Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come faccio a capire se la mia scelta è stata giusta?

Inviata da Maria il 15 set 2019

Ho lasciato il mio ragazzo perché mi stavo isolando dai miei amici e amiche, dal nuovo gruppo di amici che mi ero creata, dalla mia famiglia e lui in parte ne era la causa perché il fatto che si arrabbiasse o gli desse fastidio se qualcuno di loro mi cercasse o se passassi del tempo con loro, mi faceva evitare di starci per evitare problemi con lui, però quando mi trovavo in situazioni che non potevo evitare era subito litigio, io mi scusavo e lui mi perdonava e tornava tutto normale. Ha iniziato ad essere così dopo poco che ci siamo fatti fidanzati quando ha scoperto che una sera non gli avevo detto tutta la verità perché pensava fossi fuori con delle mie amiche e invece ero fuori con dei miei amici maschi, ma che per me erano sempre stati come fratelli, prima di questo lui non si comportava così. Quello che mi chiedo è ho fatto la cosa giusta a lasciarlo così di punto in bianco oppure avrei potuto sistemare la cosa? Lui cerca di farmi capire che ho sbagliato a comportarmi così e vorrebbe riprovarci ma io ho paura che ritorni come prima che lo lasciassi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Mi dispiace per il suo dolore, prendere la decisione di rompere un legame affettivo non è mai facile. Quello che però l'ha spinta ad agire così di impulso è la consapevolezza del fatto che difficilmente questo ragazzo modificherebbe il suo comportamento. Io non conosco questo ragazzo e non posso, di conseguenza, prevedere o ipotizzare un suo ipotetico cambiamento. Quello che però mi sento di dirle, è che una relazione deve essere vissuta senza paura, senza bisogno di mentire o di "essere perdonati" per queste cose. Forse a questo ragazzo farebbe bene una terapia psicologica, ma mi lasci dire che sarei molto sorpreso se lui accettasse di mettersi in discussione così tanto.
Spero di esserle stato utile, un saluto!

Dottor Argo Penovi Psicologo a Collevecchio

5 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Maria,
sembra di capire che lei si è quasi sentita costretta a mentire per "quieto vivere" e già questa è una cosa che non va bene come non va bene il fatto di dover restringere la sua vita sociale ed i suoi affetti familiari affinchè lui potesse sentirsi più sicuro avendo maggiore controllo su di lei.
In ogni caso, nelle divergenze è sempre preferibile la sincerità e il confronto dialettico per trovare un punto di incontro.
Penso che se a fronte di questa pecca ci sono altri lati positivi in questo ragazzo, lei può ancora avere un confronto con lui difendendo la sua posizione e precisando che dovrebbe fare qualcosa per correggere l'eccesso di gelosia e possessività, ad es. mettendosi in discussione in un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6606 Risposte

18491 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Maria, spesso la scelta giusta non è priva di difficoltà e di dolore. È molto importante per te capire come vuoi nutrire il tuo rapporto sentimentale. Rinunciando agli amici? Alla famiglia? A te stessa? Il rapporto di coppia ci fa crescere se abbiamo a fianco un partner che ci ama e rispetta. Spesso l'altro può non accorgersi del dolore che arreca al partner ma tu hai fatto bene ad accorgerti del tuo dolore solo così potrai prendertene cura, anche se ora vivi nell'incertezza della scelta giusta. Buon lavoro
Dott.ssa Pirastru

Dr.ssa Sibilla Pirastru Psicologo a Sassari

3 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao,

sinceramente credo che sia un rapporto inadeguato, dato che lui è essenzialmente sfiduciato per esperienze inerenti alla sua storia di sviluppo. E questo non lo cambi. Potrebbe avere anche senso di inferiorità nel momento in cui si confronta con altri ragazzi. Ma le ipotesi sono tante. Di fatto la fiducia va data. Non darla significa non conoscere quella persona a sufficienza e non essere neanche in grado di farlo a mio avviso. L'unica cosa che potrei capire è se lui volesse una vita giustamente più intima e tu sei sempre sulla pubblica piazza diciamo così. Ma se ti occupi occasionalmente della tua vita sociale non vedo problemi

Dott. Franco Fusi Psicologo a Milano

26 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima, non devi sentirti in colpa per la tua scelta puoi comunque parlare ancora con lui e vedere insieme come poter trovare un punto d'incontro.
Dottoressa Martina Morosi Psicologa e psicoterapeuta

Dottoressa Martina Morosi Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Pistoia

