Figlia di 8 anni che non vuole dormire sola

Inviata da Melroma · 25 gen 2021

Buongiorno,
Ho problema con mia figlia che ha 8 anni e che non riesco a risolvere. Da un anno ci siamo trasferiti nella nuova casa inizialmente acconsentiva ad addormentarsi nel suo lettino, di solito leggendo un libro e poi si addormentava. Durante la notte si svegliava e veniva sempre nel letto da me e mio marito. Ora da quando c'è stato il lock down lei proprio non vuole addormentarsi nella sua stanza, vuole venire nel nostro letto per guardare la tv insieme a me e poi si addormenta. Abbiamo provato tante volte a farla dormire da sola ma lei inizia ad avere forti crisi di panico e piange ininterrottamente. A volte ci siamo arrabbiati e non nego che le ho dato sculacciate perché ero esasperata senza poter dormire. Lei sostiene che vuole la mamma e che ha paura di dormire sola. Anche se prova a mettersi sola nel letto matrimoniale dopo un po' inizia a piangere e mi chiama disperata. Altre volte mi dice che ha paura che mio marito mi ruba (lui non è il padre naturale ma lei non lo sa perché aveva due anni quando lo ha conosciuto. Non ho rapporti dalla nascita con il padre biologico. Nei primi due anni di vita era abituata a stare sempre con me e mia madre essendo io ragazza madre) due anni fa ci siamo sposati anche se lei è felice di avere due genitori che si amano ma a volte mostra gelosia nei confronti di mio marito. Cerchiamo di confortarla dicendole che nessuno mi vuole rubare ma che staró per sempre con lei, e che anche se dorme sola la mamma ci sarà sempre per lei e non l'abbandoneró mai. Questa cosa dle non dormire sola ci sta stressando perché anche mio marito si arrabbia e non vuole che pianga e quindi acconsente per tenerla in mezzo nel lettone ma sento che questo non la rende autónoma Anzi. Spero che qui potrò ricevere i giusti consigli. Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 GEN 2021

Cara mamma,

la dinamica da lei riportata è comune a molti bambini, il momento dell'addormentamento e il passaggio dal lettone dei genitori a quello nella propria stanza sono tappe molto importanti ma che spesso necessitano di tempo per essere raggiunte.
Il periodo che stiamo affrontando a causa della pandemia è complesso, e può causare delle difficoltà emotive negli adulti quanto nei bambini. Da come ha scritto sopra, la bimba aveva raggiunto la competenza di dormire sola nella sua stanza, il fatto che questa competenza sia stata perduta in un momento di emergenza come quello del lock down, può suggerire che sua figlia può aver attivato delle paure sollecitate anche da quella specifica situazione ( l'impossibilità di uscire di casa, l'impossibilità di vedere i propri amichetti e andare a scuola, le notizie provenienti dalla televisione, i genitori per più tempo a casa..). Tutto questo può aver fatto emergere paure e fantasie nella bambina, che si stanno esprimendo anche nella paura di dormire da sola.
Ottenere che la bimba torni a dormire nella sua stanza può necessitare di tempo e costanza, è importante quindi, anche se capisco quanto possa essere difficile e faticoso, che non demorda e non si scoraggi.
Potrebbe essere utile in questa situazione prendere alcuni accorgimenti.
Provi a preparare la stanza insieme a sua figlia, facendole scegliere, se possibile, alcuni dettagli dell'arredamento: delle lenzuola che le piacciono, un pigiama che ama mettere, qualche disegno fatto insieme e attaccato sopra il letto.. Questo permetterà di creare un ambiente accogliente, e sua figlia si sentirà partecipe del tutto, non subendo il dovere stare in stanza solo nel momento dell'addormentamento.
Può essere importante, per quanto detto sopra, vivere insieme alla bambina la sua stanza anche di giorno, giocando con lei nella sua cameretta, facendo delle attività insieme sul letto, anche questo darà la possibilità alla bambina di vivere la stanza come un posto familiare e sicuro.
E' bene instaurare un rituale della buonanotte, cercare di rispettare un orario serale in cui la bambina viene messa a letto, preparare questo momento con tranquillità e rassicurazione, creando delle azioni abitudinarie ( mettere il pigiama, lavare i denti...). E' importante anche ad esempio legare il momento di andare a dormire ad un evento piacevole, come bere del latte o una camomilla...
Può essere importante accompagnare la bambina a letto, leggerle ad esempio una favola o una ninna nanna, e aspettare che si addormenti, per poi lasciare la stanza ( anche l'uso di un carillon può aiutare la bimba a tranquillizzarsi). Rassicurandola che la mamma sarà in stanza finché non si addormenterà. Qualora la bimba dovesse nella notte venire nel lettone, l'ideale sarebbe riaccompagnarla nel suo lettino e aspettare nuovamente che si addormenti.
Può essere utile, specie nella fase inziale, comprare una luce notturna di quelle apposite per i bambini, o dare alla bambine la possibilità di scegliere un giocattolo con il quale potrà dormire, sottolineandole che sono aiuti speciali che le permetteranno di avere meno paura.
Così come sta già facendo, è importante che lei e suo marito, la rassicuriate in quelle che sono le paure manifestate in questo momento, cercando di non perdere la pazienza, mostrando comprensione e un tono della voce rassicurante, basso e accogliente.
Come detto all'inizio, potrebbe volerci del tempo per ottenere dei risultati, ma aspetti fondamentali in queste situazioni sono la costanza e il non desistere o cambiare strategie di fronte all'opposizione (all'inizio più che normale) della bambina.
A presto

Dott.ssa Irene Sembolini

Dott.ssa Irene Sembolini - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

26 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30000

domande

Risposte 102200

Risposte