Le figlie del mio compagno mi trattano male: cosa devo fare?

Inviata da Chiaretta2323 · 10 set 2021

Ciao a tutti, ho conosciuto le figlie del mio compagno (6 e 9 anni) sei mesi fa.
Per loro ero solo un'amica di papà, perchè non volevamo traumatizzarle con etichette da adulti, e così sono diventata anche loro amica.
Avevamo un bellissimo rapporto, di complicità, di gioco, di affetto, finchè la loro mamma, per gelosia, ha rivelato la mia vera identità.
Adesso quella di 6 anni mi tira i calci, mi tira i capelli, mi tratta male, mi lancia le cose nel piatto quando mangio, mi infila i suoi piedi in bocca, mi sfida spesso.
Alterna momenti dove giochiamo a momenti dove mi rende la vita impossibile. Mediamente ogni 5 minuti mi fa i dispetti.
Come mi devo comportare? La ignoro? Me la compro? Ci passo sopra? Fingo di piangere? Le dico che non gioco più con lei?
Ho solo paura di sbagliare

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 SET 2021

Cara Chiara (perdoni il gioco di parole), leggendo la sua richiesta d'aiuto, automaticamente sono ritornata indietro nel tempo.
A quando avevo l'età di queste bambine, a quando un litigio tra i miei genitori appariva come un qualcosa di irreparabile e a quelle volte in cui pensavo che la colpa fosse la mia.
Ancor più sconforto provavo quando non vi era nulla che potesse "calmare le acque".
Cosa provano queste bambine? Quanto nella loro fantasia possono pensare di aver "tradito" una madre e "favorito" un padre, che hanno scoperto essere poi un "bugiardo". Fantasie che difendono in un certo senso il loro stare al mondo.
Tutto questo senza avere la possibilità di scegliere, di sentirsi libere...
Lei ha fatto quello che in quel momento, probabilmente, le è venuto più naturale, guidata anche dall'amore che prova per il suo compagno. Rispetto a questa unione, il suo compagno in che maniera le resta vicino, le tende la mano?

Credo che possa provare, innanzitutto, a non colpevolizzarsi, rafforzando l'unione con il suo compagno e, perchè no...ritrovare e recuperare il rapporto di complicità che da subito ha avuto con queste bambine.


Dott.ssa Giulia Pepe

Dott.ssa Pepe Giulia Psicologo a Napoli

6 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 SET 2021

Gentile Chiaretta,
Costruire un rapporto di fiducia con le figlie del compagno richiederà tempo, impegno e molta empatia, tanto più se la madre non le faciliterà il compito.
La madre avrebbe ovviamente dovuto lasciare a voi la decisione su come e quando parlare della vostra relazione. Le bambine si sono forse sentite tradite nella loro fiducia e i loro “dispetti” sono l’espressione della sofferenza che la separazione avrà causato.
Non drammatizzi queste reazioni, provi a mettersi nei panni delle bambine ma rimanendo se stessa, evitando qualsiasi strategia per conquistarle, disponibile e aperta al dialogo, senza cercare di rappresentare a tutti i costi una figura di riferimento per loro.
Vedrà che con il tempo riuscirà a recuperare la loro fiducia e a stabilire un rapporto gratificante e soddisfacente per tutti.
Un cordiale saluto
Dott.ssa Elisabetta Falcolini

Dott.ssa Elisabetta Falcolini Psicologo a Sansepolcro

44 Risposte

32 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2021

Buongiorno Chiaretta
la loro reazione è normale, cerca di non prenderla sul personale anche se è difficile.
Cerca di non rispondere a tono, di starle vicino e mostrarle affetto ed empatia.
Resto a disposizione anche online se vorrai.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

899 Risposte

279 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2021

Buongiorno Chiaretta,
Grazie per aver esposto qui il tuo problema.
Ritengo che la bimba di 6 anni si sia sentita in qualche modo "tradita" dopo che le è stato rivelato la tua identità.
Ti consiglio di lasciare del tempo alla bambina per elaborare la nuova informazione e nel frattempo creare degli spazi di condivisione tra di voi, anche da sole per farle capire che nulla è cambiato nel vostro rapporto.
Resto a disposizione e la saluto cordialmente.
Dott.ssa Barbara Piscitelli

Dott.ssa Barbara Piscitelli Psicologo a Napoli

20 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2021

Buongiorno Chiaretta,
La reazione delle bimbe è comprensibile. Non sarebbe strategico rispondere a tono, verrebbe meno la sua autorevolezza di adulto.
La incoraggio a rispettare la loro reazione iniziale e a continuare a provare a mantenere la relazione con l’affetto che può dare loro. Anche l’accettazione del loro rifiuto verrà letta come rispetto nei loro confronti. Ogni imposizione nella relazione è da evitare.
Rimango a disposizione e le auguro il meglio
Dott. Ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

572 Risposte

341 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte