Confusione tra il proprio fidanzato e un altro.

Inviata da K20 · 7 nov 2019

Salve, cercherò di essere il più breve possibile: ho 20 anni, sono fidanzata da 4 anni (lui ha la mia stessa età) sono sempre stata attratta e innamoratissima di lui e gli ho sempre dato tutta me stessa, sempre orgoglio da parte per lui, sempre cercato di chiarire ogni litigata,sempre dimostrazioni... tutto. Ugualmente anche lui, nel corso della relazione ci sono state un pó di litigate dovute alla troppa gelosia, troppa organizzazione (che lui non gradisce), troppe limitazioni però nonostante ciò riuscivamo a trovare sempre il modo di continuare a stare assieme...fino ad arrivare in un periodo dove lui per circa 2 mesi era molto distante e freddo nei miei confronti,io gli chiedevo spiegazioni ma lui mi diceva che non aveva niente... dopodiché dopo un ennesima litigata per i soliti motivi lui decide di lasciarmi sul serio stavolta perché a detta sua non riusciva più a soppottare quelle situazioni, si sentiva oppresso, non ci credeva più nella relazione... ci lasciamo per circa 1 mese, io sto malissimo davvero ma tanto. Dopo questo mese torna e mi dice che nonostante era felice di essere libero, di non avere tutta una vita organizzata, di non subire stress e pressioni... ma che allo stesso tempo io gli mancavo davvero, aveva capito che i suoi sentimenti per me erano molto più forti di quanto immaginasse... io ancora innamorata e allora decidiamo di "riprovarci" risolvendo tutte le cose che ci avevano appunto portati a questa situazione... ci riusciamo, lui mi da tante dimostrazioni del fatto di essere pentito, riusciamo a risolvere i problemi e troviamo un equilibrio in cui stiamo bene, ci emozioniamo nel passare del tempo insieme, abbiamo piaceree stiamo circa 1 mese e mezzo/2 così... Quando poi una sera andiamo a ballare insieme con altre coppie e amici,ci divertiamo, stiamo bene... Lui si allontana per andare in bagno e io resto a ballare, fino a quando incrocio lo sguardo di un ragazzo... uno sguardo intenso, lui cerca di avvicinarsi a me ma io mi allontano e per tutta la serata non lo vedo, tornata a casa penso che quel ragazzo abbia una faccia "conosciuta" e facendo un pó di ricerche mi ricordi di averlo visto su instagram tra gli amici suggeriti... lo cerco, lo aggiungo... lui mi contatta chiedendomi se ci conoscevamo già, gli spiego che ci siamo guardati quella sera e da lì iniziamo a parlare un pó... dopo circa 2/3 giorni che parliamo io decido di dirgli che se l avevo aggiunto era solo per curiosità e che era inutile continuare a sentirci...lui accetta. Dopo qualche giorno mi dispiace non sentirlo e sono io a contattarlo, lui capisce subito che mi ero allontanata perché qualcosa non andava... E gli spiego un pó la mia situazione che io ci sto "riprovando" col mio ex nel senso che ci sentiamo e ci vediamo ma ho parecchi dubbi, da li riprendiamo a parlare, lui mi da consigli... parliamo per un bel po, un giorno ci incontriamo vicino casa mia perché lui era di passaggio e ci salutiamo per 5 minuti e io mi sento attratta da questa persona, dopodiché a malincuore organizziamo per vederci, usciamo, parliamo, ridiamo... sto bene, anche se il mio senso di colpa si fa sentire... nonostante tra di noi non ci sia stato nessun bacio o altro... ci sono stati solamente sguardi intensi, qualche parola che dimostrasse che il suo interesse per me era tanto e cose del genere... io con questa persona però mi sembra di non provare solo attrazione, ma anzi... anche se è prestissimo e ci conosciamo pochissimo sento di provare qualcosa in più di un attrazione, sembra che abbia un po di importanza per me, se non lo sento mi manca, ho l interesse che stia bene, che sia felice... E lui prova le stesse cose per me e questa cosa ci fa tanto strana. Lui conoscendo la mia situazione mi dice a malincuore che è meglio per entrambi che io capisca davvero cosa voglio così poi da non illuderlo o altro (ha già avuto esperienze del genere ma poi la ragazza è tornata col suo ex e lui ha sofferto) quindi è meglio se per un pó non ci sentiamo e non ci vediamo. Io non so veramente cosa fare, col mio ex con cui ora ci sto provando ci sono comunque uscita e sono stata bene però non mi sentivo coinvolta al 100%...Mi sono presa una pausa da entrambi... Non sento e non vedo nessuno dei due già da 1 giorno e mi sono promessa di continuare così fino alla fine della settimana... ma non so proprio cosa fare. Io non voglio buttare 4 anni così, il mio ex è comunque una persona con cui mi sono trovata bene, abbiamo condiviso tutto assieme ed il mio sogno è continuare la mia vita con lui, voglio lui... però dall altra parte mi sento troppo presa da questo ragazzo, lo penso spesso,vorrei vederlo... Per me è impossibile scegliere perché se scegliessi di continuare a riprovarci col mio ex da un lato sarei felicissima... ma dall altro non mi sentirei coinvolta del tutto, perché credo che penserei ancora all altro ragazzo come è successo fin ora... E dall altra parte se scegliessi l altro ragazzo non so come sarebbe la mia vita senza il mio ex, mi sentirei malissimo a sapere di non avere più quell amore, quella certezza... di aver buttato tutto.. per una persona che alla fine si, mi da tante emozioni però nemmeno conosco bene... so che la scelta dovrebbe venire da me STESSA e che dovrei scegliere solo ed esclusivamente per me... senza pensare a quello che possa essere o non con l altro ragazzo... Ma io questi dubbi li ho per lui, non posso fingere che non ci sia... aiuto vi prego, non faccio altro che pensare sempre alle stesse cose e la soluzione veramente sembra non esserci.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 NOV 2019

Buongiorno, anche se sono giorni terribili, per lei, dilaniata da questa alternativa.
Oltre a pensare a chi scegliere, forse sarebbe importante pensare anche a chi si è e a come si vuole o si sa di essere.
E cercare (cercare, le soluzioni facili e indolori non esistono) di scegliere coerentemente.
Lei è in periodo della vita in cui si devono affrontare grandi scelte e grandi cambiamenti.
Che a volte avvengono con sofferenza.
Avere il sostegno e l'abbraccio di chi ci vuole bene e, perché no, di chi si è formato per questo, è senz'altro utile.
Spero che ritrovi presto la sua serenità.
Aldo Ferrari Pozzato

Dott.Ferrari Pozzato Aldo Psicologo a Torino

4 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2019

Buongiorno
Lei è ancora molto giovane e ha già esperienza di una lunga relazione, che è andata avanti tra alti e bassi. inoltre, la decisione recente del Suo ragazzo di allontanarsi l'ha sicuramente delusa e destabilizzata e l'ha portata a guardarsi intorno e a domandarsi se per Lei possa esserci altro.
A 20 anni si ha ancora molto da sperimentare.
Mi pare chiaro che Lei si trovi ad un bivio e debba decidere se restare nella situazione conosciuta, col Suo ragazzo, o andare avanti verso la novità sconosciuta.
Credo che la prima cosa da fare, e probabilmente la più difficile, sia capire i Suoi reali sentimenti verso il Suo ragazzo e cosa Lei voglia dalla Sua vita.
Magari potrebbe rivolgersi ad un professionista che La aiuti a chiarirsi le idee in questo percorso di crescita.
Cordiali saluti
Dott.ssa Simona Loi Zedda

Simona Loi Zedda Psicoterapeuta Psicologo a Cagliari

21 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2019

Cara, K20.
Comprendo la sua confusione. Capita di sentirsi divisi e non saper scegliere tra alternative che sembrano escludersi tra loro... per quel che racconta sembra spunta divisa in parti, una legata al ragazzo con cui ha condiviso 4 anni (in cui vi siete dedicati attenzioni, siete cresciuti, ma in cui, forse, per la giovane età vi siede dati vicendevolmente e alla relazione con una dedizione assoluta, molto impegnativa, che è stata rassicurante perché certa ma forse anche soffocante e costringente su aspetti individuali) e l’altra legata al nuovo conoscente (in cui c’è curiosità, attrazione, forse buon dialogo e comprensione ma poco conoscenza). Far chiarezza per partire da se stessa è sicuramente un buon punto di partenza, per conoscersi, capirsi, comprendersi... credo possa essere utile ed interessante rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta, che possa accompagnarLa in questo percorso di conoscenza di se stessa.

Dott.ssa Ilaria Gisondi Psicologo a Trezzano sul Naviglio

78 Risposte

16 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2019

Gentilissima,
nella vita può succedere di trovarsi in un conflitto simile, in cui si desidera portare avanti una relazione ma non si ha la sicurezza che sia la scelta più giusta da fare.
Rivolgersi a uno psicologo può aiutarla ad acquisire maggiore consapevolezza dei suoi sentimenti e dei suoi bisogni, a comprendere perché non riesce a risolvere questo conflitto.
Più siamo consapevoli di noi stessi, più siamo capaci di capire perché viviamo certe dinamiche relazionali e come gestirle meglio.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Irene Capello.

Dott.ssa Irene Capello Psicologo a Asti

14 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2019

Quando ci troviamo in situazioni emotive come quella che sta vivendo non è mai per caso. Lei ha fatto molto bene a prendersi un tempo solo per sé stessa e provare a chiarirsi. Sicuramente le occorrerà un tempo maggiore e l'aiuto di un professionista le sarebbe molto utile. La chiarezza arriverà.

Dr.ssa Maria Abbondati Psicologo a Albano Laziale

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2019

Capisco la sua confusione, ma ciò che le succede si chiama ambivalenza, non è rara: volere qualcosa ma anche volere qualcos'altro.
La mente umana è fatta così. Ha fatto bene a prendersi un pò di pausa, e le consiglierei di starsene un pò con se stessa, utilizzando questo periodo per consultare uno specialista perchè occorre parlare di persona. Credo che, per come è attratta dall'altro, non riuscirà a non vederlo in futuro, e forse è utile anche questo perchè se non lo frequenta e non lo conosce meglio rischia di idealizzarlo, nella fantasia lui sarà perfetto rispetto al suo ragazzo 'reale' e di cui conosce i difetti; forse, conoscendo meglio l'altro, scoprirà cose che la aiuteranno a scegliere ma, soprattutto, a non idealizzarlo. Auguri. Drssa R. Valdrè

Dr.ssa Rossella Valdrè, Psicoterapeuta e Psicoanalista Psicologo a Genova

11 Risposte

8 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24000

domande

Risposte 86500

Risposte