Xome riconquistare la mia compagna per dare un famiglia serena a nostro figlio

Inviata da gabriele · 1 dic 2016 Terapia familiare

Salve,
Sono Gabriele di 40 anni e da quasi 4 anni ho conosciuto l'attuale mamma di mio figlio. dopo circa 5 mesi di conoscenza lei è rimasta incinta ed oggi abbiamo uno stupendo figlio di tre anni e mezzo . purtroppo la storia parti' male già dall'inizio perchè scoprii che lei aveva una storia con il suo capo ma io entrando da poco nella sua storia pensai che era di transizione e che comunque sapevo di una sua frequentazione e non diedi peso perchè preso da qual sentimento d'amore che ti dice vincerò io .. Certo scoprendo che era il suo capo ed avendomelo astutamente nascosto anche dopo i miei dubbi " lei disse non ti permettere mai più di pensare una cosa del genere" perchè lessi dei suoi messaggi sul cell che parlavano di esplicitamente di sesso .. li mi venne un colpo chiaramente litigai anche perchè tra di loro ci stavano 20 anni di differenza (nei 29 lui 49 all'epoca dei fatti oggi lei 33 lui 53) e lui aveva moglie e figlia.
La caccia in malomodo ma dopo il suo sfrenato tentativo di tornare insieme io troppo innamorato la perdonai subito perchè la volevo con me e dopo un altro mese scoprii che tra di loro non era mai finita. tanto è vero che quando nacque il bambino feci eseguire un test di paternità perchè non avevo fiducia delle sue affermazioni (lei parlava di un amicizia perchè comunque gli voleva tanto bene) .
La storia è proseguita con spaventosi alti e bassi ma tutto sommato per alcuni brevi periodi c'è stata quell'isola felice che poi subito spariva.. dopo due anni scoprii che loro si sentivano regolarmente (detto da lei sempre e solo per amicizia e solo per conferme lavorativi perchè l'aiutava) e che lui gli aveva regalato un paio di scarpe per mio figlio. parti' una mega lite perchè mi sentivo sempre preso in giro e feci la valigia tornandomene a casa.
Ma inutile negarlo mi mancava da morire e mi mancava anche l'idea di aver perso la quotidianità di mio figlio . A questo punto la situazione precipita. lei dopo una settimana che ero andato via da casa "pare" abbia conosciuto un extracomunitario più piccolo di lei per il quale si innammora e ci sta subito a letto . Nel frattempo ci esce anche con mio figlio . Inutile nascondere il mio stato emotivo.. e per mesi ho creato tanto casino affinchè lei lasciasse lui anche perchè non accettavo l'idea che questa persona senza ne arte e ne parte (dedito anche in attività illecite) potesse stare al fianco di mio figlio.. insomma a tirarla breve sono riuscito pian piano a ritornare a casa e parlo di febbraio 2016.. Ammetto però che dentro di lei vedevo sempre malessere e per quanto
si creavano giornate stupende poi si ritornava a vivere la sofferenza. Forse entrambi legati dall'idea della famiglia e del fatto che a detta sua voleva cercare di dare questa cosa a nostro figlio . Solo che dopo l'estate lei conosce un altra persona e si invaghisce nuovamente . Lei nega ma io noto i suoi comportamenti strani fino ad arrivare ad ammettere che non mi ha mai amato e di conseguenza nuove valigie e torno a casa. in questi mesi mi sono comportato diversamente non ho più fatto come l'anno scorso forse anche perchè mi sto un po rassegnando solo che lei al mio allontanamento ha percepito qualcosa ma poi ho notato che le sue attenzioni erano solo frutto di solitudine quando non si sentiva con questa nuova persona. Infatti recentemente si è impegnata per farmi la torta di compleanno e di farmi regali adducendo anche al pensiero che pensa che noi siamo la famiglia più bella del mondo.. che io sono suo.. pensieri carini sui social verso di me ecc ecc.. be dato che comunque non l'ho mai smessa di amare anche se per gelosia la odiavo allo stesso tempo mi sono illuso che sarebbe pian piano tornata lei da me .. ed infatti due giorni fa ho cercato di far l'amore con lei solo che lei non ha voluto per non illudermi . dato che il giorno prima avevamo litigato perchè non vedo un riscontro da parte sua tra il dire ed il fare. intanto nelle ultime settimane pare abbia una nuova relazione con l'inquilino di fronte casa che si sta separando e che vedendo la mia ex compagn disponibile ci sta provando in tutti i modi. io con lui ho litigato perchè mi conosce e mi diceva sempre che sarebbe felice se ritornassimo insieme (eh si un modo strano di pensare ) da premettere che lei ha genitori separati e che ha vissuto in maniera molto traumatica la cosa. Per fortuna con il bambino mi lascia molto spazio e non abbiamo mai litigato su come vederlo e sulle modalità da seguire.. anzi da quando so tornato a casa dai miei genitori è capitato molto spesso di stare tutti e tre insieme ed a volte mi sembrava che nulla fosse successo per come si comportava lei .. (mi preparava il pranzo di domenica mi chiedeva cosa volevo per cena) insomma tutto strano perchè lei oggi mi dice che era solo per il bambino. Solo che per me cosi' è impossibile dimenticarmela e penso anche che non sia salutare neanche per il bambino che cresce con queste fasi altalenanti . la mia domanda è come comportarmi? cercare di aspettare , continuarla a corteggiare oppure credere alle sue affermazioni che non mi ama più farmi una nuova vita? la cosa che mi fa strano e che io sono sempre stato super presente .. sia per lei che per il bambino (a volte sembro io la mamma premurosa) ed a casa ho sempre dato il mio contributo. dato che so lavare cucinare stirare e tutto fare in genere.. le ho dato sempre una mano in tutto .. anche a livello economico (lei lavora e guadagna bene io per quello che posso do tutto quello che guadagno a lei ed il bambino ) perchè per me loro sono tutto! ad oggi non riesco ad accettare l'idea che non ci sarà una famiglia anche perchè nostro figlio stupendo penso la meriti come l'ho avuta io da piccolo ! lei ogni tanto soffre di bulimia non so se questa cosa possa interferire con le sue scelte emotive . un aiuto vostro mi sarebbe utile perchè veramente a volte non so cosa fare.
con stima gabriele

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 DIC 2016

Gentile Gabriele,
è superfluo dirti che questa donna in primis avrebbe bisogno di aiuto psicologico sia per la instabilità emotivo-affettiva che per il disturbo del comportamento alimentare.
E' apprezzabile il tuo desiderio di essere un buon padre per il bambino e se anche la madre vuole essere per lui un buon riferimento affettivo, potresti provare a persuaderla ad intraprendere insieme a te un percorso di psicoterapia di coppia.
E' da chiarire comunque quali sono i sentimenti di questa donna nei tuoi confronti e anche se il rapporto di coppia non dovesse essere recuperabile, la terapia insieme potrebbe essere finalizzata a farvi funzionare in sintonia almeno come genitori del bambino per ridurre al minimo gli inevitabili danni psicologici su di lui conseguenti alla rottura del nucleo familiare.
Se invece da parte sua non avrai alcuna collaborazione, una psicoterapia personale ti potrà aiutare a disinvestire i sentimenti per lei cercando però di mantenere un rapporto civile e amichevole per il bene del bambino.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6943 Risposte

19279 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 DIC 2016

Caro Gabriele, innanzitutto complimenti per la pazienza che hai avuto con questa persona. Tuo figlio meriterebbe sicuramente un po più di stabilità...e anche tu! La tua compagna ha dimostrato di essere ancora un'adolescente, si innamora facilmente e non ha equilibrio ne, soprattutto, idee chiare su quello che significa la responsabilità di un figlio e di una famiglia. Dovresti consigliarle, per il,bene di tutti ma specie del bambino, di intraprendere un percorso terapeutico. In caso non volesse saperne, ti suggerisco di fare tu qualche colloquio, per acquisire stabilità e per riuscire ad uscire, come già suggerito saggiamente dal collega, da questo intricata situazione .
Fallo per tuo figlio, affinché abbia almeno un genitore responsabile e maturo. Cerca di stare con lui il più possibile facendoti aiutare anche da uno psicologo dell'infanzia. La tua compagna non può assolutamente uscire con i suoi compagni portandosi dietro il bambino. Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

793 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84300

Risposte