Distrubo bipolare

Inviata da Franci91 · 25 gen 2021

Buonasera. Sono una ragazza di 26 anni, sospetto di soffrire di disturbo bipolare mai diagnostico però. Ho provato a iniziare per ben due volte una psicoterapeutica ma l'ho interrotto prematuramente entrambe le volte prima che i nodi venissero al pettine. Dovrei ritentare una terza volta? Sento di averne bisogno ma al tempo stesso è come ci fosse qualcosa dentro di me che porta a desistere. Tutto questo mi porta a stato di profonda sofferenza.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 GEN 2021

Buongiorno Franci,

non sempre è facile iniziare un percorso di psicoterapia, non sempre si viene subito a contatto con lo psicoterapeuta più adatto per se.
La psicoterapia è un percorso che prende forma nella relazione di due persone, paziente e terapeuta, come ogni relazione perciò necessita di tempo e fiducia per potersi instaurare, non si scoraggi subito, si prenda del tempo per capire e ascoltarsi, e superare le difficoltà iniziali.
Se come dice, c'è la possibilità che lei soffra di un disturbo bipolare, è assolutamente necessario che lei vada fino in fondo a capire se questa possibilità è reale, arrivando ad una diagnosi certa, e dandosi la possibilità di farsi aiutare così da alleviare la sua sofferenza.
Ovviamente deve trovare lei la spinta e la motivazione per intraprendere una psicoterapia, ma il mio consiglio da professionista è di non privarsi di questa possibilità che la aiuterebbe a stare meglio.
A presto
Dott.ssa Irene Sembolini

Dott.ssa Irene Sembolini - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

26 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 GEN 2021

Buongiorno Franci,
certo, ritenti. Altrimenti rimane nella sofferenza. Assieme a un professionista può comprendere anche che cosa è quel qualcosa che La porta a desistere.
Se ha il sospetto di soffrire di disturbo bipolare, ne parli con il medico, la certezza è necessaria. Può scoprire che non è questo il Suo problema, trovare quello vero e occuparsene oppure avere la conferma e in tal caso è necessaria una terapia farmacologica.
La psicoterapia può essere utile in entrambi i casi.
Un caro saluto,
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

416 Risposte

194 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27750

domande

Risposte 95700

Risposte