Mi sento sempre in ritardo nella vita

Inviata da Ilaria · 28 dic 2020

Buongiorno a tutti, sono Ilaria e ho 26 anni. Come da titolo, è da tutta la vita che mi sento in ritardo e un passo indietro rispetto agli altri. Questo sentimento si è ulteriormente amplificato negli ultimi due mesi, cioè da quando il mio ex mi ha lasciata e io sono dovuta tornare a vivere dai miei.
La situazione mi ha particolarmente distrutta e mi ha fatto aprire gli occhi su come io ora sia davvero indietro rispetto alla maggior parte dei ragazzi della mia età. La maggior parte di loro, infatti, lavora ed è fidanzata mentre io mi sono iscritta quest'anno all'università e, se tutto va bene, la finirò che avrò 29 anni; in più ora mi trovo pure single e mi sto facendo un sacco di paranoie sul fatto che non sono bella e interessante e che quindi nessuno mi vorrà. Certo, nel frattempo ho lavorato nell'agriturismo di famiglia ma io mi sono resa conto solo l'anno scorso che non è quello che voglio fare e ora mi sento come in una prigione. Soffro di attacchi di panico e ho l'ansia tutto il giorno (tachicardia, respiro affannato e difficile, conati e disturbi del sonno) perchè nella mia testa continuano ad affollarsi domande e pensieri quali: "chi vorrà assumermi a trent'anni?", "Riuscirò a trovare lavoro?", "Non riuscirò a trovare nessun altro che mi voglia", et simili.
Oltre al problema dell'università e del futuro lavoro, si aggiunge anche il fatto che la mia autostima è particolarmente a terra e non vedo nulla di bello in me, sia fisicamente che caratterialmente. Oggettivamente so di non appartenere ai canoni estetici che impone la società e questo mi butta giù davvero molto; mi affliggo ogni giorno e non riesco ad immaginare in alcun modo che qualcuno potrà più interessarsi a me (tralasciando il fatto che io sono ancora innamorata del mio ex). Ho perso poi l'interesse nel fare le cose che mi piacciono e nulla mi più mi stimola nel fare qualcosa.
Non so come uscirne e la situazione sta diventando davvero ingestibile.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 GEN 2021

Buongiorno Ilaria,
partirei dal presupposto che la vita non impone un tempo nel quale essere in anticipo o in ritardo rispetto alle altre persone.
Anche perché la fretta, spesso, fa in modo che non ci si renda conto di quali siano i nostri veri bisogni. Quindi, rallenti, si dia il giusto tempo per capire cosa vuole davvero fare e se la strada che ha intrapreso adesso per lei è quella giusta.
Ognuno ha il proprio tempo e nessuno impone scelte giuste o sbagliate, siamo solamente noi che possiamo decidere della nostra vita.
Questo suo scritto è auto-giudicante, cerchi di ascoltarsi di più.
La società impone degli standard estetici sbagliati nessuno al giorno d’oggi li riesce a soddisfare, se non sui social, ma anche lì, sono estremamente fuorvianti perché ci offuscano la realtà vera e propria. Non viva seguendo il risultato del pensiero di altri, e non lasci che il rumore delle opinioni altrui offuschi la sua voce interiore.

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

571 Risposte

264 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 GEN 2021

Buona sera Ilaria
Quanto finisce un rapporto, se questo è stato per noi importante, è sempre un grande dolore, paragonabile ad un LUTTO. Lei infatti sta facendo i conti con una PERDITA, che le ha cambiato e stravolto la vita... Si dia tempo... Ognuno ha il SUO... nella vita non si è mai IN RITARDO... NON È MAI TARDI... se si riesce a capire e fare ciò che ci piace davvero e che ci fa star bene.
Cerchi di capire cosa vuole e cosa le PIACE per il suo futuro... Se il suo ex ragazzo l'ha scelta ed ha portato avanti con lei una storia, non crede che magari lo ha fatto perché l'ha trovata INTERESSANTE, BELLA, SIMPATICA,... E tante altre cose?.... Cerchi di vedere il bicchiere MEZZO PIENO e non sempre VUOTO... ogni cosa, situazione, ha più di una risposta, e soluzione.... Cerchi di ampliare le sue vedute e di dare alle sue domande / paure, anche altre possibili interpretazioni..... Se crede di non riuscire da sola, può chiedere aiuto ad un professionista che potrebbe darle dei suggerimenti e consigli che potrebbero aiutarla a superare questo momento difficile.
Un saluto
Dott.ssa Laura Andreoni

Dott.ssa Laura Andreoni Psicologo a La Spezia

33 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Gentile Ilaria, la fine di una relazione è sempre un lutto ed è considerato in alcuni casi un vero e proprio trauma. Comprendo la fatica di tornare dai suoi genitori ma sono certa che essere accolta da chi la ama da sempre può farla sentire al sicuro. Tutte le domande che si pone sono lecite ma non possono essere di intralcio alla forza che l'ha portata ad intraprendere il suo percorso di studi. Certamente i sintomi che descrive sono indicativi del grande momento di incertezza personale e collettiva (il contesto sociale e storico non aiuta) che sta vivendo. Non è consigliabile lasciare che questi sintomi si impadroniscano delle sue giornate, infatti gli attacchi di panico nascondono sempre altre problematiche che andrebbero affrontate. Silvana Perino

silvana perino Psicologo a Pinerolo

80 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Cara Ilaria,
direi di gestire questa situazione prima che diventi ingestibile. Crede davvero che a 29 anni si è vecchi, che le aziende assumano solo persone sotto i 30, che a 26 anni la Sua vita sentimentale sia finita per sempre, che non può piacere a nessuno, che bisogna rispondere ai canoni estetici imposti dalla società? Davvero? Secondo me non ci crede, si rende conto che sono tutti pensieri che hanno il solo scopo di farLa stare male e che il problema reale si chiama bassa autostima. Lo dice Lei stessa. Non si svaluti ulteriormente, perché questo Le rende tutto il resto più difficile. Se non sa come fare, si faccia aiutare, mi sembra la risposta più logica da darLe.
Le auguro di trovare presto la serenità. E complimenti per essersi iscritta all'università.
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

386 Risposte

182 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Cara Ilaria, il punto é proprio concentrarsi su se stessa e sul Suo piano di realizzazione, senza paragonarsi ad altri. Ognuno ha il Suo tempo, e la vita non é mai lineare, per nessuno di noi. Si dia la possibilità di ridefinirsi e riorganizzarsi, investendo in ciò che La fa stare bene, Le dà benessere, si orienti al nuovo che arriva sul Suo cammino. Credo possa esserLe utile lavorare su se stessa per superare efficacemente questo momento, ritrovando le risorse per realizzare ciò che desidera!
Le auguro buona fortuna, per tutto.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1029 Risposte

680 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Gentile Ilaria,
mi sembra che la perdita del suo fidanzato ha fatto emergere con forza i vissuti descritti.
Dice di soffrire di ansia, attacchi di panico con manifestazioni fisiche, e di bassa autostima con un pensiero di confronto con gli altri che produce rimandi negativi e disorientamento e perdita di interessi. Proverei a considerare la sua ansia che forse c'è da tempo e chiedere un aiuto psicoterapeutico per conoscere l'origine, il significato e affrontarla.
L'ansia, gli attacchi di panico sono segnali di un disagio interiore che possono dare manifestazioni sul corpo e del pensiero nel tempo se non considerate.
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

499 Risposte

167 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Ciao Ilaria!
Mi sembra di capire che tu abbia fatto dei grossi cambiamenti nella tua e sentirsi spaventati e spaesati in questa fase è del tutto comprensibile. E' importante per te focalizzarti nel momento presente della tua vita, l'unico momento che stai vivendo, per andare avanti con i tuoi progetti e cambiare quello che non ti piace o non ti soddisfa.
Ti consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia che sicuramente ti può aiutare a focalizzare la tua attenzione sulle attività di valore che ci sono nella tua vita e rassicurarti rispetto alle preoccupazioni che stanno emergendo.
In bocca al lupo!

Dr.ssa Eugenia Carbonara Psicologo a Avellino

9 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2020

Cara Ilaria, ben comprensibile che Lei stia facendo fatica: quante cose sul tavolo! Noi siamo sempre presso il futuro e quando questo è nebuloso, difficile, o poco chiaro, l'ansia è la necessaria e normale reazione. I futuri possibili che Lei immagina non sono confortevoli nè autentici in questo momento. Il dubbio pervasivo, che sgancia ulteriormente dal qui ed ora e proietta nel domani minaccioso, impedisce una base solida da cui partire per fare esperienza di sè come valida, capace, attraente. Gli attacchi di panico sono una normale conseguenza del vivere in un mondo minaccioso, in cui si sente poco. Sono utili spie di un malessere e si risolveranno nel momento in cui verrà meno l'atmosfera di minaccia, da un lato, e Lei riprenderà possesso dei modi di essere sè e di emozionarsi, anche fisicamente, in un mondo in cui alcuni significati oggi Le sono preclusi. Il consiglio è semplice: per uscirne, cominci una psicoterapia. Ci sono tante cose da mettere a tema, ma è possibile migliorare in modo significativo la situazione. Cordialmente, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1001 Risposte

1009 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17600

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 91950

Risposte