crisi di matrimonio

Inviata da vita · 9 nov 2021

ciao a tutti, sono una ragazza di 27 anni e sono sposata da 3, purtroppo il nostro matrimonio non sta andando bene; abbiamo passato dei bei momenti solo i primi 6 mesi dopo di che c'è sempre stato un problema. ho un carattere molto aperto e lui chiuso, io sono aggressiva lui l'opposto.
sono successe tante cose in questi due anni e mezzo; i primi sei mesi era sempre attaccato a me ma già dal primo litigio ha iniziato ad allontanarsi, in tutti i sensi. non mi cercava più; anche ogni minima cosa diventava buona per fargli dire che non gli andava perché avevamo litigato.
oramai litighiamo per tutto, a lui di me non va bene nulla, il mio parlare il mio carattere, il mio avvicinarsi a lui a letto.
più di tante volte il motivo dei nostri litigi all'inizio erano i suoi e ora la sorella. se loro sbagliano e lo dico a mio marito lui si offende e non mi rivolge più la parola
ho provato anche a star lontana da lui ma non riesco anche se so comporta così quando non c'è mi manca
cosa devo fare? per favore aiutatemi, voglio salvare il mio matrimonio ma sono anche stressata

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 NOV 2021

Gentile Vita,
è probabile che la decisione del matrimonio sia stata presa senza una reciproca conoscenza più profonda col risultato di verificare poi frustrazione e incapacità di gestione degli inevitabili momenti di conflittualità che qualsiasi coppia attraversa.
Se, come sembra, lei riconosce di essere facilmente irritabile, impulsiva e aggressiva, il primo passo da fare è mettersi in discussione ed intraprendere un percorso di psicoterapia per analizzare e correggere questi lati disfunzionali della sua personalità.
In un secondo momento può chiedere la disponibilità anche di suo marito per una terapia di coppia in modo da recuperare quella intesa emotivo-affettiva che si è deteriorata.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7640 Risposte

21334 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 DIC 2021

Gentilissima,
nella vita di coppia è normale che vi siano alti e bassi. Il mio consiglio, in questi casi, è quello di prendere in considerazione un percorso di supporto psicologico per entrambi così da comprendere quali sono gli aspetti da rivedere per recuperare l'equilibrio iniziale.
Rimango a disposizione qualora sentisse la volontà di approfondire l'argomento, ricevo anche online.
Dott. Massimiliano Compagnone

Dott. Massimiliano Compagnone Psicologo a Aulla

196 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 DIC 2021

Gentilissima,
può succedere che nella vita di coppia vi siano alti e bassi. In questi casi, il mio consiglio è

Dott. Massimiliano Compagnone Psicologo a Aulla

196 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2021

Cara,
mi dispiace tanto per quello che sta passando. La vita a due è fatta di tanti aspetti, ma quello del cercarsi è forse quello che più impatta sul benessere della coppia.
Ha mai pensato di rivolgersi a uno psicologo? Magari inizi ad andare Lei sola, anche solo per alleggerirsi un pò del carico di stress che sta vivendo adesso; eventualmente capire poi se necessaria anche una terapia di coppia.
Resto a disposizione, anche online,
Buona serata,

Dott.ssa Michela Dicosta

Dott.ssa Michela Dicosta Psicologo a Como

34 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2021

Buongiorno,
da quello che descrive, siete una coppia molto complementare, forse troppo rigidamente complementare sulle vostre modalità. Potrebbe esservi di grande aiuto rivolgervi ad un professionista per una terapia di coppia. Qualora voleste, restiamo a disposizione.
Un saluto,
Dott. Alessandro D'Agostini, Centro Meta

Centro Meta Psicologo a Roma

46 Risposte

52 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2021

Ciao Vita7,
Molto spesso alla base delle difficoltà relazionali e quindi dei problemi di coppia, c'e' una comunicazione disfunzionale. Anche l'aggressività (che riconosci di avere) può essere veicolata nella comunicazione, e ciò può portare l'altro ad avere reazioni altrettanto aggressive, anche passivamente.
Per andare d'accordo con l'altro (partner) e' fondamentale acquisire una strategia comunicativa efficace.
Io mi occupo di Analisi Transazionale, un approccio che pone al centro, proprio la relazione, come stare in relazione con l'altro!
Credo che possa essere utile per te, iniziare un percorso in cui potrai acquisire questa competenza comunicativa.
Io sono disponibile, se vuoi puoi contattami (anche online)
Un caro saluto

Sara Trovarelli Psicologo a Campagnano di Roma

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 NOV 2021

Cara Vita, qualora suo marito fosse disponibile, potreste valutare una terapia di coppia, per capire come riportare la vostra storia all'armonia inziale. Mi pare, infatti, che il dialogo sia mancante ed è invece uno dei punti cardine del benessere di coppia. In alternativa, potrebbe contattare un/a psicoterapeuta per capire le sue individuali dinamiche relazionali, in modo da fare maggiore chiarezza dentro di sè; in questo caso, i cui benefici si rifletterebbero sicuramente anche nel rapporto di coppia. Una cosa che mi verrebbe da sottolinearle subito, ad esempio, è che pare indicare il matrimonio come data di inizio della vostra storia: ma prima? Che coppia eravate? Cosa è cambiato? Da quanti anni state assieme? Ha avuto altre relazioni precedenti? Che significato ha questa unione? Che progetti avete? Sono cambiati nel tempo? E la sua vita come va, al di là di questa situazione? Sono tutte domande che, approfondite nel contesto terapeutico, offrirebbero una lettura della situazione attuale che la aiuterebbe di sicuro. Mi contatti pure in privato qualora volesse approfondire. Saluti

Rebecca Silvia Rossi Psicologo a Andria

200 Risposte

355 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 NOV 2021

Buongiorno Vita,

intanto complimenti: hai deciso di continuare a fare qualcosa per cercare di salvare il tuo matrimonio, nonostante lo stress che la situazione ti sta causando.

Premetto che mi baso su ciò che hai scritto, ma i comportamenti che tuo marito mette in atto mi ricordano quelle che noi psicologi chiamiamo "critiche manipolative". Spesso sono fatte in buona fede (la persona semplicemente non consce alternative), ma provocano in chi le subisce grandissima frustrazione.

Un esempio di critica manipolativa è quando di fronte ad una discussione su un argomento specifico (es: lavare i piatti), la persona ti rinfaccia cose passate, oppure ti fa critiche vaghe (sei sempre la solita "x").

Si può imparare a riconoscere le critiche manipolative e a rispondere in modo da creare discussioni costruttive, dove nessuno si sente "una merda". Ho dedicato a questo argomento un episodio del mio podcast: prova a cercare "Come difendersi dalle critiche manipolative Paolo Perez" su google :-).

Mi viene in mente un ultima cosa che so potrà risultarti sgradevole. Ad un certo punto dici: "il motivo dei litigi erano prima i suoi parenti e adesso sua sorella". Ma non saranno fatti suoi ;-) ?


Resto a tua disposizione, ricevendo anche online. Spesso sono sufficienti pochi incontri, talvolta solo uno, per vedere importanti miglioramenti.


A presto,

Paolo Perez

Dott. Paolo Perez Psicologo a Torino

23 Risposte

14 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2021

Gentilissima,
mi dispiace molto per la situazione che riporta. I momenti di crisi sono presenti in ogni relazione di coppia. Per cercare di passarli e risolverli al meglio è importante, prima di tutto, dialogare in modo costruttivo, ciò significa che non si deve puntare a mettere in luce ciò che il partner sbaglia. La coppia deve ragionare sui propri sbagli, comprendendoli, accettandoli ed elaborandoli.
Una terapia di coppia, in questo caso, sarebbe fortemente consigliata.
Rimango a disposizione, ricevo anche online
Dott. Massimiliano Compagnone

Dott. Massimiliano Compagnone Psicologo a Aulla

196 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2021

Buongiorno. Il cambiamento personale è un processo lungo e complicato. Se ci sono voluti degli anni per determinare una sofferenza psicologica, non può certo bastare una mail per risolverla. Purtroppo non ci sono scorciatoie percorribili e i consigli che uno psicologo potrebbe dare in una chat lasciano il tempo che trovano: non esiste la “bacchetta magica”. Per inquadrare l’eventuale problematica di un individuo serve invece una consulenza approfondita (almeno 4 sedute). A seguire, se nella consulenza si evidenzia un problema significativo, per trattarlo e cercare di risolverlo è necessaria una vera e propria psicoterapia o una psicoanalisi.
È quindi illusorio credere che si possano ottenere risultati scrivendo in una chat: serve solo a perdere tempo e di solito significa che non si è pronti a mettersi in discussione. Se lei è una persona veramente motivata a capirsi e a ricercare un cambiamento personale profondo e duraturo, l’unico consiglio sensato che posso darle è quello di fissare un appuntamento con un professionista serio e preparato. Per quel che mi riguarda, le do la mia disponibilità (anche online).

Dott. Massimiliano Castelvedere Psicologo a Brescia

672 Risposte

89 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buonasera Vita,
mi sembra di capire da quanto scrive che a partire già dal sesto mese del suo matrimonio lei e suo marito siate stati messi a dura prova da alcune divergenze di carattere che vi caratterizzano. Questo però ha portato si da subito ad un allontanamento del suo compagno da lei, allontanamento dovuto anche (e soprattutto all'inizio) a situazioni che si vengono a creare con i genitori e la sorella di suo marito.
Potrebbe essere utile in questo caso cercare di capire in che modo, quando sentivate di stare bene insieme, comunicavate tra voi e se c'è stato un cambiamento. Anche usare una conversazione più chiara, che spieghi cosa la fa stare male e come la fa stare emotivamente, potrebbe essere utile sia a lei che al suo compagno a ristabilire una connessione emotiva, che, mi sembra dal suo racconto, sia abbastanza deteriorata in questo momento. Potrebbe esserle utile anche cercare di ristabilire una condizione di calma interna che le permetta di salvaguardare la comunicazione con il suo compagno.
Provi a interfacciarsi con lui in maniera autentica, scevra di colpevolizzazioni e comportamenti che abbiano l'intenzione di fare capire qualcosa senza dirla apertamente.
Una comunicazione continua, calma, sentita ma anche centrata su cosa accade e sulle emozioni è il miglior modo per comunicare in una crisi.
Nel caso abbia bisogno di altro, resto a sua disposizione.
Con il miglior augurio per lei e la sua vita matrimoniale porgo i miei saluti.
Dott.ssa Simona Delli Santi

Una Stanza per Sé: servizi per il benessere psicologico Psicologo a Oria

59 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Cara Vita,
Grazie per aver condiviso la tua difficoltà, prendere consapevolezza della situazione è il primo passo importante per poter attuare un cambiamento. I momenti di crisi in una relazione sono naturali e necessari affinché possa evolvere e trovare un nuovo equilibrio che rispecchi maggiormente i membri della coppia. Leggendo le tue parole si percepisce il senso di impotenza verso dinamiche che si ripetono continuamente, forse potrebbe essere utile prendersi un momento per ripensare ai motivi che vi hanno avvicinato e portato a prendere una scelta così importante come quella del matrimonio, ricordarsi ciò che vi ha attratto l'uno dell'altra per potersi riavvicinare e porsi in un'atteggiamento di maggiore apertura abbandonando schemi difensivi che vi hanno fatto allontanare.
Spero tu riesca a fare chiarezza e a ritrovare la serenità nel tuo rapporto.

Dott.ssa Fabrizia Ferraro Psicologo a Napoli

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Indubbiamente un percorso di psicoterapia individuale e di coppia sarebbe un’idea interessante da intraprendere.
Potreste provare a parlare più di come il partner vi fa sentire, senza colpevolizzare l’altro attraverso il messaggio Io.
Il concetto chiave del messaggio Io è “Io sento”, piuttosto che “Tu sei”.
Si costruisce attraverso quattro passaggi:
1- Quando tu…(e si descrive il comportamento che disturba, in modo concreto, specifico e circostanziato)
2- Io mi sento…(e si descrivono le proprie emozioni)
3- Perché… (e si descrive il motivo delle proprie emozioni)
4- E ti chiedo di…(e si descrive il comportamento desiderato)

Il consiglio che do è quello di parlare del proprio stato d’animo ma non in termini di colpevolizzazione dell’altro, bensì nei termini di cosa entrambi potete fare per migliorare, ascoltarvi, capirvi, venirvi incontro.
Altro consiglio, nessun comportamento di “ripicca”, spesso sono risposte inconsce di messa atto di comportamento proprio perché non si riesce ad elaborare la parte emotiva connettendola al pensiero.
A presto

Studio di Psicologia - Dott.ssa M.S. Cassarà Psicologo a Palermo

7 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Salve, Mi dispiace molto per la situazione che descrive poiché comprendo il disagio connesso. Innanzitutto c'è da considerare anche il fatto che vi siete sposati molto giovani per cui è normale poter attraversare dei periodi difficoltosi, l'importante è prendere entrambi verso un obiettivo comune ed instaurare un dialogo schietto e sincero, ma senza giudizio, al fine di condividere le situazioni che non vanno ed i pensieri e vissuti emotivi connessi.
Ritengo che sia fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico sia per gestire meglio lo stress regalato a questa situazione sia per elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi al fine di trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

482 Risposte

163 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buongiorno Vita,
sono dispiaciuta per la situazione che sta vivendo. Le relazioni ricoprono un ruolo importante nella vita e possono condizionare il benessere. Un percorso di coppia potrebbe aiutarvi a ripristinare sintonia e dialogo attraverso la mediazione, ma se suo marito non è disposto ad intraprenderlo potrebbe lei trovare un suo spazio d’ascolto. Personalmente riterrei utile farla riflettere sugli assolutismi che riporta (mai, sempre, tutto, nulla), e sulle dicotomie (io bianco, lui nero). Quando si allontana da suo marito, le manca. Si sente stressata probabilmente perché, pur avendo chiaro l’obiettivo di salvare il suo matrimonio, mettete in atto schemi comportamentali che vi riportano nel circolo vizioso dei litigi. Circolo vizioso, assolutismo, dicotomia, possono essere messi in discussione con un lavoro su di sé o sulla coppia. Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente
Dott.ssa Myria Laghi

Dott.ssa Myria Laghi Psicologo a San Benedetto del Tronto

60 Risposte

22 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buongiorno

Le liti non aiutano sicuramente la riuscita di un matrimonio sereno, ma neanche la presenza di terzi , in questo caso dei suoi suoceri.
Cerchi di stemperare i toni per andare incontro a suo marito e provi a farsi aiutare con la psicoterapia, un paio di sedute da sola, altre in coppia, potrebbe risultare una soluzione molto utile.
Atteggiamenti, parole, comprensione ed empatia sono gli ingredienti per una buona riuscita della vita di coppia.
Anche il compromesso aiuta, ma soprattutto alla base ci vuole un buon dialogo.
Dott Paola Von Korsich Giardini

Dott Paola Von Korsich Giardini Psicologo a Monza

17 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Cara Vita,
posso solo immaginare il suo disagio, non deve essere per nulla semplice da gestire.
Mi fa piacere sia riuscita a condividerlo qui, è un primo grande passo che dimostra la sua voglia di migliorare e riavere un benessere che merita. Mi colpisce la sua storia, ricca di significati e dolori che probabilmente andrebbero compresi per sciogliere quei nodi che ora non le permettono di fluire nella sua vita. Vivere una relazione mette davanti a numerosi ostacoli e sfide personali. Credo che potrebbe essere importante per lei comprendere quali parti di sè fuoriescono col suo partner, ascoltarle e gestirle considerando che non è lei la colpevole. Non ci sono responsabili ma ciò che può fare la differenza è prendersi la responsabilità delle proprie reazioni. E non è semplice lo comprendo, ma anche utile se si intende migliorare la qualità della propria relazione. Valuti l'idea di affidarsi ad un professionista che possa guidarla in questo momento.

Io se vuole resto a disposizione anche online.
Le auguro il meglio e le mando un caro saluto


Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

249 Risposte

148 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buongiorno Vita. Da quello che lei descrive è certamente opportuno che voi possiate ricorrere a una terapia di coppia. Il terapeuta nella posizione di mediatore potrà favorire il vostro dialogo, diventato impossibile con il crescente clima di disaccordo e lite tra di voi. Naturalmente quando è così, nessuno dei due può ascoltare l'altro e prevalgono le accusee il risentimento. Lo spazio terapeutico per un possibile dialogo è un primo passo per riuscire a migliorare il vostro rapporto. Un saluto e una buona giornata con l'augurio che riusciate a fare questo passo.

Studio Dr. Gilberto G. Villela Psicologo a Roma

117 Risposte

55 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Salve vita, è tangibile la difficoltà che state attraversando. Purtroppo il matrimonio può rappresentare un cambiamento davvero importante nella vita di un individuo. Bisogna ricostruire la propria immagine, inglobando quella di marito/moglie e le responsabilità che questo comporta. Ognuno costruisce delle aspettative in base a ciò che vorrebbe il proprio partner facesse e se queste vengono poi deluse pian piano si collezionano delusioni che si traducono spesso in scontri. Essere sinceri, parlare di queste aspettative potrebbe essere il primo passo per comprendere anche il punto di vista dell'altro e cominciare a capire quanto effettivamente siano realistiche oppure no. In questi casi una terapia di coppia potrebbe facilitare il dialogo far fluire le emozioni che vi portate demtro e aiutarvi a esprimerle correttamente. Potrebbe valutare di proporla a suo marito e vedere cosa ne pensa.
Resto a disposizione.
Dott.ssa Morlino Roberta

Dott.ssa Morlino Roberta Psicologo a Foggia

7 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Carissima ragazza, sarebbe facile suggerirti una psicoterapia per comprendere ed esplorare meglio la tua aggressività, consigliarti di verificare che tu non stia ripetendo il lavoro della tua "famiglia interna", o addirittura ripercorrendo modelli già visti. Sarebbe facile farti ricordare i motivi per cui vi siete sposati, cosa ti piaceva di lui che non riesci più a trovare, sarebbe facile sottintendere che se faceste un figlio, il legame - forse - aquisirebbe nuova linfa. Invece mi soffermo sulla tua giovane età: se nel matrimonio stai così a 27, forse non è la persona giusta, forse siete cambiati divergendo, forse è il caso di ripensarci. Il matrimonio è un percorso lungo e serio.
Potresti, in quest'ottica, discuterne con un tecnico in una psicoterapia breve.

Un caro saluto

Dott. Pier Luigi Rocco Psicologo a Udine

60 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Carissima Vita,
una terapia di coppia in un ambiente protetto e non giudicante potrebbe aiutarvi a ritrovare un dialogo e a parlare apertamente di quello che non funziona nella vostra relazione. Potrebbe permettervi di esternare sensazioni, sentimenti e non detti che possono aiutare a fare maggiore chiarezza sul vostro rapporto e capire come fare o non fare per stare insieme
Sono a disposizione
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

661 Risposte

195 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buongiorno.
Credo che vi troviate in una sorta di blocco relazionale e comunicativo. È importante in questo momento fermarsi e riuscire ad osservarsi meglio per capire in cosa si può migliorare. Potreste prendere in considerazione l'idea di una terapia di coppia, ma solo se entrambi motivati a capire meglio cosa non sta funzionando in modo da poter modificare alcuni schemi disfunzionali.
Se ha bisogno resto a disposizione.
Un caro saluto
Dott. Gabriele Fichera

Dott. Gabriele Fichera Psicologo a Torino

72 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Buongiorno,
Mi dispiace per ciò che hai esposto e immagino la tua sofferenza emotiva.
Ti consiglierei di intraprendere un percorso psicologico individuale inizialmente e poi eventualmente di coppia se anche lui sarà motivato.
Resto disponibile anche online se vorrai cercare di parlarne in uno spazio di ascolto e supporto per gestire al meglio questa situazione che ti fa soffrire emotivamente.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1167 Risposte

328 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Cara,

alla luce delle crisi matrimoniale, vi suggerisco di intraprendere un percorso di coppia, in modo da approfondire i nodi relazionali che si sono man mano formati nel vostro rapporto, considerando anche i vostri reciproci contesti di appartenenza.
Sono a sua/vostra completa disposizione, anche online.

Dott.ssa Francesca Orefice.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

550 Risposte

180 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2021

Gentile Vita, da quanto descrive mi sembra che ci siano molte tensioni accumulate nel tempo. Per poter provare ad uscire da una crisi è necessario che entrambi i partner si mettano in gioco e si impegnino per cambiare il modo di stare in coppia. Suggerisco quindi di valutare un percorso di coppia.


Un caro saluto, Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

435 Risposte

478 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19050

psicologi

domande 30700

domande

Risposte 105250

Risposte