uscire dalle crisi di panico?

Inviata da Giovanni · 20 ago 2017 Attacchi di panico

Buongiorno,
sono un ragazzo di 20 anni e da circa un anno soffro di ansia e di attacchi di panico. Tutto ha avuto inizio lo scorso anno, durante il periodo della maturità: un giorno sono svenuto e dopo essere andato dal medico, mi aveva chiaramente detto che era stato provocato da uno stato di ansia. Fino a quel momento avevo sempre negato di essere una persona ansiosa perché non avevo nulla di cui preoccuparmi (soprattutto a livello scolastico). Con il passare del tempo la situazione sembra essere peggiorata, soprattutto da quando lavoro in un supermercato; qui, quando c'è molta gente, temo di svenire e di avere delle crisi di panico (già per altro accadute) e sono costantemente in ansia anche prima di andare a lavorare. Tra l'altro provo delle sensazioni come senso di confusione, orecchie che si tappano, senso di vomito, occhi offuscati che mi fanno pensare a quel momento in cui sono svenuto. Come posso fare per superare questa situazione e tornare ad essere una persona normale?
Un saluto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 AGO 2017

Gentile Giovanni,

quanto da lei descritto rappresenta la dinamica tipica del disturbo da attacchi di panico, infatti quasi sempre nella storia di chi ne soffre la persona racconta della prima crisi come se fosse un "fulmine a ciel sereno", come di un qualcosa che all'improvviso irrompe nella quotidianità e crea un senso di disagio e caos. In realtà spesso i segnali di una condizione ansiosa sottostante sono già presenti da prima solo che la persona non se ne accorge fin quando essa non si manifesta in maniera più dirompente.
Lei chiede quando tornerà ad essere una persona normale, ma in realtà lei non ha mai smesso di esserlo e si sente anormale perchè evidentemente non ha compreso il senso del suo sintomo. Solitamente il panico rappresenta un segnale di un malessere; è come se la sua mente le stesse dicendo che qualcosa in questo momento non va bene e deve cambiarla, quindi il primo consiglio che mi permetto di darle è quello di iniziare a cambiare prospettiva, evitando di vedere il suo stato attuale come una malattia, e valutando invece cosa le sta succedendo in questa fase della sua esistenza e se c'è qualcosa che la turba in particolar modo.
Spero di essere stato chiaro ed esaustivo. Per qualsiasi altra informazione resto a disposizione. Un saluto.

Dottor Valerio Perfetto

Dottor Valerio Perfetto Psicologo a Napoli

4 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Attacchi di panico

Vedere più psicologi specializzati in Attacchi di panico

Altre domande su Attacchi di panico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16900

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85850

Risposte