Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

mantenere un segreto importante o rischiare l'amicizia?

Inviata da lucia il 14 mar 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

Salve! Sono una studentessa universitaria di Varese. Ho 24 anni e per mantenermi svolgo un lavoro che mi occupa si e no una settimana al mese: Vendo il mio corpo. Sono molto tranquilla a riguardo, so capire le persone e so gestire chi mi sta vicino.
Prostituta, escort non so come chiamarmi esattamente, non sono sulla strada, ho pochissimi clienti ma ho prezzi alti.

La mia visione morale é cambiata in una settimana, sono diventata una di quelle ragazze che io stessa schifavo. Che pensavo fossero sporche e senza anima, soprattutto senza anima non so perché. E poi invece sono qui, la persona più sensibile e più pulita ma una di loro! Ma non é questo il problema: da quando lo faccio ho notato che preferisco circondarmi di amici più normali possibile, l'originalità e il ribelle non mi interessano più, forse inconsciamente per equilibrare la mia vita, ma proprio per questo (questa grande differenza) faccio una fatica enorme ad andare in fondo ai rapporti.
Arrivo al punto: Sono diventata amica di un gruppo di ragazze molto cristiane, io sono e resto atea, ma inizio a volere davvero bene a queste amiche. Come faccio a portare avanti un'amicizia vera con questo segreto? Il che, tra l'altro, travolge la moralitá del loro credo?

Anche se so che é un periodo( non sarà la mia fonte di reddito per sempre), ho comunque questo enorme peso, per me l'amicizia é tutto.

Cosa mi consigliate di fare? Dovrei parlargliene?

Ringrazio in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve Lucia
Comprendo ciò che ci racconta
Cosa è cambiato nell'immagine di se in questa settimana da provare questa emozione di disprezzo (?) Verso sè stessa?
Qual è la minaccia che teme se dice la verità rispetto alla sua professione a queste nuove amiche?
Di cosa ha paura?
Ridefinendo tutto questo, magari con un sostegno che la possa aiutare, potrà capire da cosa deriva questo cambiamento in lei e come gestire questa nuova visione di sé.
Spero di averle dato spunti su cui riflettere
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Cordialmente
Dottssa Fabrizia Tudisco psicologa Napoli

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

503 Risposte

942 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lucia,
la tranquillità con la quale gestisce questa nuova attività non implica che sia tutto tranquillo a tutti i livelli. Sicuramente ha cambiato opinione su quella che era la sua visione originaria poiché non è più legata a fantasie ma a qualcosa di reale che sta vivendo in prima persona. Concordo che l’essere pulite non ha a che fare con il vendere o meno il proprio corpo. Al contempo questo non esclude che non si possano avere ripercussioni negative rispetto all’immagine di sé. L’età di certo aiuta a vivere il più serenamente possibile un lavoro di questo tipo e 24 anni forse non sono bastanti per sopportare un carico di questo genere. L’altra cosa che mi lascia perplessa è come mai abbia iniziato a frequentare persone così distanti da lei? Ancora più rilevante mi sembra il fatto che lei affermi di non riuscire ad andare a fondo in nessuna relazione.
Riguardo invece alla sua richiesta sia parlarne con loro che non parlarne è un rischio. La scelta di queste nuove amicizie sembra abbia ottenuto il risultato di metterla comunque e in ogni caso in difficoltà. Come mai? Mi viene anche da chiederle che tipo di genitori ha? E con quali ideali e morale? Credo sia per lei utile mettere a fuoco meglio cosa sta succedendo in questo momento nella sua vita e le vere motivazione delle sue scelte.
Si rivolga a un professionista in gradi di guidarla in questa esplorazione.
Un caro saluto

Dott.ssa Lucia Rinaldi

Lucia Rinaldi Psicologo a Roma

91 Risposte

153 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Lucia
Comprendo come si sente, non sempre è facile dire la verità è svelare dei segreti che possono minare i rapporti, in questo caso di amicizia.
Lei è atea, eppure condivide altro al di fuori della religione con queste persone immagino.
Qual è la minaccia se confessa loro la sua professione? Di che cosa ha paura?
Questa emozione, che mi sembra sia la paura dei perderle, mi corregga se sbaglio, ha un effetto su di lei perché è qui a scrivere che non sa come comportarsi.
Come si sente se pensa di non dire la verità?
Questa verità, non è detta per quale motivo?
In che modo l'immagine di sé è minata se fa presente alle sue amiche cosa fa per guadagnare?
Perché proprio adesso teme di essere diventata quello che non voleva essere?
Spero che queste domande possano essere spunto di riflessione per lei.
Ridefinire queste emozioni che prova potrebbe aiutarla a comprendere i motivi alla base della sua scelta di non dire la verità, che sottende cosa?
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Cordialmente
Dottssa Fabrizia Tudisco psicologa Napoli

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

503 Risposte

942 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Lucia, mi viene da pensare, leggendoti, che il tuo scrupolo verso le tue amiche nasconda altri scrupoli. Credo che la tua convinzione di normalità nel tuo essere escort abbia fatto il suo tempo. La voglia di confidarti nasconde forse una voglia di appartenenza ad altri modelli di vita. Sarebbe utile un percorso terapeutico per chiarirti le idee su ciò che veramente vuoi. Ogni individuo è alla ricerca di un equilibrio abbastanza permanente che la tua vita attuale non ti da o forse non ti da più. Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lucia,
è proprio sicura che la sua visione morale sia cambiata sicchè lei è molto tranquilla riguardo al vendere il suo corpo per mantenersi agli studi?
Io ho il sospetto che non sia così e che l'essere in crisi per il dubbio se confidarsi o meno con queste amiche non solo fa pensare che la sua morale non sia cambiata ma rappresenta anche una piccola parte soltanto di quelli che potrebbero essere probabili problemi derivanti dai conflitti interiori e dalla dissociazione collegati a questa sua "scorciatoia" comportamentale.
Il consiglio è di farsi aiutare in psicoterapia a risolvere le sue incertezze e indecisioni.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6573 Risposte

18403 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima,
Non tutte le mie amiche sono vegane come me eppure siamo molto amiche .
Cerchi di separare le cose .
Un caro saluto

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte