Coppia in crisi: rabbia o disprezzo?

Qualcosa, nella coppia, non funziona più come prima. Ci sono i presupposti per stare ancora insieme o è finita?

3 GIU 2015 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Coppia in crisi: rabbia o disprezzo?

Da qualche tempo avete notato che qualcosa, nella vostra relazione di coppia, non funziona più come prima. Non siete felici e capita vi chiediate se la vostra storia è recuperabile o se, invece, è tutto finito.

Ecco un pratico strumento di autodiagnosi che vi aiuti a comprendere meglio il funzionamento della vostra relazione.

Osservate le vostre interazioni

Litigate spesso? Alzate un pò troppo la voce, vi avvicinate all'altro mentre discutete? Ci tenete ad avere ragione? Sbattete le porte? In questo caso è probabile che proviate rabbia nei confronti dell'altro.

Oppure...agli errori dell'altro non reagite sebbene dentro di voi disapproviate fortemente il suo comportamento? Vi sorprendete a osservare l'altro con ostilità? Arricciate il naso quando vi fa delle osservazioni? Sorridete spesso, ma in modo accondiscendente? Qualche volta sorridete solo con metà bocca. a labbra serrate?

Sebbene questo secondo gruppo di comportamenti sembri quello più mite, esso potrebbe nascondere disprezzo.

Segnali della fine?

Il disprezzo, molto più della rabbia, predice la fine di una relazione. La rabbia è un motore, che spinge ad agire, a voler cambiare l'altro negli aspetti in cui non ci somiglia, per sentirlo più vicino. Il disprezzo demotiva e allontana.

Analizzate insieme i vostri comportamenti e parlatene: comunicare perplessità, bisogni e aspettative è un primo passo verso una migliore conoscenza reciproca. Create spazi neutrali di confronto e, se lo ritenete utile, rivolgetevi ad uno psicologo che vi sostenga e accompagni verso una nuova condivisione o verso la risoluzione.


PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Francesca Fontanella

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia