Vorrei aiutare un amico che sta passando un brutto momento, ma mi sento inutile

Inviata da Sara · 7 feb 2018 Relazioni sociali

Il padre di un mio amico è stato ricoverato d'urgenza qualche settimana fa a causa di alcuni problemi di salute piuttosto seri! I medici poco prima dell'operazione hanno spiegato che le probabilità di non sopravvivenza era parecchio alte e che non volevano assumersi nessuna responsabilità in caso di fallimento, in pratica avevano lasciato intendere che sarebbe morto in ogni caso! Ho trovato di cattivo gusto dare quest'informazione davanti al paziente quando avrebbero potuto chiamarci in disparte ma sembrava che l'operazione fosse andata bene. Qualche giorno fa però sono sorte alcune complicazione (emorragie estese) che hanno portato i medici ad operare nuovamente il paziente e ora è in coma farmacologico e i dottori non danno speranze. Il mio amico è ovviamente distrutto, ma io non so come comportarmi con lui! Ho paura che chiedendo continuamente informazioni possa risultare invadente e fuori luogo, che non chiedendone possa risultare menefreghista, ho paura di poter fare involontariamente qualcosa che possa farlo arrabbiare e gettarlo ancora più nella disperazione, in questo momento in cui è poco lucido! Come dovrei comportarmi? Non conoscevo suo padre da molto, ma anch'io gli voglio bene (parlerò al presente fin quando sarà ancora vivo) e non è giusto essere tagliato fuori in questo modo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 FEB 2018

Cara Sara,
è molto complesso stare accanto ad una persona che sta vivendo un momento delicato come quello che descrive. È comprensibile come in questo momento lei non sappia quale sia il modo migliore per stare accanto al suo amico dimostrandogli il suo affetto e la sua vicinanza, e in effetti non c’è un modo corretto o sbagliato per farlo. Ciò che le consiglio, è di lasciar lui i giusti spazi per vivere ed elaborare questa situazione, dimostrandogli tuttavia la sua amicizia e disponibilità con dei piccoli gesti che per lui saranno sicuramente importanti. Poi starà a lei notare, a seconda delle circostanze, quale sarà il modo che riterrà più opportuno per agire, prestando ascolto a quelle che saranno le sue sensazioni e alla sua sensibilità.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1120 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 FEB 2018

Egregi dottori,
Vi ringrazio moltissimo per aver dedicato un po' del vostro tempo per aiutarmi..
Il padre del mio amico ci ha lasciati ieri,
Sento solo un vuoto incolmabile dentro,
Cercherò di farmi forza e seguire i vostri consigli
Sara

Anonimo Psicologo a Roma

1 Risposta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 FEB 2018

Cara Sara, comprendo quanto sia difficile stare accanto a chi vive una situazione di forte sofferenza come quella della malattia...in realtâ non c'ě una ricetta, l'importante spesso ě non pensare a cosa sia meglio fare o dire. Ció significa provare a "stare" e basta, anche nel silenzio, anche con piccole cose. Se impara ad ascoltare il suo amico anche in quello che non dice si saprâ sicuramente modulare in base al momento. Questi eventi risvegliano in noi impotenza, tristezza, anche paura che ci possa capitare qualcosa di simile: accolga dentro di sě tutte le sensazioni che arrivano, senza combatterle. Le faccia scorrere dentro e dia loro legittimitâ. Se non si "irrigidisce" rispetto a queste sensazioni sarâ anche piû libera di accompagnare quelle del suo amico.
Un saluto,
Dott.ssa Daniela Cannistrá

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

252 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2018

Cara Sara,
comprendo la sua frustrazione nel non poter/saper aiutare il suo amico che si trova in una situazione così drammatica. Il consiglio che posso darle è quello di mettersi nei panni di questo suo amico e provare a comprendere che cosa lei vorrebbe che facesse un suo amico nella stessa situazione. Forse lei dovrebbe solo stare accanto a lui senza fare troppo domande perchè se il suo amico ha bisogno di dire qualcosa lo farà, ha solo bisogno di sapere che lei è vicina e può contare sulla sua presenza nel momento in cui avrà bisogno di parlare o semplicemente di piangere.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

414 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2018

Gentilissima Sara,
sei veramente una persona sensibile e per questo ti sembra di provare empaticamente tutte le sensazioni negative del tuo amico. Considera che ognuno di noi è diverso e quello che potrebbe essere di consolazione per te non è detto che lo sia per lui. In questa situazione che io per prima vivo quotidianamente con alcuni miei pazienti, è sul linguaggio non verbale che devi puntare. Non serve chiedere spesso, ma abbracciare o stringere la mano ( anche una breve telefonata, breve) può valere più di molte parole, in quanto questo è il linguaggio dell' emozione e il dolore non è facilmente razionalizzabile. E non si aspetti che nel dolore il suo amico ricambi tutte le sue attenzioni. Ma di certo lo sosterranno.
Mi faccia sapere.
Alessandra Monticone
Psicologa Asti e via Skype

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

251 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85750

Risposte