Mi sono iscritta alla facoltà sbagliata e non ho le idee chiare su cosa mi piace

Inviata da Giusy · 7 ott 2020

Gentili Dottori, vi ringrazio se avrete la pazienza di leggere quanto ho scritto di seguito, non sono riuscita a restare sintetica, ma sto veramente male e ho bisogno di aiuto.
Mi sono appena diplomata con 100/100 al Liceo Classico, dopo cinque anni di studio intensissimo, ho sacrificato cinque anni della mia vita principalmente allo studio, perfino i miei genitori alcune volte mi sollecitavano a non studiare così tanto (a volte perdevo diverse ore anche di notte per riuscire ad avere il massimo), ho avuto ottimi risultati in tutte le materie, i professori mi hanno fatto pentire di essermi iscritta al Liceo Classico ma sono uscita comunque col massimo dei voti. Lo scorso anno mi è venuto il pallino per l’astronomia e l’astrofisica ho detto ai miei che mi sarebbe piaciuto quindi iscrivermi all’Università di Padova ad Astronomia, i miei un po’ perplessi per la scelta e nonostante l’impegno finanziario, in quanto abito in provincia di Brescia, tenendo presente che ho un fratello più grande che si è appena laureato alla magistrale di Parma e ne ho uno con un anno in meno che potrebbe andare all’università il prossimo anno, mi hanno semplicemente detto se piace a te per noi va bene. In primavera di quest’anno avvicinandosi il momento della decisione definitiva visto che il primo biennio è molto simile a quello di Fisica ho spostato la mia scelta su Fisica, mi sono detta visto che devo faticare tanto, tanto vale prendere in considerazione un corso di laurea che mi può dare più sbocchi lavorativi nel caso non dovessi continuare con Astrofisica (anche una mia amica del Classico aveva scelto la stessa facoltà e si pensava di condividere l’appartamento insieme), poi man mano che arrivava il momento della scelta definitiva non ero più sicura e non riuscivo a dare ai miei la conferma di quello che mi sarebbe piaciuto fare, mi spaventava la difficoltà del corso di laurea scelto. I miei per tutta estate mi hanno consigliato di valutare altri corsi di laurea altri indirizzi, ma ogni volta mi veniva da piangere perché non riuscivo a scegliere. Ero portata per tutto dicevano e potevo fare qualsiasi cosa pur che mi piacesse, mi sollecitavano solo per non scegliere un corso di laurea ‘mediocre’ visto le mie potenzialità, e quindi volevo convincermi di fare qualcosa di impegnativo, quello di cui ero sicura era che volevo fare qualcosa di dinamico, per esempio pur avendo avuto valutazioni molto buone in latino, greco e italiano, non volevo fare lettere o corsi letterari, come ho scartato corsi in economia, giurisprudenza, medicina, ho interesse per la lingua e la cultura giapponese e per i fumetti ma non ho trovato corsi di laurea che mi interessavamo e poi che sbocchi lavorativi avrei potuto avere. Mi sono quindi iscritta all’ultimo minuto al test per l’ammissione di Fisica ma non essendo sicura della mia scelta, mi sono preparata comunque anche senza eccedere, ho fatto il test con un esito medio il voto del diploma a fatto il resto, ho però avuto paura di non superare il test. A fine agosto sono andata con i miei e la mia amica a cercare l’appartamento e i miei si sono adoperati per trovarmi un ottima sistemazione, poi finalmente è arrivato l’esito del test, superato, ero contenta, mi sono quindi iscritta a Fisica altrimenti avrei dovuto optare per Astronomia. Il 28 settembre inizio le lezioni on-line Analisi 1 e Informatica io volevo fare Fisica e mi trovo queste materie dove non capisco nulla, mio padre mi dice che è normale è il primo impatto di un corso di laurea scientifico, lui è laureato in Informatica e la sera cerca di aiutarmi sulle lezioni ascoltate il mattino, dopo due giorni parlo con i miei e dico loro che mi sono sbagliata vado in crisi non voglio più frequentare, mio padre con tanta pazienza cerca di rimotivarmi e di aiutarmi, per qualche ora reagisco e cerco di andare avanti, ma poi continuo a stare male mi sento di aver sbagliato facoltà non mi piacciono quelle materie, non voglio più faticare come al Liceo, sono in profonda crisi, l’ultimo giorno della settimana non riesco a seguire la lezione, non voglio andare a Padova, non voglio andare a lezione in presenza e conoscere gli altri studenti, ho un rigetto totale e la momento non saprei nemmeno quale corso di laurea potrebbe piacermi, cosa mi è successo, sto veramente male perché non so cosa fare, mi dispiace per i miei genitori e per i soldi che stanno spendendo per me.
I miei genitori, visto che la scelta l’ho fatta io, insistono perché mi prenda le responsabilità della mia scelta e provi a frequentare, non pretendono nulla da me mi chiedo solo di provare a frequentare a stare con la mia amica del liceo, che anche se non capisce nulla è motivata, mio padre arriva addirittura a dirmi che non gli importa dei soldi, ma vuole che io ci provi e non mi arrenda alla prima difficoltà, vuole che io stia nell’ambiente universitario, che provi anche a svagarmi, infondo Padova è molta bella e di utilizzare quest’anno male che vada per chiarirmi le idee e scegliere cosa fare, ormai l’appartamento c’è sono con la mia amica, mi ha consigliato di rivolgermi anche al servizio di supporto scolastico dell’università, non vuole che perda un anno inutilmente. Ma io non ci riesco, io oggi sono a Padova ho provato a frequentare le lezioni ieri poi sono andata con la mia amica a fare un giro in centro, ma non mi sento al mio posto, non voglio conoscere gli altri studenti, non capisco cosa voglio sono piena di dubbi, di se, di ma di forse, cosa posso fare aiutatemi, grazie.
Cordiali saluti, G.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 OTT 2020

Cara Giusy, è importante fare nella vita ciò che desideriamo. Potrebbe essere che il fatto che non sia stata appoggiata nella Sua scelta iniziale, l'abbia fatta sentire insicura. Questo l'ha portata a scegliere qualcosa che dentro Lei non vuole davvero.
Provi a parlare con i Suoi genitori rispetto alla decisione della facoltà, riproponendo la Sua scelta iniziale. Credo che, a prescindere dalla facoltà, se si desidera realizzarsi in un settore e si concentrano tutte le energie su quello, senza fatica, si arriva all'apice del successo, e soprattutto a fare ciò che vogliamo fare davvero. Tutte le scelte che facciamo con passione portano al successo.
Non ci sono facoltà di qualità e/o grado inferiore o superiore, hanno tutte lo stesso valore. Sono solo differenti per le discipline che trattano e come le trattano. Se Lei fa qualcosa contro la Sua volontà interna, inizierà a vacillare e non trarrà soddisfazione da ciò che ha scelto di fare. Questo è quello che sta vivendo adesso.Ciò che conta è che Lei stia bene con se stessa,solo così potrà raggiungere i risultati sperati e le soddisfazioni auspicate.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1642 Risposte

913 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124150

Risposte