• Accesso Centri
    Italia

Nn mi esce lo sperma

Inviata da gianluca. 02 Ottobre 2012 11 Risposte

Sono un paio di mesi che quando arrivo all'orgasmo nn mi esce lo sperma, sono stato da un urologo mi ha dato una cura delle supposte di proxelan ma nn mi hanno fatto effetto cosa mi consigliate?

11 Risposte di psicologi e utenti di GuidaPsicologi.it

  • Miglior risposta

    Le consiglio di ritornare dall'urologo e comunicargli che la terapia prescritta non ha sortito alcun effetto.
    Cordiali saluti
    Dott. Luca Altieri

    Pubblicato il 09 Ottobre 2012

    29 Risposte

    23 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia rispondono gratis
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    Condizioni
    • 8000 Psicologi a tua disposizione
    • 4200 Domande inviate
    • 28950 Risposte date
    • non serve a niente,rassegnati!

      Pubblicato il 15 Dicembre 2014

      Anonimo
    • Le consiglio di ritornare dall'urologo e comunicargli che la terapia prescritta non ha sortito alcun effetto.
      Cordiali saluti
      Dott. Luca Altieri

      Pubblicato il 09 Ottobre 2012

      29 Risposte

      23 Valutazioni positive

    • trattasi probabilmente di aneiaculazione: raramente ma capita che i sessuologi vedano casi del genere, pur infrequenti

      Pubblicato il 04 Ottobre 2012

      1088 Risposte

      1190 Valutazioni positive

    • Egregio signor Gianluca,
      pur infrequente pare (il condizionale è d'obbligo non avendola mai valutata) un chiaro disturbo sessuologico di stetta competenza del sessuologo clinico. Va contattato quindi un capace sessuologo clinico meglio se psicoterapeuta con buona esperienza
      dr paolo zucconi udine psicoterapeuta e sessuologo comportamentale

      Pubblicato il 04 Ottobre 2012

      1088 Risposte

      1190 Valutazioni positive

    • Salve ricordandole che pone una domanda in un sito di psicologi, psicoterapeuti, le suggerirei di ripetere gli esami che si fanno di routine per la prostatite batterica, non sottovalutando possibili correlazioni al diabete ed all'assunzione di farmaci anti psicotici anti depressivi. Potrebbe trattarsi di una eiaculazione retrograda in vescica, a carattere infiammatorio. Non escludendo anorgasmia psicologica e per questa ragione ha ben fatto a scriverci. Le suggerisco un colloquio in cui approfondire la dimensione e la tipologia dei suoi rapporti sessuali.
      Saluti
      Dr Cristian Sardelli

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      Cristian Sardelli Firenze

      119 Risposte

      26 Valutazioni positive

    • Ricordandole che questo sito è prevalentemente riferito a problematiche psicologiche, è possibile che sussista una concausa organico-psichica, dunque meriterebbe indagare con che frequenza e che tipo di rapporti sessuali ha condotto e conduce. Se ha una relazione stabile o casuale. Rispondere con certezza ad una situazione come la sua è molto difficile senza un coloqiuo di approfondimento.Tuttavia la cura a Lei proposta dall'urologo potrebbe necessitare di un tempo più lungo e magari di un dosaggio diverso di farmaci antibiotici specifici. La difficoltà ad eiaculare può essere a carico di una forte prostatite batterica, di una eiaculazione in vescica anterograda a carattere infiammatorio. Se assume farmaci triciclici o antidepressivi, antidolorifici, antispastici etc. Il suggerimento è quello di non preoccuparsi poiché esistono in ogni caso cure efficaci e focali, si faccia rivisitare dall'urologo e ne parli con il suo medico di base. Non trascuri l'aspetto psicologico ansioso che questa sua condizione porta.
      Saluti
      Dr Cristian Sardelli

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      Anonimo
    • Salve Gianluca,
      se sta facendo terapie con farmaci antidepressivi, questo può essere un effetto collaterale. E' il suo caso?
      Mi scusi se le rispondo con una domanda, ma capirà che c'è bisogno di fare un po' di approfondimento in più di quello che ha scritto.
      Salve e in bocca al lupo.
      Dr. Montenero Alessandro - Rimini

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      70 Risposte

      39 Valutazioni positive

    • Buongiorno,
      Di tornare dall'urologo, se è un problema di natura fisiologica.
      Dott. Piantanida

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      181 Risposte

      45 Valutazioni positive

    • Gent.le Gianluca,
      Le consiglio di ricontattare l'urologo che Le ha prescritto i farmaci, per rivedere la cura o fare eventuali indagini diagnostiche, per escludere un problema organico.
      Dopo aver escluso cause organiche, può pensare di chiedere una consulenza con uno psicoterapeuta esperto in tale ambito.
      Cordialmente,
      Dr.ssa Valentina Segato

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      45 Risposte

      13 Valutazioni positive

    • Caro Gianluca,
      l'eiaculazione retrograda o orgasmo asciutto ha quasi sempre una causa fisiologica (primaria o secondaria) per cui ci sono diverse terapie farmacologiche specifiche che risolvono il problema in poco tempo. Abbia fiducia che troverà il farmaco giusto e non si angusti troppo o rischia di complicare ulteriormente le cose ponendovi sopra un carico d'ansia.
      Spero che le abbiano prescritto i necessari controlli medici urologici radiologici e neurologici per valutare le possibili cause organiche. un piccolo suggerimento pratico: provi ad avere rapporti con la vescica piena, dovrebbe aiutarla.
      Cordialmente
      Dr.ssa Scipioni Alessia, Roma

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      270 Risposte

      83 Valutazioni positive

    • Prenda contatti con uno psicologo, col quale analizzare ciò che sta accadendo nella sua vita psichica.
      Cordiali saluti

      Pubblicato il 03 Ottobre 2012

      Dott.ssa Angela Virone Palma di Montechiaro

      315 Risposte

      103 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande