Ansia e paura del futuro

Inviata da Confusa · 8 set 2020

Ho 24 anni e, fin dall'ultimo anno del liceo, non ho praticamente fatto altro che perdere tempo.
Mi è sempre stato difficile concentrarmi nello studio perché mi distraggo facilmente, forse per via della mia situazione familiare, ma, nonostante ciò, mi sono sempre impegnata, almeno fino al 5 anno di liceo. Infatti, durante quell'anno, mio padre, che è un alcolista, ha ricominciato a bere, i litigi sono diventati costanti. Inoltre, vivevamo in un piccolo appartamento, non ho mai avuto un luogo tranquillo ed, essendo distratta da questa cosa, mi sono ritrovata senza amici. Mi sentivo sola a scuola e sola a casa, ho cominciato a pensare molto più di prima, mi sentivo in una situazione senza via d'uscita, tutto ha cominciato a sembrarmi insensato e senza scopo, non capivo perché stavo studiando, non sapevo che cosa avrei fatto dopo, ogni giorno era diventato orribile, avrei potuto piangere in qualsiasi momento, dovevo trattenere le lacrime costantemente. Alla fine, sono riuscita a diplomarmi con fatica e senza nessuna motivazione, ma ho continuato ad avere pensieri costanti sull'insensatezza della vita, sulla morte, sulla religione, nulla mi divertiva, non ero interessata alla realtà e cercavo solo di trovare un motivo per vivere, non riuscivo nemmeno a leggere un libro o a stare attenta durante la visione di un film o anche di una pubblicità. Perciò sono rimasta a casa un anno, in cui sono solo riuscita, con molta ansia, a prendere la patente.
Ho provato a parlarne con mia madre, ma, purtroppo, nonostante sia stata gentile, non sembra aver capito che stavo peggio del solito: ha pensato mi stessi solo lamentando e che fosse il mio solito carattere ombroso. Pensa che gli psicologi siano inutili, ma ha pensato che avessi bisogno di una pausa. Con mio padre qualsiasi dialogo è sempre stato assente.
Dopo un anno, sono andata all'università, stavo meglio, ma non ancora abbastanza per poter studiare e concentrarmi. Cercare di assimilare anche la minima informazione era una tortura e qualsiasi dialogo con una persona che aveva idee anche minimamente diverse dalle mie mi mandava in crisi. Cercavo di fare finta di niente, ma era come se non avessi più un carattere o una personalità : mettevo in dubbio tutto, non avevo nessuna fiducia in me stessa e nelle mie opinioni e avevo sempre dei doloretti alla testa. Ho lasciato l'università, stupendo e deludendo mia madre.
In seguito, mi sono dedicata alle cose che mi piacciono: ho guardato film, mi sono sforzata nel leggere libri, ho migliorato l'inglese e ho preso una certificazione e, piano piano, ho recuperato la concentrazione, l'entusiasmo, anche minimo, per qualcosa. Non so cosa sia stato quel periodo e se quello fosse un inizio di depressione. Il problema è che ho perso anni e, anche se mi sento meglio, sono ancora molto ansiosa e indecisa, ho paura di prendere decisioni per il mio futuro, diffido molto dalle persone, sto molto in casa, non ho amici e parlare con gli altri mi crea molto imbarazzo. Ma, chiaramente, nemmeno in casa sto bene, vorrei tanto andarmene via, non sopporto davvero più i miei genitori, ma non so come fare, non riesco a prendere delle decisioni, non ho motivazione: non so cosa mi piace e ho paura, non scegliendo o facendo delle scelte sbagliate, di assomigliare ai miei genitori o ai miei parenti e questo mi terrorizza.
Mi sento sempre sola e, mi rendo conto che, nonostante io sia più che maggiorenne, non riesco a trovare il coraggio e la decisione per uscire dalla bolla in cui ho sempre vissuto, in cui sto male, ma in cui mi sento più al sicuro di una realtà in cui, a quest'età, bisognerebbe essere entusiasti, solari, determinati e competitivi. Inoltre, non ho idea di come spiegare nel CV il tempo che ho perso e mi sento già vecchia e, allo stesso tempo troppo immatura, a 24 anni.
Mi scuso se ho scritto troppo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 SET 2020

Confusa, il nome che hai scelto per scrivere la tua richiesta di aiuto in realtà non rispecchia i tuoi pensieri. Mi sembra tu abbia un'ottima capacità di ascoltarti, di guardare il mondo che ti circonda e quindi di costruire il tuo futuro. Purtroppo la vita non è stata semplice per te, crescere con un padre con problemi di alcolismo e tutto quello che questo comporta non ti ha reso le cose facili e sicuramente ha minato la possibilità di conoscere persone, farsi degli amici, avere quella spensieratezza che tanto si decanta alla tua età. Ma non esiste una legge che valga per tutti, se la tua storia fino ad oggi non è stata esattamente quella che ci si attenderebbe da una giovane donna, non vuol dire che la vita non abbia per te in futuro tante, tantissime cose belle da regalarti. Ti consiglio di rivolgerti a qualcuno che sappia aiutarti a ritrovare quel sorriso e a riprenderti la serenità che ti spetta. È possibile, davvero. Un caro abbraccio.

Dott.ssa Sara Nepi Psicologo a Prato

99 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29650

domande

Risposte 100900

Risposte