Lasciare l’università dopo un mese?

Inviata da MMIIVI · 29 ott 2019

Salve a tutti,
Sono una ragazza di 19 anni e frequento l’università da circa un mese. Se mi trovo a chiedere consiglio qui è perché sono disperata. Per farla breve dopo il liceo ho deciso di iscrivermi alla facoltà di architettura, qualcosa di totalmente diverso rispetto al liceo linguistico, ma qualcosa che da circa un anno e mezzo sembrava essere la scelta giusta per me. Purtroppo a solo un mese dall’inizio delle lezioni sto seriamente valutando di tornare a casa perché questa situazione sta diventando insostenibile per me. Non riesco a capire che cosa possa essere successo ma l’Università mi ha mandato totalmente in crisi. Soffro molto di nostalgia, sia di casa che dei miei genitori (nonostante io abbia fatto il quarto anno all’estero), ogni fine settimana torno a casa e quando è ora di ritornare in appartamento mi viene l’angoscia e scoppio a piangere. Mi sembra di non riuscire a farcela perché le materie sono molto difficili e diversa da quelle che ho sempre studiato (soprattutto matematica). Nonostante io sia sempre stata brava a scuola e mi sia sempre impegnata, senza mai avere avere problemi di stress o ansia, adesso sento di non avere la testa per affrontare le lezioni, non ho né la motivazione, né la voglia di mettermi a studiare e recuperare le cose in cui sono rimasta indietro. L’idea di dover passare le mie giornate e i miei weekend a studiare mi mette ansia e il pensiero di dover affrontare gli esami mi fa star male. Sono sempre riuscita ad affrontare i piccoli problemi legati alla scuola ma in questo caso è diverso. Il fatto che io stia male emotivamente mi fa star male anche fisicamente, infatti da circa due settimane soffro di forte mal di testa, ho sempre mal di schiena dovuto al fatto che sono sempre molto rigida, son sempre stanca nonostante io dorma troppo.
Sento di non riuscire ad andare avanti ancora per molto, ma non vorrei mollare così perché per me sarebbe come una sconfitta.
La cosa migliore per me adesso sarebbe prendermi un anno di pausa, magari anche lavorare per guadagnare qualcosa ma soprattutto per riposarmi e riprovare il prossimo anno con un altro spirito e molta più voglia e motivazione, perché nonostante io la stia vivendo in questo modo, sono convinta che l’architettura sia la scelta giusta per me. Semplicemente forse non è questo il momento giusto per iniziare gli studi.
La mia paura è però di pentirmi della mia scelta, perché alla fine è passato poco tempo, e al tempo stesso mi rendo conto che la cosa più sensata sarebbe proseguire e resistere perché ho speso tempo e soldi per entrare all’università. Inoltre avrei anche perso un anno, e tutte le mie amiche sarebbero già al secondo.
Ma come ho ribadito molte volte il pensiero dell’università mi angoscia e mi fa star male, e continuare in questo modo non sarebbe possibile.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 NOV 2019

Gentile ragazza,
molto del suo disagio è "fisiologico" e spiegato dalla situazione nuova dovuta al passaggio dal liceo all'Università ove all'inizio ci si sente smarriti e isolati ma dopo alcuni mesi ( 3 o 4 ) di ambientazione tutto comincia ad essere più normale e gestibile.
Così, la nostalgia di casa e della famiglia sarà soddisfatta dai regolari ritorni del fine settimana, l'isolamento dalle nuove amicizie che si potranno fare, la difficoltà di materie diverse e nuove dalla voglia e dall'ambizione di diventare un bravo architetto e quindi dalla "motivazione" che sembra esserci nonostante l'attuale sensazione di smarrimento e demoralizzazione.
Credo che prendersi l'anno di pausa sarebbe un errore perchè si ritroverebbe ad affrontare tra un anno le stesse difficoltà di adesso con in più il senso di colpa per aver sprecato del tempo.
Credo inoltre che non dovrebbe mollare e che per superare questo comprensibile disorientamento iniziale dovrebbe giovarsi di un sostegno psicologico che la aiuti a migliorare le sue risorse e il suo livello di autostima.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2019

Cara,
iniziare un nuovo percorso di vita comporta difficoltà molto alte all'inizio, in quanto ci si rende conto di essere soli, di dover utilizzare solo le proprie forze e soprattutto di crescere. Un periodo di ambientazione è normale, e quindi ciò che sta provando è molto diffuso nella maggior parte delle persone (nuova università/nuovo lavoro/nuova casa ecc..). Dovrebbe solo iniziare a capire che ora la vita la sta educando a crescere contando solo sulle sue forze, e dato che è anche convinta del percorso universitario scelto, continui e non si lasci andare.
L' ansia e l' angoscia possono essere mitigati mediante un supporto psicologico, in modo tale da riprendere la piena serenità e voglia di continuare il percorso di vita intrapreso. E' passato solo 1 mese, vedrà che con un supporto adeguato e con la caparbietà riuscirà a ritornare in "carreggiata".

Cordiali saluti

Dott. Emmanuele Rosito

Dott. Emmanuele Rosito Psicologo a Guglionesi

146 Risposte

371 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte