Sono completamente spenta

Inviata da MirandaDra · 29 nov 2021

Salve, spero che possa ricevere un aiuto che mi dia una spinta per riprendermi da questa situazione così brutta. Ho 27 anni e 3 mesi fa sono stata lasciata in seguito ad una relazione durata 10 anni (da parte sua c’é stato anche un tradimento). Da quando sono stata lasciata sono entrata in un tunnel che sembra ormai senza uscita. Vivo la mia vita molto passivamente, studio e lavoro perché devo farlo ma non mi da nessuna soddisfazione farlo anzi mi da noia e sono sempre distratta. Anche uscire con le amiche non mi fa provare nessun emozione positiva, non mi diverto assolutamente e spesso torno a casa triste quindi per questo motivo, a volte, evito di uscire.
Soffro molto il fatto che nessuno provi interesse nei miei confronti, credo che principalmente sia questo il motivo del mio malessere. Vedo le mie amiche corteggiate, io invece è come se fossi invisibile agli occhi di tutti. A questa situazione ovviamente si aggiunge il fatto che ormai siamo una generazione che non ha più voglia di socializzare e pertanto è molto difficile anche conoscere nuove persone.
Come posso uscire da questa situazione di perenne apatia e angoscia? Non nè posso più e passo le mie giornate praticamente sempre con un pessimo umore.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 DIC 2021

Cara Miranda, scrive nel posto giusto! Per affrontare questo periodo di forte apatia, disinteresse ed angoscia, sarà necessario l'itnervento di un* psicoterapeuta. Potrebbe essere che la rottura col suo fidanzato non sia stata elaborata nel modo adeguato, è possibile, anche, che le abbia risvegliato dei vissuti emotivi irrisolti che dovrebbero essere appforonditi. Mi scriva pure in privato per maggiori approfondimenti. Un caro saluto

Rebecca Silvia Rossi Psicologo a Andria

303 Risposte

787 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2021

Gentile Miranda,

quello che mi viene in mente leggendo la sua domanda è "cosa vorrebbe davvero per sé stessa?"
Ciò che scrive ha dei contenuti emotivi importanti che necessitano di ascolto e probabilmente di essere guardati con uno sguardo diverso, in modo da assumere un nuovo significato. E' sicuramente un lavoro complesso quello di mettere in discussione se stessi, ma da quello che scrive probabilmente sta cercando proprio un cambiamento.

Rimango a disposizione
Cordialmente
Dott.ssa Antonella Tattolo

Dott.ssa Antonella Tattolo Psicologo a Roma

13 Risposte

4 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 DIC 2021

Salve Miranda, mi spiace moltissimo per la situazione che descrive poiché comprendo il disagio ed il dispiacere connessi. Ritengo importante che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente. Ritengo che per lei possa essere utile un percorso psicologico cognitivo comportamentale al fine di identificare i pensieri disfunzionali e negativi che mantengono il dolore e le impediscono il cambiamento desiderato.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Anonimo-181068 Psicologo a Roma

1811 Risposte

527 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 DIC 2021

Buongiorno Miranda, leggendo il suo breve racconto si possono intravedere molte parti di lei che premono per farsi sentire. Lei parla di un bisogno di essere vista, di una sofferenza legata all'abbandono, di una sfiducia verso la sua generazione e di una voglia interna di esprimersi in attività che le piacciano realmente. Tutto questo parla di lei e mi fa vedere quanta dinamicità e sentimento vi siano in lei oggi nonostante lei si descriva come apatica e invisibile. Credo che il mio miglior consiglio possa essere di partire da qui, da quanto ha scritto, per lavorare con un professionista al suo fianco su una riscoperta di sé, questo sembra bussare alla porta! Facendo questo potrà trovare maggiore consapevolezza di com'è, capire come si è costruita il suo mondo attuale, soffermarsi sul modo che ha di relazionarsi con l'esterno e trovare una nuova prospettiva per progettare il futuro. Con me o con un altro professionista che senta di sua fiducia si dia il permesso di ripartire da oggi, conoscere se stessi è un'opportunità unica, gli altri arriveranno di conseguenza.
Spero di esserle stata utile!
Cari saluti

Drssa Alice Mortarotti
Disponibile online

Dott.ssa Alice Mortarotti Psicologo a Sanremo

6 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buonasera Miranda,
lei descrive lo stato d'animo in cui si incontra da quando è stata lasciata dopo una relazione di 10 anni. Trovandosi sola, lei si è sentita spenta. Mi fa pensare che lui era il sole della sua vita, che tutto girava in torno a lui. Lei viveva in un stato di totale dipendenza affettiva e senza di lui si trova nello stato in cui ha descritto. Lei chiede come può uscire da questa situazione. Ci sono due possibilità. La prima, secondo me non raccomandabile sarebbe tornare da lui o trovare un "altro sole". Ma la vera via per uscire dalla sua situazione, è intraprendere una psicoterapia e poter contare con uno psicoterapeuta che l'aiuti a riconoscere e a utilizzare le sue risorse, le qualità che lei non riesce a vedere da sola, con gli occhi che guardano fuori, rimanendo offuscati dal sole. Inoltre, durante il processo terapeutico lei potrà migliorare la sua autostima, acquisire autonomia e conseguentemente sentirsi una persona viva e interessante. A questo punto anche gli altri lo percepirano. Con la luce che viene da dentro sarà certamente notata e apprezzata.
Un saluto e buona serata.

Dr. Gilberto G. Villela Psicologo a Roma

386 Risposte

156 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Cara MirandaDra,
mi toccano le sue parole che descrivono, seppur brevemente, quanto la sua angoscia e apatia siano pervasive.
Lei ha 27 anni ed ha avuto una storia durata 10 anni, finita 3 mesi fa non per scelta sua. Dunque significa che ha passato gran parte della sua vita (da quando aveva 17 anni) condividendola con un'altra persona. Questo ci dà un'informazione importante. Sono "solo" tre mesi che lei sta sperimentando la solitudine emotiva (ma anche pratica). Significa che c'è bisogno di imparare nuovamente a vivere indipendentemente dalla presenza di qualcun' altro, in autonomia. Questo comporta un nuovo modo di muoversi anche nella socialità, tra gli altri. In particolare, riporta di sentirsi come invisibile agli occhi di "tutti", di non essere corteggiata, ma questo può dipendere molto da percezioni influenzate da tante altre variabili. Alle volte, ad esempio, l'apatia può risultare evidente dall'esterno, anche in modo inconsapevole, e questo può generare dei comportamenti di risposta altrui in linea con atteggiamenti personali di chiusura, magari involontari (solo per farle un esempio).
Questo passaggio dalla vita in due alla vita da single non è semplice, ma neanche impossibile. E' naturale che si senta spenta, in un certo senso. La fine di una relazione importante porta con sè vissuti di perdita, al pari di un lutto, e allo stesso modo il superamento della sofferenza procede per fasi. Il suo umore è in una fase down congruente con quanto sta accadendo nella sua vita. Quello che le suggerisco però, a fronte di quanto scrive, di intraprendere un percorso mirato che la aiuti a fare luce sulle dinamiche in atto, in modo da direzionare il tutto in modo funzionale ed interrompere questo circolo di apatia e angoscia.
Sono a sua disposizione e le auguro una vita appagante e piena, per come la desidera.
Un caro saluto,
Dr.ssa Annalisa Signorelli, esperta in vita relazionale e affettiva (sedute anche online)

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

752 Risposte

1106 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Gentile Miranda,
è comprensibile che il tono del suo umore in questo periodo sia a terra ma, come lei sembra aver capito, è importante reagire per cui non è opportuno isolarsi e rinunciare alle uscite con le amiche anche se ora non si diverte.
Tuttavia, non condivido le sue affermazioni che oggi non ci sia voglia di socializzare e che nessuno provi interesse per lei in quanto si tratta di due distorsioni cognitive (generalizzazione e proiezione).
In effetti, da situazioni spiacevoli come questa si può uscire col tempo e con il fare un lavoro sulla propria personalità tramite un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8223 Risposte

