Problema con due ragazzi.. aiuto

Inviata da Saretta · 7 lug 2020

Salve. Non so con chi sfogarmi.. Ho un problema che mi sta logorando dentro. Sono stata fidanzata per tre anni (E convissuto un anno) con un ragazzo con problemi psichici, ma fin qui tutto ok dato che all’inizio mi trattava come una principessa. Durante l’ultimo anno però con lui sono stata malissimo, iniziò a sminuirmi, mi diceva sempre di stare zitta, che fossi noiosa, mi diede addirittura della psicopatica quando scoprii che frequentava siti di incontri per chattare e due o tre volte mi ha tirato uno schiaffo o comunque mi ha spinto, una volta mi ha anche sputato in faccia dato che per la stanchezza non avevo lavato i piatti il giorno prima. Finalmente trovai la forza di andarmene da quella casa, anche perché conobbi online un ragazzo dolcissimo che mi è stato accanto durante quel periodo nonostante abitiamo in città lontane. A distanza di quasi un anno ogni tanto io mi rivedo con il mio ex ogni tanto per solitudine dato che non ho un padre, mia madre soffre di depressione e non esce mai, non ho più amici e l’unico vicino che ho è il mio ex, che nonostante mi abbia fatto del male ci tengo ancora ma non sono più innamorata.. un mese fa ho visto per la prima volta questo ragazzo conosciuto online e sono stata benissimo.. mi ha trattato come una principessa e ci tiene tanto a me, stiamo tutte le sere al telefono e una volta pianse assieme a me dato che mi sentiva triste. Mi ha proposto di visitare Venezia assieme tra qualche giorno e stare un weekend, solamente che il mio ex mi controlla molto e sa che non parto mai con mia madre, sa che non ho amici e farebbe un casino in caso gli dicessi tutta la verità. Non so come fare.. io ci tengo a stare con quest’altro ragazzo, lui penso ci tenga davvvero tanto a me e finalmente sono felice con qualcuno, però mi dispiace fare del male anche al mio ex dato che nonostante sia violento a volte sa essere dolce.. mi aveva proposto anche lui di fare una vacanza assieme ma ho inventato una scusa dei soldi perché non voglio andare con lui dato che poi potrebbe giustamente ingelosirsi l’altro e non voglio perderlo. Che devo fare? Non voglio neanche perdere l’amicizia del mio ex.. però se gli dicessi che ho un altro mi odierebbe a vita.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 LUG 2020

Carissima, molto spesso non si riesce a chiudere una relazione per paura: paura di rimanere da soli, paura di soffrire o fare soffrire, paura di sbagliare, paura di ricominciare.
Interrogarsi su quale sia il motivo che ci impedisce di farlo è il primo importante passo da compiere per mettere in atto una scelta consapevole.
Dovrebbe innanzitutto riflettere sul perché non riesce a staccarsi dal suo ex nonostante la relazione fosse tossica e quindi disfunzionale.
Non è sempre semplice rendersi conto di trovarsi in una relazione malsana, dannosa per se stessi e per la propria vita.
Non deve avere paura di ammetterlo, perchè così come si commettono errori di vario genere può capitare di inciampare in legami dannosi quasi senza accorgersene.
Chiudere una relazione sbagliata potrebbe essere l'unico modo per iniziare nuove storie più positive e produttive, per riprendere il controllo della propria vita e della propria identità.
Tutti meritiamo di essere felici.
Le auguro il meglio
Resto a disposizione

Dott.ssa Carola Stancampiano Psicologo a Adrano

27 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 LUG 2020

Gentile Saretta,
Occorrerebbe approfondire meglio la sua storia e comprendere meglio cosa la spinge a restare legata a una persona che l'ha maltrattata e che la controlla. Dalla sua lettera emerge la dinamica del non fare qualcosa per paura di ferire qualcun altro ed essere abbandonata. Questa, rischia di essere una dinamica pericolosa perché può spingerla a fare o non fare le cose non perché lo desideri davvero ma mossa dalla paura di perdere l'altro. La felicità però, passa dai nostri di bisogni non da quelli degli altri. La società purtroppo ci spinge a credere che non sacrificare se stessi sia da egoisti ma non è così, occorre ascoltare i propri desideri. Le suggerisco di provare a intraprendere un percorso con un professionista per lavorare sui suoi bisogni e su ciò che la blocca nell'ascoltarli.
Un caro saluto

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

499 Risposte

522 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20550

psicologi

domande 34550

domande

Risposte 117950

Risposte