Voglia di piangere senza nessuna ragione

Inviata da Charline · 30 gen 2014 Trauma psicologico

Ho 24 anni, in passato ho già fatto psicoterapia per due anni (dai 16 ai 18) perché obbligata dagli assistenti sociali data la mia esperienza di abusi sessuali e affidamento alla nonna paterna, adesso dopo parecchi anni ho capito che mi ha fatto davvero bene perché non ho più nessun problema con gli uomini, ne con la sessualità o con il mio carattere, da ogni punto di vista sento di aver superato ogni trauma fortunatamente. Il motivo per la quale mi rivolgo qui è perché volevo cercare di capire se devo ricominciare ad andare dalla psicologa o è una cosa "normale" il fatto che ogni tanto, mi viene così, di punto in bianco quella sensazione di piangere, a volte piango e mi sento meglio, altre volte piango e mi sento peggio e delle volte resto con quella sensazione ma non riesco a piangere, come fossi "bloccata", mi viene tutto d'un tratto.. e mi sento in una specie di depressione totale senza nessun motivo e senza avere nessun pensiero in particolare...
Devo riprendere ad andare dalla psicologa a fare qualche seduta o può essere una cosa che succede di tanto in tanto? Può essere l'accumulo della giornata, dei mesi, della vita...???
Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 31 GEN 2014

Buongiorno gentile Charline,
le propongo una diversa formulazione per le sue domande: ammettendo che ogni tanto può succedere per i motivi che a fine mail ha detto, il metro per decidere di riprendere con alcune sedute dalla sua psicologa è quello di valutare se questi stati emozionali le impediscono di vivere il quotidiano ed eventualmente scelte importanti in modo armonioso. Con un passato così dificile come il suo, è buona norma rivolgersi ogni tanto al suo curante per dei periodi di sostegno.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2014

Gentile signora Charline,
riprendere contatti con un professionista con il quale si è trovato bene è importante anche in ambito psicologico. Tuttavua per pianto immotivato in particolare corrrelato da altra sintomatologia anche a lei non ben visibile penso sia opportuno conoscere le cause e avere una diagnosi certa da cui poi partire

dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2014

Cara Charline,
piangere è il miglior medico al mondo. Cosi ci si libera dalla tensione, dalla tristezza e dalle emozioni... Se però le sente la necessità di ricominciare la terapia , lo faccia senza dubbio.
Lavoriamo anche on-line e se l'ha interessa mi contati
In bocca la luppo

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

140 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2014

Gentile Charline,
credo che una consulenza con il/la Collega che in passato ha già avuto modo seguirla, possa essere molto utile. L'intervento tempestivo è molto spesso più rapido ed evita che queste "difficoltà umorali" possano incistarsi.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

761 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2014

Salve Charline,
il fatto stesso che queste sensazioni, il piangere o il non riuscire a piangere, le destino preoccupazioni fa presupporre che un incontro con lo psicologo possa esserle d'aiuto. Ciò non significa che lei debba necessariamente riprendere un percorso di psicoterapia, alle volte può bastare anche solo qualche colloquio, cosa che ovviamente deciderà con lo psicologo. Le auguro il meglio.
Dott.ssa Sabrina Fiorillo

Dott.ssa Sabrina Fiorillo Psicologo a Milano

6 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2014

Gentile Charline, il pianto è la manifestazione di uno stato interiore. Potrebbe trattarsi di situazioni inconsce che si ripresentano alla mente senza il volere della persona e generano la reazione da lei vissuta. Ha un passato difficile quindi le suggerisco il consulto con uno psicologo per comprendere meglio questo vissuto.

Saluti

Dott. Michele Matera Psicologo a Bologna

14 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88450

Risposte