22417 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Gentile Miranda,
Immagino il dolore che prova, del resto sembra essere una relazione sulla quale ha molto investito in termini di tempo e in termini emotivi. Lo stato affettivo di passività e umore basso che sta vivendo è inevitabile che influenza tutto il resto della sua vita. Un percorso di psicoterapia può essere utile proprio per esplorare al meglio i suoi vissuti ed elaborare la separazione e il modo in cui si è sentita. È importante che lei faccia un percorso su se stessa al fine di riappropriarsi dei propri desideri e ristrutturarli, comprendendo meglio i propri bisogni e accogliendoli.
Se avesse bisogno resto disponibile per terapia online.
Un caro saluto
Dott. Gabriele Fichera

Dott. Gabriele Fichera Psicologo a Torino

98 Risposte

100 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Cara Miranda,
la fine di una relazione porta con sè un periodo piuttosto complesso, simile all'elaborazione di un vero e proprio lutto. Ciò che sta vivendo sono stati d'animo e comportamenti comprensibili ma che vanno visti anche attraverso un occhio esterno; il rischio altrimenti è quello di entrare in una palude e perdere tutti i punti di riferimento. Le consiglierei di intraprendere un percorso di sostegno psicologico che le permetta di gestire con più fluidità i momenti di apatia e angoscia e indagare le sue preoccupazioni in modo approfondito, così da comprendere le loro origini e possibili soluzioni.
Se avesse necessità, resto disponibile anche online.
Un caro saluto!

Dr.ssa Arianna Buttafuoco Psicologo a Perugia

47 Risposte

16 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buongiorno Miranda. Mi spiace per la sofferenza emotiva che stai vivendo. La fine di una relazione porta sempre con se malessere e sofferenza. Vengono a mancare cose che facevano parte della nostra routine e ci vuole tempo per abituarsi e accettare la nuova situazione. Resto a tua disposizione se vorrai intraprendere un percorso di ascolto e supporto per aiutarti ad elaborare e superare questa sofferenza emotiva che stai vivendo. Anche online
Ti auguro il meglio.
Dott.ssa Silvia Di Stefano

Dottoressa Silvia Di Stefano Psicologo a Palermo

11 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buongiorno Miranda. Di sicuro l'episodio che porta alla mia attenzione è causa di sofferenza. A nessuno piace essere lasciato nè tantomeno essere tradito.
Ma da psicoterapeuta mi chiedo: per quale motivo lei ha reagito in questo modo specifico? Perchè il fatto di essere lasciata ha delle conseguenze così importanti nel suo caso? Ha forse intaccato il suo senso di amabilità?
Capisce bene che non è possibile (nè serio) dare risposte rapide e soluzioni preconfezionate semplici a situazioni complesse :). Quindi sarebbe il caso di approfondire la situazione per comprendere come funzione la sua emotività, Miranda, e trovare insieme una soluzione. Resto a disposizione, anche online e trova il mio sito su Internet.
Un caloroso saluto.
Dott. Ruggiero Punzi

Dott. Ruggiero Punzi Psicologo a Lecce

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Ciao MirandaDra, certamente la profondità dei tuoi sentimenti poco si addice alla mondanità e alla socialità dell'apparenza che tu descrivi. Capisco che tu, in questo momento, possa non sentirti a tuo agio in questi contesti definiamoli leggeri e di divertimento. Sono convinta che se riuscirai a trovare la forza di intraprendere un percorso psicologico che possa soddisfare la profondità dei tuoi sentimenti, riuscirai poi anche a ritrovare il piacere dei momenti insieme alle tue amiche.
Rimango a disposizione per qualsiasi dubbio o domanda

Un abbraccio

Dott.ssa Laura Dini Psicologo a Pescia

14 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buongiorno MirandaDra,
mi dispiace molto per la situazione che stai attraversando.
Resto disponibile se vorrai cercare di parlarne in uno spazio di ascolto e supporto per gestire al meglio questa situazione che ti fa soffrire emotivamente.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1788 Risposte

549 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Gentile,
lei racconta di essere uscita da una relazione importante solo 3 mesi fa e che questa condizione la fa molto soffrire, facendola sentire disinteressata a tutte le sue faccende (studio, uscite). Racconta inoltre il timore di non "essere vista" e di non riuscire più a relazionarsi con gli altri per via dei tempi che corrono. Potrebbe darsi che al momento non si senta pronta per attrarre qualcuno e che implicitamente lo comunichi? La comunicazione non verbale è la più immediata e se lei ha un atteggiamento sofferente, disinteressato (come è giusto che sia al momento) questo potrebbe mandare messaggi di allontanamento a possibili nuovi partner, che eviterebbero di corteggiarla.
Le consiglio di darsi un tempo ragionevole per uscire dal malessere di questa chiusura, tre mesi evidentemente non sono il suo tempo.
Qualora senta di aver bisogno di un consulto più approfondito, può rivolgersi ad un professionista per avere il supporto necessario alla sua condizione.
In questo frangente resto io stessa a sua disposizione, anche online.
Un caro saluto,
Dott.ssa Simona Delli Santi

Una Stanza per Sé: servizi per il benessere psicologico Psicologo a Oria

176 Risposte

67 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Miranda cara,
la passività e l'appiattimento affettivo di cui parli celano un doloro enorme: dietro questo silenzio emotivo mi sembra di sentire un grido esasperato e disperato, è il dolore per la fine di una relazione che necessariamente è una perdita. E come ogni perdita, ha bisogno di un processo di elaborazione che ci consente di attraversarla maturando un'accettazione e un cambiamento. 10 anni sono molti, sono anni in cui hai nutrito un'identità che era confermata dalla relazione di coppia.. ora questa tua reazione emotiva è normale, anzi, è un distacco dai sentimenti funzionale ad evitare il dolore (anche se la tristezza vela le tue giornate). Ti consiglio, ti consultare uno specialista che ti accompagni verso l'elaborazione della rottura di questa relazione, di questo "tunnel" come lo hai definito, che ti offra la dimensione di un ascolto empatico ed autentico e ti aiuti a dar voce a quest'apatia e angoscia fino a ripristinare un'armonia nel tuo mondo emotivo.
Resto a tua disposizione qualora volessi parlarne con me, anche online.
Ti abbraccio.
Dott.ssa Guercioni Clarissa

Dott.ssa Clarissa Guercioni Psicologo a San Benedetto del Tronto

387 Risposte

148 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Salve Miranda,
ci sono diversi elementi importanti in ciò che scrive. Credo che potrebbe aiutarla intraprendere un percorso psicologico per dedicare la giusta attenzione ai suoi pensieri e alle sue emozioni.
Resto a disposizione, anche online.
Dott.ssa Valeria Marangi

Dott.ssa Valeria Marangi Psicologo a Firenze

20 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buongiorno,
Mi dispiace molto per la situazione che sta vivendo. Purtroppo capita di uscire distrutti da una relazione soprattutto se questa relazione è stata lunga, importante e abbiamo confidato tanto in essa. Tuttavia la vita non finisce, ci sono molte cose belle attorno a lei, cose per cui vale la pena vivere. L'angoscia che la avvolge però la fa stare male e la capisco. Quando stiamo così male è importante riuscire a farci aiutare da qualcuno, fare un percorso la potrebbe aiutare a fare chiarezza dentro di sé, riscoprire le sue tante risorse e ritornare a stare meglio.
Resto a a disposizione,
In bocca al lupo per tutto
Dott.ssa Veronica Postal

Veronica Postal Psicologo a Trento

32 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 NOV 2021

Buongiorno MirandaDra,
lo stato di deflessione dell'umore che descrive richiede un intervento di supporto psicologico. Una chatt non può sostituirsi all'aiuto che le serve per rimettere insieme se stessa e recuperare una buona immagine di sé.
Sentirsi rifiutata non è un'esperienza piacevole, certamente. Ma questo non deve togliere valore e preziosità alla sua persona. La incoraggio a prendere la decisione di farsi seguire. Ne riceverà un gran bene.
Sono a disposizione e le auguro il meglio
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

1412 Risposte

781 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20900

psicologi

domande 35600

domande

Risposte 121000

Risposte