Penso di avere una crisi esistenziale?

Inviata da Lorebernn · 24 ago 2020

Salve, ho 21 e sono uno studente. Da circa 3 settimane mi sento un po strano, da quando stranamente così dal nulla ho iniziato a riflettere sui significati di vita e morte, sui momenti passati, sento che la vita è breve, e mi sento come vecchio anche se ho solo 21 anni, insomma penso di avere una crisi esistenziale. Prima ero piuttosto spensierato e non pensavo a queste cose. Nelle prime settimane erano piu frequenti ed erano accompagnati da irrequitezza, ansia e tensioni cervicali ma ora sono i sintomi fisici sono meno frequenti, ad oggi ho ancora questi pensieri sul senso della vita ma molte volte riesco a reagire dicendomi che sto dicendo una marea di cazzate o che quello che penso è assurdo ma dopo un po ritornano, alcuni di questi pensieri sono spariti ma alcuni persistono. Alcune cose che facevo abitualmente non mi interessano piu (giocare ai videogiochi ad esempio) mentre altre come uscire con gli amici o stare con la famiglia mi aiutano a distrarmi da questi pensieri, anche andare in un altro posto per esempio li attenua (vado a passeggiare ogni mattina), durante il giorno mi sento annoiato e con po di sonnolenza ma se ho qualcosa di diverso da fare ritrovo un po di entusiasmo mentre nelle ore serali questi pensieri spariscono quasi del tutto ma mi sale una grande sonnolenza. Di notte dormo tranquillo ma risveglio sempre alle stesse ore ma dopo un po riesco ad addormentarmi ma fortunatamente non ho incubi. Riesco a stare seduto tranquillo e riesco a pensare fiducioso sul mio futuro, ma come ho gia detto ho ancora questi pensieri. Fortunatamente a distanza di 3 settimane sono riuscito ad eliminare alcuni di questi pensieri ma alcuni rimangono ma riesco un po a tenerli a bada. In base a questo pensate che ho una crisi esistenziale? Se si in base a questi miglioramenti riuscirò ad eliminare definitivamente questi pensieri come i precedenti?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 AGO 2020

Ciao studente di 21 anni. Una crisi esistenziale è preziosa come un diamante grezzo. Non è un problema psicologico. I pensieri che vorresti eliminare non sono cazzate. Il Lavoro psicologico consiste nel renderti pronto ad affrontarle. Distrarti da quelle domande significa rimandare il cambiamento che il tuo bisogno di crescere ti sta chiedendo. Ti sei soffermato a descrivere gli esiti somatici del tuo stato di malessere (forse studi medicina?) che possono far pensare a stati ansiosi e depressivi. In questo modo diventano cose stupide e irragionevoli da "togliere" invece che sofferenza a cui interessarti. Penso che tu debba dare valore alla sofferenza di questo momento. Certo è sgradevole e spesso propone confusione e paure irragionevoli. Comprenderle significa liberarle. questo ti porterà in un nuovo capitolo della tua vita. Trova un "Virgilio" che ti accompagni attraverso questo piccolo inferno e ne uscirai più grande e consapevole. Coraggio. Francesco Drigo.

Dott. Francesco Drigo Psicologo a Latina

13 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Buongiorno Lorebermn, quando arrivano domande difficile normalmente si vivono anche situazioni difficili. Le tue domande esistenziali derivano probabilmente da ansie e paure che derivano da vissuti che non ti rendono sereno, ce necessità di trovar la giusta rotta insiene a chi sei in questo momento e dove desideri dirigersi ci sono strumenti terapeutici idonei come la psicosomatica e LEMDR per trasformare i tuoi stati. Rimango a disposizione

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

210 Risposte

65 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Salve, questi pensieri bisogna accoglierli e cercare di capirli, ma soprattutto cercare di comprendere da dove vengono e cosa vogliono dirci. Il suo corpo e i suoi pensieri le stanno comunicando che in lei c'è un malessere che può essere di tanti tipi! Magari è un periodo, magari è arrivato il tempo di fermarsi per riflettere su alcune cose... non si spaventi ma accolga le sue emozioni. Cercando di non pensarci non scomoariranno perché comunque fanno parte di lei! Può cercare di parlarne con qualcuno in maniera tale da capirli e, col tempo, risolverli.
Saluti da Roma, Dott.ssa Melis Deborah.

