Tirocinante e paziente coetaneo..dov'è il confine?

Inviata da Camilla · 8 giu 2016 Orientamento professionale

Sono alle prese con un "problemino". Etica e sentimenti: dov'è il confine? Sto per concludere il tirocinio post lauream presso una comunità di tossicodipendenti. Premetto che ho fatto molti sacrifici per poter fare questo tirocinio e che adoro la professione di psicologo, ma all'incirca 3 settimane fa un paziente, mio coetaneo, si è dichiarato. Ho sempre cercato di mantenere le distanze nei mesi, di parlarci tranquillamente ascoltando le sue storie, ma forse la comunicazione non verbale mi ha tradito. Non ci sono mai stati gesti affettuosi, ma parole ambigue, ma è innegabile una certa attrazione sessuale. Ho parlato con il paziente, spiegandogli che non potrebbe esserci niente tra noi, proprio per i diversi ruoli che ricopriamo. Lui non ha reagito molto bene, nel senso che ha cercato di provocarmi affermando che non avrà più intenzione di rivolgermi parola. Io dal canto mio, ho accolto questa richiesta, dichiarando che rispetterò la sua volontà.
Ora però vivo in un turbinio di sentimenti: l'amore per quello spero diventi il mio lavoro futuro e il desiderio di soddisfare una pulsione, di avere qualcosa che non si può avere.
Qual è la strategia migliore? Io del resto non sono né la sua psicologa né la sua terapeuta, ho la (s)fortuna di essere sua coetanea e di non esser fatta di ferro...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 GIU 2016

Gentile collega,
succede di provare attrazione o sentimenti da ambedue le parti: da parte del paziente verso il/la psicoterapeuta o viceversa.
Non è tanto l'essere coetanei, quanto piuttosto l'intimità delle "cose" che intercorrono, delle problematiche raccontate.
Ma questo è un problema che siste in tutte le relazioni di "cura" e aiuto.
Tuttavia, proprio a causa dell'asimmetria, si tratta di relazioni sbilanciate, nelle quali chi si trova in posizione "up" deve essere garante - sempre - della correttezza del rapporto professionale.
E dunque MAI ci può essere passaggio all'atto - dai sentimenti o pulsioni ai comportamenti - fin quando dura la relazione terapeutica.
Se ci si sente troppo fragili al riguardo, occorre seguire una psicoterapia individuale, oltre a regolari supervisioni.
Dott. Brunialti
Sessuologa clinica
Rovereto (TN)

Dott. Carla Maria Brunialti Psicologo a Rovereto

215 Risposte

757 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2016

Cara futura collega, il Tuo "problemino" non è poi così raro. Sei in tirocinio e quindi non ancora abilitata alla terapia. Ma Ti rendi perfettamente conto che la relazione terapeutica crolla in caso di passaggio all'atto. Hai tre scelte: passare il paziente ad altro terapeuta, tentare con l'aiuto di un supervisore di recuperare le risorse per proseguire il lavoro con il paziente, accettando in toto il tuo ruolo, rinunciare e cedere alla tentazione di una relazione che però, comprendi bene, partirebbe subito con il piede sbagliato. E poi conosci le problematiche psichiche delle tossicodipendenze. Sei sicura di non cadere dalla padella alla brace ?
Con sentimento di colleganza. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

755 Risposte

473 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GIU 2016

Ciao Camilla
è molto sovente provare attrazione sessuale soprattutto verso pazienti che inviano transfert di tipo seduttivo (esempio borderline).
Immagino che in una comunità di pazienti tossicodipendenti, questo tipo di carattere sia presumibilmente presente.
L'etica non ti impedirebbe, una volta terminato il tirocinio di intraprendere una relazione con lui, tuttavia la stai intraprendendo con qualcuno che innegabilmente ti vede come "il salvatore" e quindi è possibile che aldilà delle questioni etiche sia questa poi l'impostazione che la relazione prenderebbe se continuasse dopo l'iniziale attrazione.
Non so dipende quindi dal disturbo che ha la persona in questione, dalle vostre personalità, dal contesto.
Io mi terrei a distanza per un pò, per vedere se al di fuori di questo contesto, questo desiderio permane o è solo un transfert, alimentato dalla condivisione di un contesto terapeutico in cui tu ancora hai poche armi per comprendere il confine tra tensione sessuale e transfert.
Prova a parlarne con un supervisore che conoscerà meglio la situazione.

Un Caro Saluto

Silvia Michelini

D.ssa Silvia Michelini Psicologo a Roma

162 Risposte

153 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GIU 2016

Cara Camilla, il consiglio che ti do è di frequentare più persone interessanti al di fuori del lavoro. Per esperienza ti dico che il lavoro a contatto con questa tipologia di utenza attiva molto sul piano emotivo, si ha spesso poi la necessità di prendersi i propri tempi e spazi come persona, dedicandosi magari maggiormente ai propri affetti quando non si è di turno!
I TD sperimentano spesso varie emozioni molto intense, che si alternano velocemente, e le trasmettono all'altro con un filo diretto, operatori compresi.
Magari questa attivazione emotiva forte ti ha un po' disorientata.
Io penso che, se una professionista è soddisfatta sul piano affettivo nella vita privata, difficilmente cercherà di soddisfare pulsioni con un paziente. Certo non siamo fatte di ferro, hai ragione, ma siamo consapevoli del ruolo che ricopriamo (anche grazie al Codice Deontologico per diventare Psicologi) e quindi riusciamo facilmente a ristabilire confini e non raccogliere provocazioni del paziente, esattamente come hai già fatto nel caso che porti! Buon lavoro!

Dott.ssa Simona Lovaglio Psicologo a Milano

20 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19000

psicologi

domande 30550

domande

Risposte 104850

Risposte