnanti (ad esemp la nascita di un figlio) ma occorre essere entrambi nella predisposizione emotiva giusta per poter riconoscere il momento significativo e per vivere sincronicamente l'ondata emotiva. Qui le cose sembrano essersi complicate: non è facile essere sempre nella giusta sintonia, non tutti parlano lo stesso linguaggio emotivo e non su tutti gli stessi eventi provocano reazioni emotive sincrone.

La condivisione quando con-divisione sembra non bastare, anzi, la vita quotidiana fa sperimentare molte più non condivisioni che con-divisioni. Qual'è allora l'elemento che sembra fare la differenza? Dalla ricerca infantile, dall'osservazione sugli stili di attaccamento e sulle rotture di tali stili, nasce un importante scoperta applicabile alla coppia adulta. 

Ciò che fa durare un buon legame non è la condivisione, non è l'essere emotivamente presente in qualunque circostanza per l'altro, quanto la capacità che sta in entrambi di riparare alle rotture (normali) relazionali.

Ciò significa che i litigi servono in una coppia per comunicare ma servono anche per "crescere" e mantenere il legame duraturo quando affrontati e "riparati". Nella riparazione di una rottura la coppia vive un momento di autentica condivisione emotiva e di rafforzamento: è attraverso il dialogo riparativo che la coppia sperimenta la possibilità di continuare a funzionare anche nel conflitto. Silenzi, evitamenti o al contrario rapporti idilliaci (e quindi non autentici) non permettono alla coppia di costruire un modo efficace e del tutto personale di essere resilienti nei confronti degli stress della vita quotidiana. L'incapacità di riparare porta a notevoli sensi di frustrazione e alla chiusura relazionale.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Elena Arestia

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia