Vorrei tanto morire

Inviata da paolo · 16 feb 2016 Crisi esistenziale

Tra alti e bassi, tra la routine giornaliera, tra tutto....alla fine della giornata mi ritrovo magari sentendo un po di musica a pensare a come morire. Quale sia il metodo migliore. Sto assumendo un antidepressivo e tante sere penso di prendere tutte le confezioni che ho, bere i tranquillanti che son riuscito a non usare tutti insieme. Ho paura di essere salvato però.
Con una lucida tranquillità penso che sarebbe come spegnere l'interruttore della luce e non pensare più a niente. Né alle cose brutte, né a quelle belle della vita. Non mi interessano più. Certo dovrei fare una psicoterapia: ma i soldi? La costanza? La voglia? Chi me l'ha da? E funziona? Mah, hoi miei dubbi. Secondo me tutti i miei pensieri sarebbero lì ad aspettarmi una volta uscito dallo studio.
Vorrei trovare questa forza. Mi spiace per un mio amico che mi vuole bene e per i miei genitori, ma alla fine se ne faranno una ragione...quel figlio "matto" come han già detto non poteva finire altrimenti. Mi chiedo solo se sarò libero dopo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 FEB 2016

Paolo
Dovresti evitare di crogiolarti in pensieri di morte e condurre la tua mente in modo deciso fuori da questo tunnel buio.
E' vero che soffri di depressione ma devi assumere, per quanto ti è possibile (è credimi puoi fare molto) un atteggiamento mentale meno decadente e disgregante.
A riguardo solo un unico pensiero deve restare e cioè che questo sarebbe il male più grande e devastante che potresti dare (è per il resto della loro vita) a tutti quelli che ti amano.
Ti ripeto esci deciso da questo buio, pensa a come essere forte.
Pensa a come dare forza!
Io credo che tu sia amato così come sei.
Sei amato e non lo sai forse perché non ti ami.
Accettati totalmente e rafforza l'amore per te stesso e per gli altri.
Un caro saluto
Dott Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7277 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 FEB 2016

Caro Paolo,
la vita ti è stata donata da Dio e dai tuoi genitori e non dovresti essere tu a rifiutarla soprattutto perché sarebbe per questi ultimi una offesa ed un dolore immenso e, a differenza di quello che credi, non se ne faranno mai una ragione.
Mi chiedo poi come fai a pensare alla morte mentre ascolti musica che ti dovrebbe far pensare ad altro.
In quanto alla paura di essere salvato, sai bene che ci sono modalità di suicidio da cui nessuno può essere salvato ma ovviamente spero e mi auguro di cuore che tu non faccia di questi progetti ma ne faccia altri che ti tengano per adesso la mente impegnata in altre occupazioni come ad es. una attività lavorativa come occupazione principale ma in mancanza va bene qualsiasi altra cosa.
La depressione può essere qualcosa di terribile che toglie energia e dignità ma che può essere combattuta sia con i farmaci che con la psicoterapia perché spesso ha una spiegazione nella storia della persona, storia che può essere analizzata e riorganizzata modificando pensieri e convinzioni irrazionali e disfunzionali.
Tra queste vi è per esempio, quella della immutabilità della condizione di prostrazione e della mancanza di speranza mentre invece nulla è immutabile e tutto può cambiare come in realtà effettivamente tutto cambia e chi non c'è più perché ha fatto la sciagurata scelta del suicidio, non può ovviamente verificare i cambiamenti che avvengono a dispregio delle sue convinzioni.
Caro Paolo, fai appello, per quanto possibile alla tua dignità intrinseca di persona e dai spazio a quella piccola luce che ti ha mosso a scrivere su questa rubrica per andare oltre e cercare l'aiuto della psicoterapia dal vivo anche se devi rivolgerti all'Asl per contenere la spesa visto che hai anche quella dei farmaci.
Confrontati con l'amico e con le persone che ti vogliono bene ma non per addolorarli bensì per cercare di prendere esempio dal loro apprezzare la vita nonostante le contrarietà o le cose dolorose che certamente anche loro devono affrontare come del resto fanno tutti.
Un cordiale saluto e quando vuoi, se vuoi, facci sapere come va, magari dando più informazioni.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7411 Risposte

20812 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 FEB 2016

Caro Paolo, la condizione in cui ti trovi è sicuramente molto dolorosa e la difficoltà di godere della vita e di trovare la forza per prendersi cura di sè è un grosso peso. Comprendo anche la sfiducia verso un percorso terapeutico, ma credo che l'unico modo di sapere la reale efficacia e l'unico modo per sentire ancora un po' di speranza sia quello di mettersi in gioco, e di certo un percorso psicologico è un buon passo in avanti.
Già il fatto che tu abbia scritto qui vuol dir che la voglia di star meglio e di prendere in mano la vita in maniera più positiva c'è...continua a darti speranza!

A tua disposizione

Dott. Stefano Verri

Dott. Stefano Verri Psicologo a Segusino

14 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 FEB 2016

Buongiorno Paolo,
Dalle sue parole si percepisce molto bene il suo dolore e la sua difficoltà. Racconta di prendere dei farmaci, che dovrebbero essere accompagnati da una terapia. Provi ad affidarsi e fidarsi di un terapeuta, che l'aiuterà a superare questo momento così buio e faticoso. Può rivolgersi anche alla sua asl o chiedere un contatto a chi le ha prescritto i farmaci. Rimango a disposizione per ogni richiesta e chiarimento. Un caro saluto, dott.ssa Valeria Bugatti

Dott.ssa Valeria Bugatti Psicologo a Roma

105 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 FEB 2016

Buongiorno Paolo,
pensare alla morte e al modo come morire, a volte può essere un modo per evitare di pensare alla propria vita. Immagino che se stai prendendo degli antidepressivi tu sia già seguito da qualcuno con il quale confrontarti.
Il quadro di te che proponi andrebbe approfondito ed è difficile quindi darti una risposta in poche righe.
Di sicuro hai bisogno di un sostegno psicologico e ritrovare nuovi significati per poter risentire il diritto e il piacere di essere vivo.

Dott.ssa Maria Cecilia Santarsiero - Studio Santarsiero Psicologo a Roma

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 FEB 2016

Caro Paolo,
Non conosco la tua storia, ma sarebbe importante capire cosa ti ha portato a questo.
Una psicoterapia funziona se ci credi, se lo vuoi, se ti impegni.... ma può funzionare anche in assenza di questi requisiti. Io lavoro in una comunità dove spesso mi é capitato di accogliere persone che la pensavano come te e che uscivano con tutt altro tenore di pensieri.
Permetti a qualcuno di aiutarti, nessuno é inaiutabile.
Resto a disposizione.

Dott.ssa Sabina Marianelli Psicologo a Roma

122 Risposte

63 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97350

Risposte