Esiste la fobia di amare? La partner come si deve comportare?

Inviata da Gio · 3 giu 2021

Buongiorno. Dopo mesi di corteggiamento e di amicizia e forte attrazione, inizio una relazione extraconiugale con un collega molto più giovane: primi mesi intensi e passionali, poi lui cambia sede, poco dopo lascia la fidanzata, con cui non riesce più, dopo il nostro inizio, ad avere rapporti intimi. Tutto si complica. Inizia ad allontanarsi, provocarmi, invitarmi a casa annullando all’ultimo, ma continua a chiamarmi. Chiedo spiegazioni, mi arrabbio più volte, non capisco quest'inversione di rotta, lui ribadisce che mi vuole bene, è colpa del nuovo lavoro. Decido di chiudere, lui si apre: la mia situazione è complicata, gli procura forte ansia, perché ho una famiglia, una figlia, ha paura che per colpa sua lascio mio marito, dice che tra noi non può esserci una storia e che io ho perso la lucidità, non possiamo proseguire (gli parlavo di alcuni problemi con mio marito, spesso me lo chiedeva lui... ho sbagliato, non ho capito la sua preoccupazione fino in fondo). Ribadisce che mi vuole veramente bene, mi desidera, ma ha l'ansia, che non possiamo più fare sesso perché c’è troppo coinvolgimento, se andiamo avanti si fa sul serio e non possiamo. Penso alle solite scuse degli uomini che scappano. Ma in queste settimane, continua a chiamarmi con dolcezza, a volte anche per cose assolutamente non necessarie e scuse di lavoro, a volte più volte al giorno. Lo sento vicino, che ha bisogno ed è felice di sentirmi. Perché un uomo continua a chiamare una donna che sa essere innamorata, se la sta lasciando? È un uomo che ama e ha paura di amare o un uomo con i sensi di colpa per aver sedotto una donna sposata? Lo sento così fragile. Sono una donna razionale e forte, decisamente consapevole: amo quest’uomo, so razionalmente di sbagliare e sto cercando di risolvere i problemi emersi con mio marito anche grazie a questo tradimento (l'unico in 20 anni). Ho provato a evitare ogni contatto col mio amante. In passato ho chiuso sempre con decisione storie con uomini che non mi amavano: il dolore passa. Con lui non riesco, semplicemente perché sento che c’è un uomo che prova sentimenti forti, ma che vuole affogarli. Non vuole una storia con me, ma mi cerca. Dice di voler mantenere l'amicizia speciale tra noi. Fin dall’inizio non sono stata appiccicosa, facevo in modo che mi chiamasse e cercasse sempre lui, fosse lui a decidere quando vedermi. Sapevo di avere davanti un uomo libertino, giovane e intraprendente, che non ama veder limitati spazi e libertà. Nelle ultime settimane non l'ho mai, mai cercato, mi chiama lui, ma io gli faccio sentire e capire che per lui ci sono. E' un uomo giovane che scappa da un possibile amore complicato? Razionalmente, che torto dargli? Da una "bravata" si è ritrovato coinvolto. Ma è giusto soffocare da entrambe le parti i forti sentimenti? Cosa posso fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 GIU 2021

Cara Gio, buon giorno!
Il suo racconto è emblematico di un genere di relazioni dalle quali è difficile uscire.
Dalle sue parole vedo una donna è intrappolata in una relazione tossica, con un uomo che la manipola per ottenere da lei rifornimento narcisistico.
La tecnica del tira e molla, avvicinarsi e allontanarsi ad arte, provocarla e gratificarla, non lasciarla andare quando lei, saggiamente, interrompe i rapporti, mostrarsi fragile per far presa sul senso di colpa o di protezione, sono tutte dinamiche manipolatorie che servono a questa persona a garantirsi una fonte di approvvigionamento emotivo (che evidentemente ha trovato in lei).
Mi duole dirle che è molto difficile pensare che ci siano sentimenti forti e reali, quello che a lei sembra amore è in realtà un bisogno egoistico, d'altra parte il timore di questa persona è che lei possa lasciare suo marito a causa sua ... e a qual punto potrebbe trovarsi di fronte alla possibilità di una relazione vera, cosa per la quale lui probabilmente non ha nessun interesse.
A cosa sta rinunciando di sè e della sua vita per gratificare i bisogni emotivi di questo uomo?
Cosa realmente la tiene attaccata a lui, lei che è una donna forte e razionale e ha già provato ad interrompere la relazione?
C'è reciprocità in questa relazione?
C'è rispetto verso i suoi bisogni ed i suoi desideri?
Si sente libera in questa relazione?
Mi permetto di suggerirle di prendersi del tempo per riflettere, magari con un professionista, che la aiuti a rifocalizzassi su sè stessa per comprendere cosa sia meglio per lei e per il suo benessere.
Se desidera ulteriori approfondimenti (mi occupo disagio relazionale) e resto a sua disposizione anche on line.
Le auguro ogni bene!

Dr.ssa Erika Conti

Dr.ssa Erika Conti Psicologo a Savona

82 Risposte

91 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2021

Buongiorno Gio,
Darle certezza dei sentimenti del suo collega non mi è possibile, in quanto dovrei conoscerlo più approfonditamente. Considerando che non esiste età per l’amore, due persone possono sentirsi attratte perchè simili, perchè condividono passioni comuni, perchè sono alla ricerca di qualcosa che manca nella loro vita. È dunque complicato. Quello che proverei però a domandarle è se ha indagato sul perchè ha deciso di iniziare una relazione con un altro uomo. Lei è davvero innamorata del suo collega? O sta cercando di scappare da qualcosa che le sta stretto? Provi a porsi queste domande.

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

676 Risposte

326 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2021

Cara Gio,

Se con una bacchetta magica potesse ottenere qualsiasi cosa volesse, sceglierebbe suo marito, il suo collega molto più giovane o nessuno dei due? Scrive che ama il suo collega, ma che quanto avvenuto l'ha spinta a cercare di risolvere i problemi con suo marito.

Lei mi è sembrata una donna risoluta e decisa, forse non abituata a una simile incertezza. lI comportamento altalenante di lui potrebbe essere spiegato in modi diversi, ma è difficile sapere quale sia l'ipotesi più corretta senza conoscere ed incontrare il diretto interessato. Quello su cui invece io le consiglierei di riflettere è cosa faccia star bene lei.

Mi sentirei di consigliarle di prendere un pò di spazio per se stessa per fare chiarezza dentro di sè, su cosa realemente desideri e necessiti. Il collega è un mezzo per evadere da una relazione che ormai le sta stretta? Oppure è stato uno strumento che le ha permesso di capire quanto tenga alla sua famiglia?

Resto a disposizione anche on line,
Dott.ssa Maria Chiara Paladini

Dott.ssa Maria Chiara Paladini Psicologo a Napoli

65 Risposte

53 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2021

Carissima Gio,
da quello che scrive, sembra che il suo compagno non sappia ancora cosa cerca in un rapporto. Si è trovato una donna più grande di lui per svariati motivi che sarebbero da approfondire. La persona di cui racconta sembra abbia investito nella vostra relazione non tanto sessualmente ma affettivamente, cercando una figura che lo sostenesse e lo avvolgesse affettivamente.
Quello che invece bisognerebbe indagare è come sta lei in tutto questo, come sta vivendo soprattutto il rapporto con suo marito. Se quello che le è capitato è qualcosa che le ha fatto sentire sentimenti ormai sopiti e l'hanno aiutata a rivedere e ritrovare il suo matrimonio oppure se c'è altro.
Sono a disposizione.
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

415 Risposte

116 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 GIU 2021

Cara Gio,
è difficile trovare delle risposte nell'immediatezza, soprattutto quando è in gioco il suo matrimonio dal un lato e i suoi sentimenti verso il suo collega, dall'altro lato. Il comportamento altalenante di lui, potrebbe essere legato a tanti fattori, che possono essere compresi soltanto approfondendo la tematica in un tempo più prolungato. Le consiglio inoltre di riflettere anche su ciò che lei vuole, quali sono le sue priorità e ciò che le fa bene. Ciò potrà farlo in uno spazio e in un tempo protetti e non giudicanti, in cui ha accesso solo lei ed un esperto e in cui può dare libera espressione alla sua emotività e dove poter esprimere a voce alta i suoi pensieri e le possibili decisioni da poter prendere.
Sono a sua disposizione, anche online.
Un caro saluto,
Dott.ssa Rispoli Martina

Dott.ssa Martina Rispoli Psicologo a Salerno

36 Risposte

10 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 GIU 2021

Buongiorno Gio,
le ragioni del cuore difficilmente sono comprensibili alla nostra testa. Quando si crea il cortocircuito, le domande importanti e decisive vengono allontanate e cresce la situazione di confusione e di instabilità relazionale. Questo può star succedendo al suo collega che sembra non sapere ciò che vuole. Invito anche lei a chiedersi cosa vuole fare della famiglia che ha costruito e cosa la porta a sentirsi spinta a tradire suo marito.
Sono domande scomode, ma importanti per ritrovare se stessi e fare meno male possibile agli altri.
Rimango a disposizione e le auguro la più serena chiarezza in lei.
Dott.ssa Oriana Parisi
Neuropsicologa e Istruttrice Mindfulness MBSR

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

262 Risposte

137 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 GIU 2021

Cara Gio,
non è semplice sbrogliare i fili di una matassa con tali implicazioni.
Sicuramente tutte le variabili in gioco hanno un peso per entrambi e influenzano pensieri, comportamenti, scelte, emozioni e sentimenti.
Alla base, per Lei, è utile capire come procedere, come fronteggiare questa situazione in modo funzionale e per il proprio benessere. Se sente di dover interrompere ma non ce la fa, o se sente di non avere la giusta lucidità, le forze necessarie o sente sofferenza per quanto sta vivendo, Le consiglio di intraprendere un percorso mirato. Avere uno spazio dove poter capire approfonditamente quanto accade, le motivazioni e i bisogni profondi può aiutare a ridare la giusta dimensione a quanto accade.
Qualora volesse sono a Sua disposizione. Ricevo anche online e mi occupo di vita relazionale.
Le auguro il meglio.
Buona giornata,
Dr.ssa Annalisa Signorelli

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

300 Risposte

354 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 28950

domande

Risposte 98950

Risposte