Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Vorrei solo aprirmi di più ed avere una vita normale...

Inviata da Ciro Guarino il 24 apr 2015 Crisi adolescenziali

Salve a tutti e grazie per l'attenzione. Mi chiamo Ciro e sono un ragazzo con troppi problemi da lasciare alle spalle.
Mi trovo in una situazione di totale incapacità che non mi permette di aprirmi e relazionarmi con gli altri, non so come spiegarlo, io vorrei davvero essere più socievole e dimostrare chi sono veramente ma è come se tra me e loro ci fosse un muro che ho paura a scavalcare. Per questo motivo ho pochissimi amici, solo due di cui mi possa davvero fidare e non ho mai avuto tutte quelle esperienze che hanno tutti gli altri ragazzi della mia età nonostante abbia un bell'aspetto e di solito le ragazze cercano di avere un approccio con me, ma ogni volta che accade mi sento troppo debole per affrontarle e nella maggior parte delle volte scappo via con una scusa.
Vedo i compagni della mia classe ridere e scherzare mentre io sono imprigionato in questa tristezza che mi porto addosso e che non riesco a cacciare via, così mi scambiano per un asociale e forse hanno ragione.
Ho sofferto e soffro molto per questa situazione, in passato avevo crisi di pianto e per un certo periodo ho cercato di tirarmi su e alzare un po' la mia autostima perchè temevo seriamente di entrare in depressione ma ultimamente mi sto accorgendo che non ho risolto nulla e le mie paure e debolezze sono ancora qui.
Forse vi state chiedendo perchè non ho mai cercato aiuto nei miei genitori, la verità e che ho sempre addossato a loro la colpa di ciò che mi succede, forse sbagliando ma in realtà non mi sono mai stati d'aiuto; mia madre era iperprotettiva e non ha mai avuto la forza di reagire contro quello che mi faceva mio padre, mi ha sempre insultato gravemente e picchiato per ogni minima cosa tant'è che ancora oggi ho ferite dentro e fuori, parliamo raramente e non ho la forza di chiamarlo papà. Tutto questo mia ha fatto maturare più in fretta e col tempo ho imparato a dover badare a me stesso da solo cercando qualche lavoretto per comprarmi ciò che volevo.
A ciò si sono aggiunte le esperienze di bullismo in prima superiore e da lì crollò tutto, fu il più brutto periodo della mia vita, passavo tutto il giorno a casa perchè ero sociofobico e non volevo vedere nessuno. Da quando ho cambiato scuola la situazione si è alleggerita ma tutti quegli 'spettri' del mio passato continuano a tormentarmi e non trovo la forza per fidarmi di qualcuno, parlarci e avere una vita sociale come tutti gli altri.
Ho bisogno di capire come posso lasciarmi tutto alle spalle, anche sapendo che non potrò mai riuscirci completamente, ricominciare da zero, guardare la vita con ottimismo e sorridere finalmente.
Grazie a tutti quelli che risponderanno, so che avrò scritto un poema ma non è facile spiegare tutto in poche parole, grazie davvero.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Ciro
ho letto con molto interesse la tua lettera ammirandoti davvero tanto per la lucidità, sincerità con cui hai scritto la lettera e coraggio dimostrato dal racconto della tua vita.
Anche io sono molto sincera nel dirti queste parole e nella consapevolezza di dirle ad un ragazzo tanto giovane ti faccio ancora altri complimenti.
Vorrei davvero che tu continuassi ad andare avanti con la stessa forza e con sempre maggiore consapevolezza del tuo valore.
Purtroppo la vita, fino ad ora, non è stata tanto "carina" con te ma, in mezzo a tutti questi tormenti, io sento che tu stai trovando una tua strada positiva da percorrere stai facendoti "largo nel mondo". Ancora non si vede bene questo processo ma di sicuro è in azione e vedrai che presto ci saranno dei risultati.
Ora vediamo ancora la stessa realtà di isolamento e di chiusura, il tuo stile di vita così solitario, le tue paure e le difficoltà, ma sotto caro Ciro, si sente la tua inesorabile voglia di miglioramento e sono sicura che tra breve tu partirai alla conquista di nuovi territori e di nuove esperienze.
Già questa lettera è un primo "germoglio" di qualcosa che sta per cambiare.
Vedrai che riuscirai ad aprirti.
Devi fare le cose con molta gradualità, approcciarti con semplicità ai tuoi compagni. Cerca anche la vicinanza delle ragazze tue coetanee e pensa a fartele amiche .
Non preoccuparti troppo di essere impacciato e timido, abbi il coraggio di essere come sei, non mascherarti, l'autenticità, ottiene sempre una risposta ..forse non da tutti ma certo ci saranno persone a saperla cogliere.
Senti fai una cosa, cerca di lasciarti alle spalle tutte quelle brutte esperienze del passato, ora concentrati sul presente.
Vedi se è possibile per te ottenere un aiuto psicologico anche rivolgendoti ad un consultorio giovani o ad un servizio psicologico scolastico.
Altrimenti trova qualcuno per iniziare a socializzare, fatti un amico.
Ciro ci puoi riuscire, sforzati un pochino, apriti un pochino di più, ci sarà qualcuno che ti è un pò più simpatico giusto?
Piano piano conquisterai i tuoi spazi e ti sentirai meglio.
Mi piace pensarti come Ciro il Grande. Grande conquistatore capace di grandi sfide
(E' un Re persiano lo conosci?).
Dai ..poi scrivici ancora! Non vogliamo perderti di vista.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6722 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Grazie a tutti per le vostre risposte, ho davvero voglia di rialzarmi e le vostre parole mi danno ancora più coraggio, so di potercela fare!
Grazie ancora

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Ciro,
Certo non è facile scrivere in poche frasi ciò che si prova e sicuramente non è altrettanto facile risponderti. Ciò che scrivi fa comprendere, comunque, una situazione di disagio e di malessere che influenza la tua autostima e non ti permette di affrontare le sfide quotidiane legate alla tua età ed ai tuoi contesti di vita. In accordo con la collega, ti suggerisco di intraprendere un percorso psicologico per sviluppare e/o potenziare le tue risorse personali e la tua autostima. Puoi rivolgerti anche presso il servizio sanitario della tua zona.
Dott.ssa Antonella Scaccia - Frosinone

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Ciro,
ognuno di noi viene inevitabilmente influenzato dagli eventi che accadono nel corso della vita.. Dalla breve descrizione che ci racconti posso immaginare che il rapporto negativo con la tua famiglia, insieme agli episodi di bullismo, abbiano contribuito ad abbassare la tua autostima.. Quello che ti consiglio è di iniziare un percorso con uno psicologo.. Sono sicura che migliorando la tua autostima ritroverai la serenità che cerchi.
Ti faccio un grande in bocca al lupo!
Cordiali saluti,
Dott.ssa Ilenia La Farina

Dott.ssa Ilenia La Farina Psicologo a Catania

2 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte