vorrei un consiglio da parte di un esperto in campo

Inviata da sakura · 23 lug 2021

salve! sono una ragazza di 16 e vorrei qualcuno che mi possa chiarire le idee. i miei “malesseri” sono iniziati quando ero alle medie. alle medie ho avuto molti problemi con i miei “amici”, soprattutto con la mia migliore amica. il peggio erano i miei genitori che non facevano altro che litigare. ricordo di aver cominciato a tagliarmi con un tempera matite o con lamette precedentemente smontate. non appena mi arrabbiavo, tagliarmi era il mio primo pensiero. poi ho cominciato a strapparmi i capelli. questa cosa è durata per circa tre anni. era terribile. non riuscivo a farne a meno, era un dipendenza. mi faceva stare bene, ma allo stesso tempo mi faceva sentire in colpa. mi odiavo e non volevo più uscire di casa. non avevo mai rivelato alla mia famiglia o i miei amici la verità, mi vergognavo e mi facevo schifo. i miei mi avevano portata dal dermatologo, ma lui mi ha solo prescritto alcuni shampoo e creme credendo fosse una caduta di capelli dovuta all’alopecia. fatto sta che l’anno scorso, dopo una giornata stressante, ero sfinita. ero a casa sola e non ce la facevo più. mi sentivo uno schifo e avevo pianto tantissimo, ero sdraiata a terra e mi disperavo perché pensavo che non ne sarei mai uscita. stranamente da quel momento non l’ho fatto più. per circa un anno non ho più sofferto di questa condizione che a quanto pare ho trovato si chiami tricotillomania. adesso, a distanza di un anno, ci sono ricaduta. dopo un anno difficile in cui ho cercato di far crescere i miei capelli e dove ho finalmente guadagnato un po’ di autostima, sono ricaduta come una stupida. adesso mi sento una fallita, inutile ed inferiore. e la mia ricaduta è dovuta appunto da questi ultimi mesi in cui ho notato un’instabilità nel mio umore. vi spiego meglio la situazione: in una giornata io mi posso sentire triste, vuota, senza voglia di vivere, perdo la voglia di fare ogni minima azione, anche il semplice lavarsi. perdo appetito, letteralmente l’ora del pranzo/cena diventa un’incubo per me e mangiare solo due bocconi mi fa sentire piena e male. mi sento inferiore, inutile, una comparsa nella vita degli altri, una fallita. poi ci sono i periodi in cui mi sento iperattiva e disperata, voglio tante attenzioni e comincio a cercare nuovi amici ad idealizzare amicizie perdendomi nei miei sogni ad occhi aperti. poi ci sono periodi in cui sono felicissima e comincio a fare shopping online mettendo tantissime cose nel carrello e comprando tante robe anche cose che in realtà non voglio, infatti poi mi sento in colpa. più che altro compro ciò che potrebbe piacere agli altri così da poterlo indossare e piacere a loro. e tutto questo lo provo in una sola giornata oppure 2. quando mi sento felice divento troppo ottimista e comincio a dire che sto benissimo che in realtà non sto male, che sarò per sempre felice e non avrò mai problemi,comincio a sentirmi come la protagonista del mondo, come se fossi un dio. ma il problema è quando ricomincia di nuovo questo girone. sono mesi che mi dico “andrà bene, stavolta sarò sempre felice” e invece è sempre così, un vai e vieni, mi sento sulle montagne russe. anche i miei rapporti con le persone sono cambiati. comincio ad ossessionarmi con la gente e vederli come le migliori persone del mondo come se fossero la perfezione o un modello perfetto da seguire. comincio a sentirmi inferiore, però se fanno la minima mossa sbagliata comincio a vederli come la peggior persona mai esistita e provo un odio profondo. e tutto questo può capitare anche in una sola giornata. e mi da fastidio, mi sento incoerente. non ho una mia opinione, non riesco a pensare alla mia opinione, mi attacco sempre all’opinione di qualcuno oppure rimango “neutra”. sono stanca, io mi guardo allo specchio e non mi riconosco. durante la giornata penso solo a come farmi del male e quando farla finita. sono sempre in ricerca di affetto e sono terribilmente gelosa (infatti questo ha rovinato molti miei rapporti con amici). quando sto con i miei amici abbraccio tutti e divento troppo appiccicosa, però quando sono a casa ripenso a quanto sono stata stupida e invadente. cerco di comportarmi sempre proprio come si comporta la gente che frequento. non sono MAI me stessa, perché appunto non ho mai capito chi è la vera me stessa. voglio sentirmi bene. a casa non è neanche buona come situazione. non sono la più grande, ma le responsabilità le lasciano sempre a me e io ho sempre cercato di fare il meglio e di essere perfetta ed impeccabile in tutto solo per i miei, solo per piacere a loro e ricevere qualche complimento. adesso mia madre è incinta e questa cosa mi fa arrabbiare tantissimo, a volte immagino me uccidere il/la mio/mia nuovx fratello/sorella perché so che daranno tantissime attenzioni a lui/lei senza fare niente, mentre io che faccio di tutto non riceverò nulla. ho un padre emotivamente assente, non parla mai con me e se lo fa è molto scorbutico. mia mamma mi dice sempre che non ci può fare nulla. loro litigano tantissimo e mio papà ha pure tentato il suicidio e mia mamma me l’ha detto come se nulla fosse durante le videolezioni un paio di mesi fa. sono stanca e non mi sento capita. voglio uscire da questa situazione, mi sono sentita così per tanto tempo che quasi quasi trovo conforto nello star male. certe volte non sento di appartenere a questo mondo, sento di essere troppo gentile per questo mondo. mi sento molto distaccata. ultimante la gente mi parla ed io sono con la mente altrove, in fatti trovo difficile concentrarmi in quel che dice una persona oppure provare emozioni, reagire a quello che mi dice una persona. ci sono alcune volte in cui mia mamma mi dice di fare alcune cose, ma io non riesco a ricordare cosa ha detto, e infatti finisco per chiederglielo più di tre volte perché la mia mente è altrove. è terribile. la gente mi parla e io sono altrove e solo dopo mi risveglio e chiedo loro se mi hanno detto qualcosa. io voglio solo sapere se tutta la gente si sente così, voglio sapere se sono solo io che sto esagerando, voglio sapere se sono valida. voglio sapere se merito di andare da uno specialista. voglio sapere cosa ho, almeno un’ipotesi. più volte mi dico che non ho nulla e che sto fingendo di avere tutto questo. voglio qualche consiglio su come chiedere ai miei genitori di portarmi da uno specialista. grazie per tutti quelli che sono arrivati fino a qui e grazie per eventuali risposte

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte