Narcisismo maligno e adhd

Inviata da Giulia · 18 gen 2021

Buongiorno, ho ricevuto questa diagnosi, però non ho capito molto.
Poi ho notato una certa avversione nei miei riguardi da parte di psicologi e psichiatri. Diciamo che io sto benissimo e sono andata in terapia per la paranoia soltanto. Quando dico che mi sono rivolta per la paranoia, rimangono tutti allibiti, come se non fosse un motivo plausibile e non capisco perché. Fortunatamente ho trovato una psicologa che non ha tutta questa remore nei miei confronti e che non mi mette a disagio. Lei mi accennò solo che ero narcisista, ma non mi disse altro e mai mi ha fatto la diagnosi, che invece ho ricevuto in un altro centro. Ora non so se mostrarle questa relazione perché temo che possa diventare razzista nei miei confronti, quando momentaneamente il rapporto va bene.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 GEN 2021

Cara Giulia, immagino come sia stato spiacevole sentirsi etichettata e giudicata. Non si faccia frenare da questa brutta esperienza e sia completamente sincera con la sua psicologa attuale: potrebbe essere utile ad entrambe valutare assieme la relazione di cui parla assieme ai vissuti che qui descrive. Un caro saluto

Rebecca Silvia Rossi Psicologo a Andria

62 Risposte

21 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2021

Gentile Giulia,
mi dispiace molto che abbia avvertito una certa avversione nei suoi riguardi da parte della categoria a cui appartengo. Purtroppo, capita spesso che, ragionando per "etichette diagnostiche" (che servono a noi professionisti per agevolarci nei confronti), si finisca per perdere di vista le caratteristiche e l'unicità della persona che si ha davanti. .
Non abbia timore di mostrare la diagnosi ricevuta alla psicologa che la sta seguendo. La conoscenza pregressa di Lei e della sua situazione, avvenuta tramite le sedute insieme, unita al rapporto terapeutico che avete costruito, saranno sicuramente abbastanza forti da non rischiare di essere compromessi. Inoltre, probabilmente, considerato il fatto che la professionista che la segue le aveva accennato a questa diagnosi (così si evince dalle sue parole) probabilmente è già a conoscenza del quadro diagnostico.
Cordiali saluti

Dott.ssa Fulvia Messina Psicologo a Cosenza

41 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2021

Salve Giulia,
capisco perfettamente la tua diffidenza a causa delle precedenti esperienze negative, ma una buona relazione terapeutica necessita di fiducia reciproca e dell’affidarti alla terapeuta.
Raccontale senza indugio della diagnosi che hai ricevuto, sono certa che saprà accoglierla senza nessun giudizio ed anzi questo piccolo passo sulla fiducia rafforzerà la relazione terapeutica.
Ti auguro buona vita.
Dott.ssa Margherita Longo

Dott.ssa Margherita Longo Psicologa/Psicoterapeuta Psicologo a Paternò

49 Risposte

41 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 92000

Risposte