Vorrei essere positiva

Inviata da Valentina Matic · 3 nov 2020

Buongiorno siccome ho una mamma schizofrenica che non mi da pace, mi chiama ,ha attacchi di pianto,e via dicendo,sono la sua tutrice,io ho la multipla sclerosi, ho paura per la mia saluta e sono una persona che tiene tutto dentro, non ce la faccio più, sono di malumore con mia figlia, mio marito, non ho voglia di niente.i miei pensieri sono rivolti al negativo. Vorrei la possibilità che il cervello vada in standby.grazie se avete un consiglio, sono disperata

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 NOV 2020

Gentile Valentina,
se lei non è figlia unica dovrebbe poter dividere con fratelli e/o sorelle il peso della gestione di sua madre sia sotto l'aspetto amministrativo che affettivo, tanto più che anche lei ha problemi di salute.
E' indispensabile un supporto psicologico che la aiuti ad affrontare meglio una situazione emotivamente difficile.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).+

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7130 Risposte

20295 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Ok, questa è la bolla dentro la quale purtroppo si muove il tuo mondo, che a quanto capisco non puoi certamente cambiare, la schizofrenia , la sclerosi multipla, ecc. ma potresti provare a spostarti di bolla tu?, provare a ricavarti del tempo in cui stacchi presa del telefono, spegni il cellulare, e rivolgi attenzioni alla tua persona, prova un trucco nuovo, mettiti gli auricolari e ascolta la tua musica preferita, riguardati le foto di quando eri ragazza, riprendi forma e peso, ingigantisciti, e vedrai che gli altri ti sembreranno più piccoli, a quel punto ci sarà di che essere positive, bisogna creare le distanze e assumerle tra noi e la fonte di stress.
Con ammirazione

Dott.ssa Maria Pia Maggio Psicologo a Palermo

8 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 NOV 2020

Ok questa è la bolla dentro la quale ruota il tuo mondo, cose che non puoi purtroppo cambiare come la mamma schizofrenica e la tua sclerosi multipla, ma puoi provare a spostarti di bolla, crearti uno spazio e un tempo dove ci sei tu al centro, stacca la presa del telefono, e spegni il cellulare, truccati, mettiti gli auricolari e ascolta musica, riguardati le foto di quando eri ragazza, riprenditi il tuo peso e la tua forma, datti retta, accarezzati la testa e le braccia con amore, ascoltati ingigantisciti, e vedrai diventare più piccole le tue fonti di stress.
Con ammirazione

Dott.ssa Maria Pia Maggio Psicologo a Palermo

8 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 NOV 2020

Buonasera Valentina,
Il carico che ha sulle spalle è gravoso, sarebbe necessario qualcuno vicino con cui condividere il dolore e la sofferenza.
Tenersi tutto dentro è pericoloso e porta facilmente ad ammalarsi emotivamente, dentro l’anima.
E’ necessario altresì alleggerirsi rispetto ai bisogni di accudimento di sua madre, ricercando sostegno in altri familiari o operatori di supporto ....
Lei come caregiver svolge un ruolo faticoso e pesante, uno spazio d’ascolto per se sarebbe ottimale,
se vuole mi scriva pure in privato,
Cordialmente
Dr.ssa D. Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2240 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2020

Salve, mi spiace per la situazione ed il disagio espresso. Comprendo la sua fatica, legittima, nel prendersi cura amorevolmente di una persona cara con una malattia sfibrante come la schizofrenia. Mi verrebbe da chiederle come mai tende a tenersi tutto dentro e a non lasciar spazio alle sue emozioni e ai suoi pensieri. Non può permettersi di avere un momento per sè? Sono emozioni e pensieri che lei ritiene non accettabili per cui non comunicabili? Siccome sua madre ha la schizofrenia tutto ciò che accade di contorno è meno importante? Ritengo importante che lei intraprenda un percorso di supporto psicologico al fine d fronteggiare la situazione che sta vivendo con i mezzi giusti e, soprattutto, elaborare la sua di malattia e di sofferenza, non meno importante.
Cordialmente, dott. FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

148 Risposte

52 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2020

Buongiorno Valentina, dalle sue parole mi arriva tutta la sua fatica per l enorme carico che gestisce da sola.. in più ha una famiglia una figlia con i suoi bisogni. Ha bisogno di alleggerire, di stare meglio, in primis per se stessa ma anche sua figlia ha diritto a avere a casa con sé una mamma che sta bene, soprattutto psicologicamente. Non conosco la sua storia il contesto dove vive ma spero che abbia una rete sociale e psicologico/sanitaria attivata.. quello che le posso suggerire è chiedere aiuto..resto a disposizione. Un caro saluto AS

Dott. Signorelli Alessia -psicoterapeuta della coppia e della famiglia Psicologo a Milano

9 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2020

Buongiorno Valentina, quello che sta vivendo non è semplice. Le problematiche di una persona con una patologia schizzofrenica sono difficili da gestire, inoltre deve confrontarsi anche con le sue personali problematiche di salute. Non può fare da sola è importante che riesca prima di tutto a prendersi cura di sé stessa, che riesca a raggiungere un livello di benessere ed in equilibrio che le permettano di essere di aiuto a sua madre senza lasciarsi allagare dalle problematicità mantenendo il giusto distacco, di poter affrontare al meglio la sua malattia e nello stesso tempo occuparsi di sua figlia. Un percorso di terapia personale può aiutarla anche a individuare persone, che fanno parte della sua realtà, a cui chiedere un aiuto pratico. È importante poter anche delegare a volte.
La saluto e resto a disposizione per ulteriori suggerimenti.

Dott.ssa Anna Popeo Psicologo a Bassano del Grappa

8 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 NOV 2020

Buongiorno Valentina,
nel messaggio che scrive sento e percepisco tutta la sua tensione ed il carico emotivo che sta vivendo in questo momento delicato della sua vita.
Doppio carico emotivo in quanto da una parte è il tutore di sua madre schizofrenica, una patologia di difficile gestione soprattutto se si è figli della persona. L'altro fardello è dato dal fatto che anche lei ha bisogno di cure e attenzioni dato il suo stato di salute.
Il fatto di tenere tutto dentro non è facile da gestire e la fa e farà stare peggio.
Questa situazione di stress non la sta aiutando a vivere un clima sereno in famiglia, forse anche se difficile dovrebbe cercare di parlarne e cercare il sostegno emotivo di suo marito coinvolgendolo su quello che lei sta attraversando e come si sente.
Non so l'età di sua figlia... immagino che se è una bambina lei Valentina si sente il carico emotivo di non farle vedere e vivere determinate situazioni cercando poi reprimere dento di lei Valentina.
Se è grande anche se potrebbe aiutarla cerca comunque di non coinvolgerla troppo.
In base all'età di sua figlia le consiglierei nel minimo di farle capire quello che sta attraversando a sua figlia.
È un momento delicato della sua vita, proprio perché deve essere forte per sé stessa in primis, lo deve a sé stesa e poi a sua madre in quanto ha bisogno del sostegno emotivo oltre che burocratico del toutor.
Proprio per questo le consiglierei di rivolgersi verso uno psicologo per cercare di gestire emotivamente questa situazione che la distrugge. Le consiglierei, anche, se vuole di rivolgersi a dei gruppi di auto aiuto in quanto in questo modo potrà se vuole condividere in gruppo la sua esperienza, non sentendosi da sola in un momento delicato della sua vita. I gruppi la potrebbero aiutare a gestire il carico emotivo nel momento in cui lo condivide e a non sentirsi sola in quanto altre persone stanno affrontando altre battaglie come lei.

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

13 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Buongiorno Valentina,
è molto importante che lei inizi a pensare al suo bene, in primis per se stessa e poi per la sua famiglia. Tenersi tutto dentro non fa bene, quindi le consiglierei di chiedere aiuto ad un professionista per lavorare su di sé, sulla sua storia e volgere i suoi pensieri verso benessere e positività.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

535 Risposte

239 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Buongiorno Valentina,
il mio consiglio è quello di iniziare a pensare al suo bene, in primis per se stessa e poi anche per la sua famiglia. Non conosco la sua storia, ma dal suo racconto sembra che stia vivendo un momento difficile e delicato, per cui è bene che si prenda in carico.
Potrebbe intraprendere un percorso psicologico per lavorare su di sé e volgere i suoi pensieri verso benessere e positività. Tenersi tutto dentro fa male, sarebbe molto importante che lei inizi ad aprirsi e a lavorare per la sua serenità.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

535 Risposte

239 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Cara Valentina,
nelle situazioni come la sua è facile rimanere schiacciati dal peso delle responsabilità ed è comune, non trovando spazio né tempo per il proprio benessere e la propria cura, avere la sensazione di essere caduti in un vortice scuro di negatività, che ci soffoca e non ci dà aria. E’ difficile riuscire a vedere le proprie risorse quando siamo interamente centrati sull’Altro. Quello che può fare per cominciare a ritrovare un minimo di benessere e cura di sé è ritagliarsi uno spazio personale che sia buono per lei e che le permetta innanzitutto di poter esprimere liberamente i suoi vissuti e sentimenti. Uno spazio del genere può essere ritrovato all’interno di una relazione psicoterapeutica o in un percorso di supporto psicologico. Potrebbe informarsi sui privati o sul CSM della sua zona, a seconda delle sue disponibilità economiche. Per prendersi cura degli altri in maniera adeguata ed efficace è indispensabile cominciare innanzitutto dal prendersi cura di Sé.

Dott.ssa Caterina Berti

Dott.ssa Caterina Berti Psicologo a Torino

89 Risposte

86 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Buongiorno, sicuramente come primo consiglio mi sentirei di indirizzarla nel chiedere un aiuto professionale pratico. Perché il semplice consiglio qui non può aiutarla a gestire una situazione che da quanto scritto da lei si protrae da "quasi una vita" ... è importante lavorare sul proprio benessere psicologico. La stabilità e la serenità mentale aiuteranno poi a gestire in maniera più lucida ciò che ci sta intorno.

Dott.ssa Nadia Pagliuca Psicologo a Torino

95 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Gentile Valentina,
le consiglio di chiedere un aiuto psicoterapeutico per affrontare il negativo, il suo tenere tutto dentro e le difficili situazioni che la riguardano.
Rimango a disposizione
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

477 Risposte

151 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Buongiorno,
la situazione che lei descrive abbisogna di un aiuto concreto ancor prima di un aiuto psicologico. Forse il suo medico o gli assistenti sociali e il CSM che segue sua madre possono indicarle gli aiuti concreti, per se stessa e per sua madre, che la solleverebbero dalla pressione eccessiva. In questo modo la mente si calmerebbe. Successivamente, si potrebbe pensare ad un sostegno psicologico per lei. Alcune Usl lo prevedono.
Dott.ssa Giuliana Gibellini

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

297 Risposte

218 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 NOV 2020

Cara Laura ,
Da ciò che racconta sembra che lei si senta come incastrata in un ruolo che non le può appartiene ora , tanto meno prima : sostenere ed essere il parafulmine della sua mamma. Questo può aver generato nel suo cervello quella percezione che tutto sia negativo e senza via di uscita .
E’ nel suo rapporto con la mamma che lavorerei , pensando che lo “svincolo “ dai genitori , anche se in difficoltà, può solo che generare benessere per tutti .
Un abbraccio

Dott.ssa Fabiana Capobianco Psicologo a Treviso

8 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Cara Valentina, quello che porta su di sé é un peso tanto grande, viene messa a dura prova. Deve essere una persona con una corazza forte, per tenere sotto controllo tutto. É comprensibile che si senta cosí, che veda tutto nero. Si dia la possibilità di elaborare i Suoi vissuti, dando loro un significato, sviluppando nuove risorse che Le permetteranno di restare in equilibrio, senza cedere, vivendo in maniera adeguata. Chieda un aiuto psicologico che possa condurLa in questo percorso verso il Suo benessere.
Le auguro tanta fortuna e serenità.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

609 Risposte

472 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88350

Risposte