Studio Dott.ssa Deborah Melis Psicologo a Roma

23 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Buongiorno
Il periodo che stiamo attraversando per via dell’emergenza sanitaria ha indubbiamente scosso tutti noi ed è abbastanza comprensibile sviluppare paure e angosce circa il futuro.
Se a questo aggiungiamo anche la sua giovane età, che per quanto giovane, si sta però apprestando ad uno scatto di maturità non indifferente, durante il quale ci si inizia a confrontare con il mondo degli adulti, si inizia ad avere a che fare con maggiori responsabilità, e si devono prendere tante decisioni importanti.
Ritengo che lei già abbia fatto tantissimo da solo nel riuscire a controllare in parte i suoi pensieri negativi ed anche la sua capacità di riflessione e analisi circa questi pensieri e la loro natura è indice di un buon livello di consapevolezza.
Personalmente, dunque, ritengo che crisi esistenziale o meno lei stia attraversando un periodo di grandi cambiamenti e sarebbe utile che continuasse a concentrarsi così come sta facendo sulla lettura approfondita dei suoi pensieri, cercando di “navigare a vista“ e analizzando l’utilità di quei pensieri negativi, magari sviscerandoli alla ricerca del loro lato positivo.
Le auguro di procedere sempre in meglio e non esiti a contattarci di nuovo se ne sente il bisogno.
Buona giornata
Dott.ssa Laura Arcara

Dott.ssa Laura Arcara Psicologo a Palermo

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Buongiorno,
i pensieri che descrivi non mi sembrano assurdi, anzi. Capita a molte persone, in alcuni momenti della vita o quando qualcosa cambia, di riflettere su questi temi. Ne ho sentito parlare anche i ragazzi della tua età. Concediti il tempo per riflettere e, se ti va, chiedi ai tuoi coetanei se capita anche a loro di avere questi pensieri. Probabilmente scoprirai che non sei l’unico.
Pretendere che i pensieri se ne vadano può essere controproducente.
Fai bene a uscire con gli amici, a passeggiare, a fare la vita normale.
Se ti senti in difficoltà o preoccupato, puoi valutare se chiedere una consulenza psicologica, confrontarti, condividere, farti aiutare a gestire questi momenti. Potrebbero bastare poche sedute. Ma può anche essere che sia semplicemente un momento di riflessione in questo periodo un po’ strano per tutti. Vedi come va avanti, come stai e poi decidi cosa fare.
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

197 Risposte

107 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Buongiorno,
personalmente non amo dare etichette, la realtà è sempre più sfuggente e complessa. Capisco però il bisogno di dare nome per controllare e tenere a bada ciò che ci spaventa. Allora possiamo parlare di crisi esistenziale, se intendiamo una crisi legata ad un passaggio importante della vita, quando cambia l'orizzonte e ciò che appariva certo ora traballa. Interrogarsi sui temi della vita e della morte, sul senso della vita stessa è segno di maturità, di un percorso individuale di crescita che si delinea. Non più videogiochi ma la realtà vera, progetti futuri. Crescere, accedere alla vita adulta, immaginarsi il proprio posto nel mondo e sentire la responsabilità delle proprie scelte può rendere agitati e ansiosi, quello che conta è non smettere di pensare con fiducia al proprio futuro. Di crisi la vita ne riserva diverse... Sono tutte opportunità di cambiamento, di evoluzione.
Buona vita!
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

178 Risposte

106 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2020

Gentile Lorebernn,
le tue riflessioni sul significato della vita e sulla morte ti sembrano venir fuori dal nulla, ma in realtà ci sono diversi fattori che possono aver contribuito. Intanto fattori esterni: ti sembrerà banale ma il momento storico che stiamo vivendo con l'impatto della pandemia ha un effetto importante su ognuno di noi, anche su chi apparentemente sembra riuscire a vivere tutto con serenità. Ma mai come in questi mesi abbiamo dovuto confrontarci con il senso di pericolo e l'impatto traumatico di una situazione inimmaginabile e su scala mondiale. Non so come hai vissuto l'arrivo del Covid, il lockdodown, la ripresa di una "nuova" normalità così distante da quella vecchia, ma tutto questo può stare avendo un effetto importante anche a distanza di mesi dalla fase più critica. E poi ci sono i fattori interni: cioè aspetti tuoi personali che possono essere stati elicitati e si sono manifestati per la prima volta, sorprendendoti. Questi pensieri intrusivi di cui parli e che tanto ti disturbano sono la manifestazione del tuo disagio psicologico: puoi vederli non solo nel loro impatto negativo, ma come un'occasione per fermarti e farti aiutare a ri-scoprire le tue risorse e attivare la tua resilienza. Prendi in considerazione la possibilità di rivolgerti ad un professionista nella tua zona, magari un terapeuta EMDR, che ti aiuterebbe in questo momento a fare chiarezza e riacquistare serenità. Spero di esserti stata d'aiuto, un caro saluto.
dott.ssa Roberta Monda

Dott.ssa Roberta Monda Psicologo a San Severo

92 Risposte

148 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte