Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Disorientato o depersonalizzato?

Inviata da gas il 3 feb 2015 Autorealizzazione e orientamiento personale

Salve a tutti , vivevo una vita regolare con alti e bassi un po' di problemi familiari ma in fondo chi è che non c'è l'ha ? Ho fatto sempre uso di cannabis , ma penso che lo sappiate meglio di me che non fa male e non mi ha mai fatto male ,ma una 25 giorni fa il dramma , ho fumato e mi ha dissociato da me stesso , fino ad ora ho paura che non posso ritornare come prima , ansia e angoscia , mi sento sempre strano ,io sono stato sempre un tipo divertente e casinista ,ora mi sento spento disorientato non riesco a guardarmi allo specchio non mi riconosco ,
A volte mentre guido non riesco a capire più chi sono o dove vado , guarirò mai . ....?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Gas
lei non dice la sua età ma la sua lettera fa comprendere che abbia almeno una 40ina d'anni?
Insomma lei deve essere una di quelle persone cresciute con filosofie" Hippieggianti" che hanno fatto della "Maria" una specie di erba panacea da ogni male.
Sebbene non possiamo negare che questa pianta abbia in se proprietà curative, occorre comprendere che, come "farmaco", avrà indicazioni e controindicazioni e che, come minimo, debba essere somministrato con dovute cognizioni di causa se di terapia si tratta, con prescrizione e posologia ecc.
Questo se vogliamo essere seri.
Il fatto è che, da come lei si esprime, comprendiamo che il fumare faceva parte integrante della sua vita quotidiana; chiamiamo quest'uso col suo vero nome cioè una evasione (apparentemente innocua).
Probabilmente ciò l'ha portata a trascurare un poco se stesso e le realizzazioni che poteva ottenere; se da un lato ha addolcito contrasti e conflitti, non li ha eliminati e , credo, molte cose sono restate sotto il livello che lei con maggiore motivazione e impegno poteva ottenere da se stesso.
Ora siamo a questo punto! Quello che le è successo credo che non sia esclusivo effetto della sostanza psicotropa da lei assunta ma, sicuramente una parte importante del quadro complessivo.
Il fumare serviva a mascherare aspetti che si sarebbero dovuti affrontare con motivazione al cambiamento e al miglioramento.
Ora la maschera è caduta e lei deve fare un lavoro su se stesso, molto serio, per tornare ad essere non quello di prima ma un altro se stesso, probabilmente più evoluto e reale e questa depersonalizzazione ha il senso di un ri-cominciare a conoscersi, ri-costruirsi, evolversi.
Cura,costanza, pazienza, e andare avanti con fiducia e coraggio!
( Addio spinelli, misembra scontato dirlo!)
Auguri di guarigione
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6722 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Gaspare,
é interessante che lei inizi a raccontarsi con alti e bassi nella vita come capita a tutti. Forse però non a tutti capita di risolvere i "bassi" della vita, fumando se così si può dire tanto in tanto. Suppongo infatti dagli effetti di cui parla che forse lei non faccia un uso sporadico del fumo ma ne sia già dipendente. Gli effetti a lungo andare la porteranno ad ottenere sempre meno apparenti benefici a scapito di malesseri. Pirandello scriveva che nella vita incontreremo tante maschere e pochi volti. Lei ha deciso di continuare a mostrare la sua maschera o di scoprire il suo volto?
Le faccio tanti auguri di buona e pronta guarigione. E' possibile ma altrettanto necessario fare appello a tutta la forza di volontà e costanza che le ha permesso di andare avanti nella vita anche se ora dovrà provare ad affrontare gli alti e bassi in altro modo scoprendo risorse di sé che ha assopito.
Dott.ssa Anna Pastore psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La sua esperienza dimostra chiaramente che l'idea, io direi il desiderio, che la cannabis non faccia male è semplicemente un mito che non vuole essere sfatato. Spesso l'uso prolungato di sostanze ritenute innocue portano a episodi transitori di dissociazione o crisi psicotiche lievi. Se si persiste nell'uso della sostanza gli episodi si presentano a distanza sempre più ravvicinata fino ad esordi significativi di patologie psichiatriche.
Da cio che ĺei afferma, mi sembra di capire che si tratta di un primo episodio, pertanto dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. Tuttavia ciò potrebbe indurla a sottovalutare l'evento, giustificando la reiterata assunzione della sostanza. Sarebbe opportuno capire le motivazioni che sostengono il bisogno di ricorrere alla cannabis.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gas,
Innanzitutto vorrei sfatare la sua credenza seconfo la quale la cannabis non faccia male. Nonostante sia una droga leggera i danni che può causare al nostro cervello non sono da sottovalutare. Inoltre, tra gli effetti collaterali possiamo annoverare anche la depersonalizzazione e la derealizzazione che possono essere esperiti a seguito di un attacco di panico (che magari non si percepisce come tale se si è sotto gli effetti di una sostanza). Sovente questi sintomi se ne vanno da soli entro poche ore; altre volte possono permanere per giorno ed anzi faticare a passare senza l'aiuto di uno specialista. Per questo le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo e/o psicoterapeuta e, se ritiene i sintomi tanto invalidanti da interferire significativamente con la sua vita di tutti i giorni, anche ad un neurologo o ad uno psichiatra, in modo che posso aggiungere anche una terapia farmacologica al trattamento.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Debandi Valentina

Dott.ssa Debandi Valentina Psicologo a Valenza

29 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Gas, è inutile negare che a lungo termine l'uso delle canne porta conseguenze a livello neurologico anche gravi come il disorientamento e la depersonalizzazione. Il mio consiglio è di rivolegersi a uno specialista che possa valutare l'entità del suo malessere e optare per un trattamento farmacologico e psicoterapeutico.
Cordiali saluti, dott.ssa Marzero Cinzia

Dott.ssa Cinzia Marzero Psicologa-Psicoterapeuta Psicologo a Moncalieri

143 Risposte

144 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

buongiorno, concordo con la collega. L'uso regolare di cannabis può portare deporsaniliizzazione e derealizzazione. Visto che per Lei mi sembra sia una "dipedenza" le consiglio di contattare un collega per valutare il suo rapporto con le sostanze e capire cosa la porta ad essere così dipendente da esse.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alessandra Pisano

Dott. ssa Alessandra Pisano Psicologa- Psicoterapeuta Psicologo a Torino

5 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La sua esperienza dimostra chiaramente che l'idea, io direi il desiderio, che la cannabis non faccia male è semplicemente un mito che non vuole essere sfatato. Spesso l'uso prolungato di sostanze ritenute innocue portano a episodi transitori di dissociazione o crisi psicotiche lievi. Se si persiste nell'uso della sostanza gli episodi si presentano a distanza sempre più ravvicinata fino ad esordi significativi di patologie psichiatriche.
Da cio che ĺei afferma, mi sembra di capire che si tratta di un primo episodio, pertanto dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. Tuttavia ciò potrebbe indurla a sottovalutare l'evento, giustificando la reiterata assunzione della sostanza. Sarebbe opportuno capire le motivazioni che sostengono il bisogno di ricorrere alla cannabis.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent.mo Gas, sono d'accordo con la Dott.ssa Bottosso, non è vero che l'abuso di cannabis non possa sfociare in episodi di depersonalizzazione e derealizzazione e, la sua storia sembra proprio confermarlo. Probabilmente il meccanismo alla base di questi episodi e da vedersi come uno svelamento di un nucleo dissociante già presente nell'inconscio. Un po' quello che può avvenire in una seduta ipnotica se questa è fatta ad una persona che presenta nuclei di questo tipo. Lei ora sembra essere particolarmente spaventato da questo episodio che, in sé ha forse poco significato sul piano della sua struttura psichica. Ciò nonostante le consiglio di farsi seguire da uno/a collega, con lo scopo di "conoscere" queste parti interne che tanto la spaventano

Studio Medico Psicoterapeutico e Psicoanalitico Psicologo a Milano

15 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve,
non è la prima volta che mi si presentano casi come questo. Ho quasi sempre riscontrato che in ognuno si erano slatentizzati antichi conflitti irrisolti, grazie alla spinta della sostanza che tu usi o altre. Il primo professionista da contattare comunque è uno/a psichiatra per una diagnosi che permetta un intervento tempestivo sulla reazione dissociativa. In seguito si rende necessario un percorso psicoterapico.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

618 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Gas, è vero che in apparenza la cannabis sembra innocua, invece è una sostanza che altera la percezione della realtà e l'effetto accumulo può dare stati di depersonalizzazione e/o scivolamenti depressivi. Le consiglierei di rivolgersi a uno psicologo/psicoterapeuta che possa aiutarla a comprendere fino in fondo e a superare le dinamiche di dipendenza che probabilmente caratterizzano la sua vita.
Luisa De Mari

Dott.ssa Luisa De Mari Psicologo a Torino

14 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente, tra gli effetti dovuti all'abuso di cannabis sono da considerare anche depersonalizzazione e derealizzazione, a maggior ragione se viene consumata in associazione con altre sostanze. Le consiglio di contattare un collega per valutare il suo rapporto con le sostanze e l'eventuale presenza di particolari tensioni o situazioni traumatiche nella sua vita al fine di recuperare il contatto con sè stesso. Cordiali saluti

Dott.ssa Eleonora Bottosso Psicologo a Guastalla

27 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte