Non mi sento a mio agio sessualmente con il mio partner

Inviata da chichi01 · 29 giu 2020

Buongiorno,
Ho 27 anni, io e il mio partner (26 anni) stiamo insieme da 4 anni e conviviamo da 3. Prima di lui ho avuto 2 partner su 2-3 anni e 2 anni da single dove ho frequentato molti uomini, avevo da molto, perso il desiderio sessuale e preferisco tutt'oggi soddisfarmi da sola, anche se ho spesso orgasmi con il mio partner attuale. Nei primi due anni con il mio partner attuale il desiderio era aumentato notevolmente, fino ad avere anche piu rapporti in un giorno. Poi il mio partner é cambiato nel corso di questi anni ed é diventato meno in forma.. Cosa che ha inciso enormemente sul mio desiderio... Soffro anche di una sindrome secca e prendo la pillola, che non aiuta. Quello che mi disturba notevolmente é di essere toccata quando non lo desidero (gliel ho gia detto piu volte). dall altro canto se il mio partner aspettasse che fossi io a fare il primo passo non penso che avremmo rapporti ogni settimana.. A momenti non lo sopporto e in altri non mi vedo senza di lui.. Spesso cedo alle avances anche se non ho voglia, cosa che non vivo bene (a volte sanguino pure). Ho paura di ferirlo dicendogli che il fatto che non é piu in forma e tutto quello che fa / non fa incida sul mio desiderio.. A volte mi sento davvero un oggetto sessuale perché pur vivendo insieme, viene da me solo per questo.. Non ha mai voglia di uscire o fare altro e questo ovviamente non aiuta.. recentemente siamo andati 1 volta al ristorante.. questo é tutto.. sono sempre io che organizzo le vacanze e sono io che pago quasi tutto (lui investe in borsa ma non ha niente di fisso, pero non guadagna neppure 0 ).. Ne ho gia parlato piu volte (a parte della forma fisica) quindi non so piu bene dove sbattere la testa..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 GIU 2020

Buongiorno chichi,
il desiderio sessuale è sintomo di una buona intesa di coppia, come saprà...quando diminuisce la sintonia, diminuiscono anche i rapporti o comunque diventano insoddisfacenti. Ma ciò non vuol dire necessariamente che il sentimento è passato, cosa che spiegherebbe, almeno in parte, la sua motivazione a stare ancora con lui. Tuttavia quando si stabilisce un rapporto di coppia è come instaurare una specie di contratto... di cui non siamo totalmente consapevoli. I cambiamenti della persona che ci sta accanto possono influire notevolmente sul rapporto...ma come mai è cambiato? Bisognerebbe capire anche questo e, per fare una ipotesi, approfondire cosa è davvero successo tra voi due. Infatti l'intesa dipende da ambo le parti.. ci sono degli aspetti che probabilmente lui vive male nella coppia, unitamente ad altri fattori della sua vita magari e lei, parallelamente vive con disagio i comportamenti del suo partner, o meglio quello che lui fa e quello che lui non fa: forse sente che non si preoccupa di cosa lei provi e senta, che non si preoccupa di lei in senso più generale... che tende ad attribuire a lei grandi responsabilità senza fare la sua parte (lui investe in borsa, ma lei paga quasi tutto..).
Quando si convive diventa più difficile affrontare alcune questioni, anche perchè non sempre si vive la quotidianità di coppia consapevolmente...ovvero la prossimità, l'abitudine a stare insieme e a condividere non permette sempre di guardare alle cose con oggettività e senso critico.
Se lei sente di voler recuperare questo rapporto, o comunque di voler capire qualcosa in più su di sè e sul suo modo di vivere i rapporti sentimentali, questa potrebbe essere una valida occasione per richiedere una consulenza di coppia e/o una terapia di coppia.... potrebbe scoprire di più.
Buona giornata.

Dott.ssa Gabriella Comi Psicologo a Reggio Calabria

83 Risposte

34 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2020

Buongiorno Chichi,
Il suo breve racconto fa emerge come la difficoltà sessuale che riporta abbia un significato in termini più che altro relazionali. Un riposizionamento nei confronti del suo ragazzo potrebbe portare ad una modificazione anche del suo comportamento. Un professionista la potrebbe aiutare ad appropriarsi del significato che emerge in lei nel momento in cui si trova a dover esprimere i suoi bisogni.
Cordialmente
Dott.ssa Marta Brocca

Dott.ssa Marta Brocca Psicologo a Favaro Veneto

54 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20950

psicologi

domande 35650

domande

Risposte 121200

Risposte