Non ho fiducia in me stesso e ho sempre paura di fare la scelta sbagliata

Inviata da luca barbieri · 14 set 2020

Buongiorno mi chiamo Luca. Ho 23 anni e sono al secondo anno di magistrale di un Corso di Ingegneria. Avevo già scritto mesi fa per quanto riguardante un costante stato di ansia che mi trovo a vivere (per gli esami, che credo ci sia sempre un po' per tutti, ma anche per cose più legate alla mia sfera personale come l'ansia generata dalla paura di non riuscire a combinare niente nella mia vita, di non essere in grado di trovare lavoro dopo). Questo mi fa dubitare sempre di me stesso e delle mie scelte, pensando sempre di star facendo la scelta sbagliata mi ritrovo a pensarci mille volte: questo semestre mi ritrovo a dover scegliere dei corsi a scelta e non riesco a prendere una decisione pur iniziando i corsi la settimana prossima. Ho sempre paura di fare la scelta sbagliata, di scegliere corsi troppo difficili per me, pur trovandoli interessanti. Ho perso la fiducia in me, non ho autostima (in niente, non solo per quanto riguarda lo studio) e mi sento sempre più un fallito

se avete dei consigli o dei semplici pareri io vi ascolto e vi ringrazio anticipatamente.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 SET 2020

Buongiorno Luca,
quell'ansia che sembra accompagnarla costantemente nelle sue scelte e nelle sue esperienze non le fa vedere come in realtà delle scelte positive lei le abbia già fatte ( ha scelto un corso di studi che porta avanti da due anni, mi sembra di capire in maniera regolare); le impedisce di godere dei risultati raggiunti e di vivere il piacere che può provare nel seguire qualcosa che ritiene interessante, per cui vale la pena spendere il proprio tempo e le proprie energie ,perchè troppo difficile per lei.
Le potrei suggerire di pensare a tutto quello che è riuscito a costruire e sta costruendo nella sua vita, ai risultati posiitvi raggiunti nei diversi campi ( sono sicura che ci sono), ma io credo che la chiave sia invece nell'esatto opposto: cioè imparare a riscoprire il piacere di fare le cose, per il semplice piacere di farle, perchè ci fanno stare bene, perchè ci arricchiscono, perchè quando le facciamo stiamo bene, perchè ci sembra di fare esattamente quello che vorremmo fare .Senza pensare al risultato, a quanto sarà bravo e a quanto riuscirà.
Solo così imparerà a trovare la sua strada.
Capiterà di sbagliare, succede. Ma se le avrà vissute per il piacere di viverle, quelle esperienze non potranno che arricchirla e darle la possibilità di conoscersi ogni volta un pò di più, trovare la sua strada, amarsi e accettarsi per quello che è, con i suoi punti di forza ma anche con le sue fragilità.
In bocca la lupo,
I.

Dott.ssa Barbara Iacobucci Psicologo a Milano

14 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 SET 2020

Buongiorno Luca,
La aiuterebbe l'accettazione dell'idea che non possiamo avere la sicurezza al cento per cento di compiere sempre la scelta "giusta". C'è sempre un margine di rischio. Si valutano i pro e i contro del momento, si decide e solo il tempo ci potrà dare la conferma. Questo processo è più difficile quando non si ha fiducia in se stessi.
Se già mesi fa sentiva un costante stato di ansia e la situazione non è migliorata e continua a pesarLe, forse potrebbe farsi aiutare. Sono difficoltà che a lungo andare tendono a portare a un calo dell'umore ma fortunatamente sono anche ben gestibili in un percorso mirato.
Cordialmente,
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

410 Risposte

190 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 SET 2020

Buongiorno Luca,
no amo dare consigli perchè credo il compito del terapeuta sia quello di aiutare la persona a diventare capace di scegliere per sè secondo quanto ritiene consono alle proprie capacità e inclinazioni, e di solito, lavoro affinchè il paziente possa diventare o sentirsi libero di fare le sue scelte in autonomia.
Il parere che posso darle, però, è di lavorare su di Sè; ciò che lei descrive è la presenza di un vissuto ansioso che essendo costante si è probabilmente strutturato come un disturbo d'ansia con la concomitante presenza di aspetti depressivi ("non ho fiducia in me", "non ho autostima", "mi sento un fallito" ecc..) che paralizzano la sua capacità decisionale impedendole di fatto di agire e di avere una buona progettualità.
Pertanto, ciò che le consiglio è di individuare un terapeuta di sua fiducia e di iniziare con lui un percorso che la aiuti a costruire una buona autostima e a ritrovare motivazione e capacità decisionale.
Cordiali Saluti

Dott.ssa Martino
Psicologa e Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Martino Psicologo a Varese

59 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94300

Risposte