4 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Maria, ho letto con attenzione quanto da lei scritto e manifestato. Posso dirle sin da subito che non c'è una risposta alla sua domanda, poiché nessuno potrà dirle se ha fatto bene o ha fatto male, la risposta può darla solamente lei, cercando di capire come si sente. Sono sicura che ancor prima di decidere di lasciare il suo ragazzo lei ci abbia pensato attentamente, sarà stata una decisione maturata nel tempo e perché no anche sofferta. Adesso non deve fare altro che valutare e capire cosa la rende più serena e felice, cercando di prendere la giusta decisione considerando innanzitutto il suo benessere psicologico.
Spero di esserle stata d'aiuto e per ulteriori dubbi può sempre scrivermi

Dott ssa Teresa Nobile

Psicologa Dott.ssa Teresa Nobile Psicologo a Agrigento

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Maria, i tuoi dubbi sono legati probabilmente al timore di “ non essere stata brava” a migliorare una potenziale relazione sentimentale che avrebbe potuto assecondare il tuo bisogno di essere amata. È possibile che associ a te stessa ogni responsabilità sulla buona realizzazione di un progetto che in questo caso è amoroso. Probabilmente è un tuo modus operandi. Tendi a colpevolizzarti spesso? Le relazioni prevedono la presenza di te è un altro significativo. Quindi considera che l’incastro non dipende solo da te ma da un insieme di incognite che esulano dal tuo potere e controllo.

Dott.ssa Daniela Germano Psicologo a Bari

10 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Solitamente chi ama accetta la vita dell'altro, non tende a manipolarne le relazioni. Ti inviterei a valutare come ti sentivi quando stavi con lui... Una relazione sana dà sensazione di sicurezza, benessere, complicità, fiducia. Inoltre, rifletti se i tuoi gesti erano provocatori nei suoi confronti e quindi causavano queste "gelosie"; oppure era "possessione" da parte sua. Ovviamente, sono tutti spunti di riflessione, ci sarebbe da approfondire.

Dott.ssa Valeria Alescio Psicologo a Vittoria

15 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Una relazione di coppia positiva favorisce lo sviluppo, l'autonomia e la realizzazione dei partner. Quando ci sentiamo "costretti" a mentire, ad omettere, riveliamo l'esistenza di una insicurezza che può originarsi in noi stessi o da "segnali" che ci invia l'altro. Un clima di controllo e possesso non è mai un indicatore positivo. Meglio concedersi un tempo disperazione sufficiente a chiarire definitivamente il proprio sentire

Dr.ssa Maria Abbondati Psicologo a Albano Laziale

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve, bisognerebbe capire prima di tutto cosa lei intende per relazione sentimentale, quindi cosa si aspetta dalla relazione con il suo ragazzo e quanto di questi suoi canoni vengono soddisfatti dal suo ragazzo. poi bisognerebbe capire cosa ha pensato e come si è sentita quando ha scoperto che lui era fuori con gli amici invece che con amiche, è come si è sentita in quel momento. infine dovrebbe cercare di capire che cosa ha pensato quando lui ha cercato di farle capire che ha sbagliato a comportarsi così e vorrebbe riprovarci e lei aveva paura che tornasse come prima di lasciarlo.

Dott.ssa Laura Lupi Psicologo a Firenze

49 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Maria,
Capisco le sue perplessità, non è quasi mai una scelta semplice troncare una relazione. Ma mi soffermo per un attimo sulle sue parole, lei dice che il suo ex compagno l'ha fatta allontanare da amici ed affetti. Se questo per lei è fonte di sofferenza, forse la lontananza, momentanea o definitiva, può essere un'occasione per guardarsi un po' dentro, capire come mai sia accaduto, capire che cosa sia più importante per lei, di che cosa lei ha bisogno e riprendere contatti importanti che sono risorse per noi.

Dottoressa Jessica Caramia Psicologo a Bresso

2 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sembra che lei abbia fatto questa scelta con convincimento, sentendo dentro di sè che la relazione col suo ragazzo stava danneggiando la sua vita sociale e altri suoi affetti, e che le cose non sarebbero cambiate; anche se scrive che ha agito d'impulso, l'impulso a volte è frutto di un malessere maturato nel tempo. Nessuno può dirle se ha fatto la cosa giusta o sbagliata, lei può valutare se la qualità della sua vita, del suo tempo, le sue amicizie sono tornate come lei voleva, se sentiva che le veniva 'rubata' la vita; in questo caso, la scelta è stata opportuna. Quando una relazione ci isola dal resto del mondo, non è mai una buona premessa.... Cari saluti

Dr.ssa Rossella Valdrè, Psicoterapeuta e Psicoanalista Psicologo a Genova

11 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19300

domande

Risposte 78250

Risposte